Una marogna non è solo un mucchio di sassi, ma anche un pezzo della nostra storia.

 I muri di pietra hanno esercitato su di me, ed esercitano ancora, un grande fascino. Rappresentano anzitutto un limite, una terra di confine. Come tutti i limiti, sia fisici che mentali, anche i muri di pietra stimolano il desiderio di superarli, di vedere cosa c'è oltre.

Il pensiero creativo può liberamente espandersi nell'immaginare, al di là di questa inutile barriera, una realtà diversa da quella conosciuta, un nuovo mondo da esplorare e da conoscere.

Il limite allora si annulla e, di là del muro, tutto può succedere. Tant'è che, quando si descrive un grande cambiamento, una sostanziale trasformazione della propria vita, è comune esprimersi con la frase:"saltare il muro", o "saltare il fosso" (Ah! Il fosso! Altro mondo meraviglioso da esplorare!).

Osservando il muro si possono inoltre cogliere una miriade di particolari, sulla superficie visibile: il colore e la consistenza delle pietre, o mattoni che siano, la loro forma, la loro dimensione; altrettanti particolari si possono realisticamente immaginare al suo interno. Esposti al sole o eternamente in ombra, i muri si vestono, col tempo, di muschi e licheni: gialli, bianchi, grigi o verdini; dalla consistenza soffice e morbida o secca, come mummificati negli anni, ma ancora vivi e saldamente abbarbicati al loro supporto.

Nelle crepe che separano un sasso dall'altro spesso mettono radici piccole piante rampicanti che si protendono con lunghi rami alla cerca di un tiepido raggio di sole o dell'umore fresco della notte. Anche i semi, portati dal vento, di piante pi˘ grandi, di alberi addirittura, possono trovare riparo nei protettivi interstizi dove la terra e l'acqua, infiltrate tra pietra e pietra, offrono alimento alle giovani radici.

In poco tempo il muro si arricchisce di verdi fronde, carezzate dal vento, che creano nuove ombre e ulteriore riparo a lucertole, scarafaggi, ragni ed altri insetti. I muri diventano così veri e propri condomini nei quali convivono armoniosamente mille piccoli esseri, spesso a noi invisibili, certamente poco considerati, che danno spessore e consistenza alla multiforme e generosa creatività della vita.

Ciò che non vediamo dei muri, e in particolare dei vecchi muri di pietra, è la loro storia, i racconti delle mille creature che hanno condiviso la loro esistenza e di essa hanno goduto. Non vediamo le genti che hanno espresso la loro creatività ed il loro ingegno nell'atto stesso di costruire quei muri.

 Ma se osserviamo attentamente ci accorgiamo che ogni muro, in ogni parte del mondo conosciuto, racconta la storia di quelle genti, il loro modo di vivere, la loro cultura.

Può raccontare anche la storia della natura, dell'ambiente in cui é inserito. La tessitura delle pietre, spesso accatastate una sull'altra con meticolosa precisione, é espressione manifesta della pazienza, della tenacia e dell'amore che quelle genti avevano per la loro terra e per tutto ciò che essa poteva offrire.

Allora comprendo quanto sia importante non rimanere solo spettatore, di fronte al muro, ma cercare di diventarne intima parte. Essere dentro al muro, come essere dentro alle cose o nel cuore degli uomini, significa allora riuscire a cogliere la loro essenza, la loro storia. Significa comprendere il perché del loro essere, i processi del loro divenire, le finalità della loro manifestazione. Essere dentro significa conoscere per poter comprendere, giacché solo la comprensione può accrescere in noi la capacità di amare.

Luciano Zimmamosca

Contenuti correlati

Magro e Bettini: come monitorare il territorio
Magro e Bettini: come monitorare il territorio L'appuntamento è per sabato 19 novembre, alle ore 15:00, presso il Monastero del Bene Comune di Sezano. Uno degli obiettivi che ci siamo proposti è quello ... 621 views Mario Spezia
Riflessioni sulla Pasqua
Riflessioni sulla Pasqua Con la manifestazione di sabato 5 aprile, varie associazioni di Verona hanno voluto denunciare le atroci sofferenze inflitte ogni giorno agli animali. In partic... 582 views movimento_vegetariano_no_alla_caccia
Lettera a mio figlio
Lettera a mio figlio Vola alto, figlio dell'Universo! Vola sopra il mondo, sentendoti parte di esso, ed osserva!Chiediti quanti uomini, e animali e piante vivano nei vari conti... 734 views luciano_zinnamosca
La mistica del nazismo e la specificità della Shoà
La mistica del nazismo e la specificità della Shoà Giornata della memoria: Davide Assael, professore di filosofia, venerdì 29 gennaio alle 18 alla Fondazione Centro Studi Campostrini.La vita di un bambino ebreo ... 543 views loretta
L´attacco a cultura e bellezza
L´attacco a cultura e bellezza Salvatore Settis, La Repubblica, lunedì 31 maggio 2010. Prosegue alacremente il cantiere di smontaggio dello Stato. Sotto l´etichetta di "federalismo demaniale"... 587 views redazione
Natale sotto il vampiro
Natale sotto il vampiro Cielo grigio e pioggia, con qualche squarcio di sereno. Quest'anno a malapena ci si fa gli auguri, spesso neanche quelli.La speranza, l'aspettativa, la mer... 497 views Mario Spezia
La megalopoli padana
La megalopoli padana Proponiamo un breve estratto dal libro di Eugenio Turri: La megalopoli padana, pubblicato da Marsilio Editori nel 2000. Le esigenze che emergono da questa anali... 976 views Mario Spezia
Il sapere delle mani - 2
Il sapere delle mani - 2 "La realtà ci tocca nella stessa maniera in cui noi la tocchiamo: duramente o dolcemente." G. Bachelard.Assistiamo spesso ad un fatto curioso: parecch... 489 views Mario Spezia