www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

El piantin de Carlin

 
2015 piantin carlin 16329

Carlo Petrini non ci sta e si ribella all'EXPO da lui promossa. Dovevamo nutrire il pianeta, non rimpinzarlo di hamburger, EXPO Milano è un'occasione persa.

1. "Doveva essere un'agorà del pensiero su ‘Nutrire il Pianeta', il tema con cui abbiamo vinto questa Expo, ma non vedo il confronto sull'agricoltura del futuro e sulla realtà. Questo expo è un'occasione persa."

2. "Quando sento dire che Expo può ospitare tutti, sia noi che McDonald's, mi viene un'aritmia. Se c'è chi vende un panino con la carne a 1,20 euro, come spieghiamo alla gente il valore di allevare e produrre secondo certi criteri?"

3. "Era importante esserci e spiegare le nostre idee, per non lasciare la sedia vuota." (Ah, ecco, la carega)



Questi sono solo alcuni degli sfoghi di Carlin Petrini, fondatore di Slow Food (la massima organizzazione di ecofighetti in Italia) e tra i principali fiancheggiatori di EXPO 2015, a margine di una delle innumerevoli inaugurazioni che ci sottopone con quotidiana perfidia il micidiale marketing EXPO.

Il Carlin frigge a stare, con la sua Slow Food, fianco a fianco con McDonald's, divisi da pochi metri, spazialmente e politicamente.

Non stiamo a commentare la piccata risposta degli hamburgerai ("Slow Food oggi è una specie di multinazionale: è triste pensare che abbia ancora bisogno di opporsi a McDonald's per darsi un'identità"), non priva di ragione.

Quello che non capiamo in questo momento è: ma Carlin, vienlo fora dal Tide? In italiano: se ne è stato fino adesso dentro un uovo di pasqua? Solo adesso si accorge che un'organizzazione che ha McDonald's e Coca-cola come sponsor principali può avere degli obiettivi un po' diversi dalla battaglia contro la grande industria agroalimentare portata avanti da un trentennio da Slow Food?

A Carlin gli girano i ciufoli che al gran tavolo dell'Esposizione Universale si sia seduta anche la multinazionale a stelle e strisce. Gli era stato promesso che sarebbero entrati i contadini, i produttori agricoli, magari pure i Sentinelesi delle isole Andamane o i Boscimani del Kalahari.

Il problema è che la fiera (e lo sa solo Iddio a che serve una fiera nel 2015!) è il parto di un'organizzazione chiamata Bureau International des Expositions che non è certo un gruppo di frati minori, asceti o filantropi. E questi signori hanno un solo scopo: business, mica la salvezza del pianeta.

L'EXPO è da sempre un "circo Barnum", nient'altro che un mega-parco divertimenti, che un paio di secoli fa aveva almeno una giustificazione pratica (far incontrare domanda e offerta mondiale). Oggi, nell'era delle telecomunicazioni, serve solo a ingrassare un piccolo numero di furbetti, tra costruttori e politici.

Un non-luogo, privo di regole e di etica, dove vige la legge della giungla, sottoscritta dagli organizzatori di Expo Milano non ieri, ma parecchio tempo fa.

Caro Carlin, ma come hai potuto fidarti di questi caimani? Quando ci si confonde e si unisce la propria voce a Monsanto, Coca Cola, Nestlè, Eataly e, se vogliamo, pure la 'Ndrangheta, lo si fa consapevolmente. Il rischio di essere presi per il naso non esiste: si tratta di certezza, a priori e dall'inizio.

Scrivi un commento

Utente: Cadelrocolo

E in questi giorni non dimentichiamo il TTIP, altro scandalo di cui si parla troppo poco. Bell'articolo, bravissimi. Anche io avevo provato a discutere con qualche slofuddista che giustificava una presenza a mio avviso ingiustificabile. Se hai un po' di visibilità e non la usi per fare opposizione allora davvero c'è da preoccuparsi. Pianga pure: quando passeranno gli OGM in Italia cosa dirà 'Ah, li conosco... eravamo all'EXPO insieme... parliamone!'
Utente: Antonionicolini

a farci un piantino non sarà solo el Carlin, quanti si sono fatti attrarre dalla visibilità che può dare una manifestazione come questa
Utente: Cristina Stevanoni

Michele, fai bene anche a ricordare la storia dell' Expo, il gran carrozzone che voleva mettere in contatto le nazioni: i fatti dimostrano che così si prendevano reciprocamente la mira da distanza ravvicinata, e preparavano gli obici.
Utente: Attilio Anacleto

Pietrin piange lacrime di coccodrillo...dello Zimbabwe

http://www.lastampa.it/2015/02/28/italia/cronache/allexpo-anche-il-coccodrillo-dello-zimbabwe-ma-il-maialino-sardo-rimane-bandito-a7zdDBV16xO6jyEGXbyA4N/pagina.html