Il traforo fa parte di un sistema di traffico basato sul mezzo privato e va ad aumentare il traffico nella direttrice Piazza Isolo – Via Mameli.

Le migliori città europee ci hanno insegnato che il problema si risolve con un sistema efficiente di trasporto pubblico.

La settimana scorsa il sindaco Sboarina ha rilanciato il progetto del traforo corto, "una strada ad uso urbano tra Ca' di Cozzi e Poiano, che verrebbe a costare un decimo del progetto precedente".

Sui costi e sul finanziamento si è immediatamente scatenata la bagarre. In due giorni il costo è passato da un decimo ad un quinto e i 53 milioni della società autostrade hanno cominciato a ballare. Il PD definisce il traforino una soluzione improvvisata e reclama una pianificazione complessiva del traffico. Bertucco, con la sua consueta puntigliosità, spiega che una società autostradale non può finanziare la viabilità ordinaria. Sperotto demolisce il progetto pezzo per pezzo, da Poiano a Ca' di Cozzi, senza dimenticare il collegamento con Verona Nord.

Una cosa è sicura: si continua a ragionare esclusivamente in termini di trasporto privato. L'esempio delle più moderne città europee, dove il trasporto privato è stato largamente sostituito dal trasporto pubblico con un abbattimento massiccio dell'inquinamento e del traffico, non viene neppure preso in considerazione. Sia le grandi capitali che le piccole città europee puntano da decenni su un sistema di trasporto pubblico combinato (bus, navette, filobus, metro) che di fatto rende inutile e non conveniente l'utilizzo del mezzo privato. Non c'è bisogno di esempi, perchè i veronesi sono abituati a viaggiare (chi per lavoro e chi per turismo) ed hanno potuto verificare di persona l'efficienza e la convenienza dei mezzi pubblici nelle varie città dell'Unione Europea.

Non siamo urbanisti e non vogliamo proporre piani del traffico improbabili ed incredibili. Semplicemente, da privati cittadini che si permettono di immaginare una città più vivibile, vorremmo che venissero prese in considerazione anche altre ipotesi.

Per esempio: un bel parcheggio scambiatore in corrispondenza del supermercato Famila in Via Ca' di Cozzi, una linea di metro che viaggia su via Mameli, sotto terra o sopraelevata, si infila nelle Torricelle in corrispondenza della ex-stazione Verona-Caprino ed esce fuori a Poiano, nei pressi dello svincolo della superstrada, dove andrebbe previsto un secondo capiente parcheggio scambiatore.
https://www.bresciainfrastrutture.it/metropolitana/mappa-stazioni-metro/
http://mapa-metro.com/it/italia/brescia/brescia-metropolitana-mappa.htm

I più importanti attrattori di traffico della zona sono l'Ospedale di Borgo Trento e le varie scuole distribuite tra l'ospedale e Ponte Pietra. Le migliaia di operatori e di utenti di questi servizi potrebbero parcheggiare le loro macchine nei parcheggi scambiatori e proseguire verso l'ospedale e le scuole con il mezzo pubblico. Le migliaia di mamme che portano i figli a scuola ogni mattina e li vanno a riprendere al pomeriggio potrebbero imbucare i figli nel metrò, cosa che comporterebbe un ingente risparmio di soldi, di tempo e di stress.

Ricordiamo che nei paraggi ci sono anche il Teatro Romano, la funicolare, e numerosi negozi, uffici ed altre attività, che potrebbero beneficiare di un sistema di trasporto semplice e veloce. Se poi volessimo essere un po' lungimiranti potremmo pensare ad un aumento consistente del flusso turistico, che in questo modo potrebbe venire distribuito fra la Valpolicella e la Valpantena, sperando che tutti abbiano capito che il futuro di Verona non può dipendere dal trasporto di rosso ammonitico tra i Lessini e la Valpolicella, come sostenuto per anni da taluni geni locali.

Particolare non secondario: il metro è a pagamento e quindi, a fronte di un investimento iniziale, garantisce un reddito a lungo termine.

Infine, chi ci vieterebbe di allungare in un secondo tempo il percorso del metro verso la Valpolicella ad ovest, verso la Valpantena ad est o verso il centro a sud?

Contenuti correlati

Tosi e le biciclette (i ladri di)
Tosi e le biciclette (i ladri di) Tosi invoca la galera come deterrente. Perché non ha mai funzionato e non funzionerà mai.Oggi proviamo a riflettere su una cosa banale. Parliamo del bue che dic... 2008 views stefano_zampini
Technital: ora ci prova con Brenzone
Technital: ora ci prova con Brenzone Dopo aver cementificato mezza Italia, la Technital stringe d'assedio la provincia di Verona. In difficoltà le canne del traforo delle Torricelle, ecco una funic... 2072 views Michele Bottari
Decrescita
Decrescita In ricordo de me nono Antonio.I sandali, sensa i calséti,i groppi sul cordòn,che liga la veste maron…Sensa tante arie, s-ceti.Da più de otesento ani,da Dante a ... 1963 views dallo
Que viva la revolucion. O no?
Que viva la revolucion. O no? Dipendenza dal lavoro, dal denaro, dall'automobile, dalla tecnologia digitale: siamo forse la prima generazione che vedrà il crollo del capitalismo, ma non abbi... 1897 views Michele Bottari
Gli alberi? Sono cose.
Gli alberi? Sono cose. Molti credono che le piante, in genere, siano prive di anima. L'idea che le piante non soffrano è antica e legata al fatto che, nell'opinione comune, per soffri... 3108 views luciano_corso
L'incoltura della vite
L'incoltura della vite Siamo andati a vedere i risultati delle potature effettuate durante il mese di gennaio, quando la temperatura scendeva abbondantemente sotto lo zero durante la ... 2795 views Mario Spezia
L'importanza dei canneti La progressiva riduzione dei canneti lungo le rive del basso lago rischia di compromettere il già difficile equilibrio ecologico del Lago di Garda.Strade, porti... 3808 views Mario Spezia
Lombrico d'oro 2019
Lombrico d'oro 2019 Sabato 4 maggio ore 9.30 nella Sala civica di Corte Torcolo a Cavaion.La manifestazione, promossa dal Coordinamento Veronese "Stop glifosate", premia le buone p... 2197 views Mario Spezia