Gli esseri umani sono convinti di fare le proprie scelte in base alla convenienza, una convenienza sempre più individuale e sempre più indotta dai mezzi di comunicazione di massa.

Perchè gli inglesi hanno votato per uscire dalla UE?

Ci possono essere milioni di motivi, giusti, meno giusti, assurdi, fondati, infondati.

Tutti gli inglesi che hanno votato per uscire sono convinti che da oggi il Regno Unito è più forte, più autonomo, più sicuro e che la la loro vita personale migliorerà.

Chi ha votato per rimanere nell'Unione è convinto del contrario.

Per ora gli effetti sono disastrosi e il Regno Unito rischia di spaccarsi, perchè Galles, Scozia e Irlanda del Nord potrebbero puntare a loro volta sull'indipendenza da Londra.

Di sicuro c'è il fatto che un paio di anni fa Cameron ha pensato che questo referendum gli avrebbe fatto vincere la sua campagna elettorale e gli avrebbe permesso di ottenere importanti contropartite da Bruxelles.

Il vero vincitore oggi è Nigel Farage dell'Ukip, il quale, dopo la batosta alle politiche, proprio cavalcando l'euroscetticismo, è ritornato prepotentemente sulla scena. Molti inglesi hanno votato NO convinti dagli slogan razzisti di Farage.

Quasi tutte le leggi proposte ed approvate dal governo Renzi sono giustificate dalla convenienza.

Dei cittadini?

No, del governo Renzi.

Dal Jobs Act alla riforma della Costituzione, passando per la riforma della Pubblica Amministrazione, c'è un disegno complessivo piuttosto evidente che mira ad ottenere il consenso degli elettori promettendo continuamente interventi miracolistici senza incidere minimamente nei gangli vitali della nostra società.

La gestione delle banche fallite, perchè di questo si tratta, è esemplare.

Un altro bell'esempio è quello degli incentivi per le nuove assunzioni e dell'utilizzo dei vouchers.

I voucher permettono di pagare il singolo lavoratore per ora lavorata, senza bisogno di stipulare alcun contratto. Il loro valore nominale è pari a 10 euro, che comprendono la contribuzione in favore della gestione separata dell'INPS (13%), l'assicurazione all'INAIL (7%) e un compenso all'INPS per la gestione del servizio. Il netto per il lavoratore è quindi di 7,50 euro all'ora.

Mesi e mesi di proclami trionfalistici sull'aumento delle assunzioni dovuto a queste misure, quando tutti sappiamo che centinaia di migliaia di lavoratori sono stati prima licenziati e poi riassunti per poter utilizzare gli incentivi, oppure addirittura pagati con i vouchers, ma contabilizzati come nuovi assunti.

E' difficile capire quale possa essere stata la convenienza per i lavoratori ed ancora più difficile convincere gli imprenditori che hanno continuato a pagare regolarmente gli stipendi ai propri dipendenti, senza licenziarli e senza ripiegare sui vouchers, che non sono stati degli imbecilli.

Tutti vorremmo poter usufruire di servizi efficienti e moderni. Vorremmo veder gestire i servizi pubblici con onestà e con capacità professionale. Vorremmo anche essere rispettati in quanto proprietari, pur se collettivamente, di questi servizi.

Gli ultimi governi, compreso quello in carica, hanno intrapreso una strada che va nella direzione opposta. Hanno smobilitato una serie di apparati che avevano il compito di controllare alcuni settori di primaria importanza, vedi il Corpo Forestale dello Stato e le Guardie Provinciali ed hanno consegnato tutti gli uffici pubblici nelle mani dei partiti, che ormai da decenni inseriscono i loro uomini in tutto l'organigramma dei comuni, degli uffici pubblici, delle aziende pubbliche, delle aziende sanitarie, dei trasporti, dei servizi, delle Regioni, senza alcun riguardo per la preparazione professionale e per l'esperienza dimostrata.

Non solo, ma si è provveduto ad eliminare in maniera sistematica dagli stessi uffici tutti quei funzionari ed impiegati che pretendevano di svolgere il loro lavoro con indipendenza, nel rispetto delle leggi e dei regolamenti. Questa prassi ha di fatto svuotato gli uffici pubblici di tutta la competenza e la professionalità che un tempo permetteva agli stessi di svolgere egregiamente il loro lavoro.

Uno stato ridotto in queste condizioni non è conveniente per i cittadini e può facilmente cadere preda del Farage di turno.

Contenuti correlati

Ottimisti e pessimisti
Ottimisti e pessimisti Siamo destinati a essere cancellati dalla faccia della terra, oppure possiamo guardare con fiducia alle magnifiche sorti e progressive dell'umana gente? Il diba... 1336 views loretta
Certificato contro i regali di Natale
Certificato contro i regali di Natale Un falso certificato medico per salvarvi dai regali di Natale, sia quelli da fare che da ricevere.Parte la prima iniziativa del Sélese: dedicata a tutte le pers... 1148 views Michele Bottari
Apocalypse Wine
Apocalypse Wine YouTube censura video sulla coltura industriale del Soave. Dopo il can can nei media, con numerose reazioni politiche, il documentario, girato da una classe di ... 1790 views redazione
Dona il 5x1000 al Carpino
Dona il 5x1000 al Carpino Il codice fiscale dell'associazione Il Carpino è 93196980234. Abbiamo bisogno del contributo di tutti per finanziare le nostre iniziative, che mirano alla tutel... 970 views Mario Spezia
La Francia chiede a 150 cittadini estratti a sorte di proporre soluzio...
La Francia chiede a 150 cittadini estratti a sorte di proporre soluzio... Un esercizio di democrazia diretta di grande respiro.Per 6 fine settimana, distribuiti fino al 26 gennaio, i 150 si riuniranno per elaborare delle proposte cond... 1267 views Mario Spezia
Seedelio, il portale del solare "etico"
Seedelio, il portale del solare "etico" Segnali di vita dalla "green economy" veneta: fra Vicenza e Belluno è nato "Seedelio", un portale web per favorire l'incontro tra domanda e offerta di impianti ... 948 views giulio_todescan
La battaglia cruciale delle grandi opere
La battaglia cruciale delle grandi opere In Valsusa si sta svolgendo lo scontro cruciale per la sopravvivenza del capitalismo così come lo conosciamo. Chi vince, porta a casa la legittimazione del prop... 1088 views Michele Bottari
13 - I vigneti rovinano il paesaggio collinare?
13 - I vigneti rovinano il paesaggio collinare? Wiebke Werwer, Ingegnere Ambientale, PhD presso l'Ecosystem Research Institute di Kiel (Germania) da 9 anni resiede e lavora a Verona.Al contrario di ciò c... 1576 views wiebke_werwer