www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

I fiancheggiatori dell'EXPO

 
2014 fiancheggiatori dell expo 14868

Altri adepti si uniscono al coro degli EXPO-entusiasti. Il fiancheggiamento alla manifestazione più inutile ed eco-tossica della storia italiana si allarga a macchia d'olio.

Il sistema neoliberista, tangentaro e colluso sta conseguendo un'altra vittoria su chi pensa e parla fuori dal coro. Mentre alcuni di noi urlano le malefatte di EXPO 2015, molti tra coloro che dovrebbero essere nostri compagni di viaggio si allineano in coda, ansiosi di partecipare alla kermesse dei cementificatori infiltrata dalla mafia. Non si capisce bene se questa ansia sia causata da semplice presenzialismo, oppure se celi dietro di sé qualche tornaconto occulto. In ogni caso la coda c'è, eccome.

Nel precedente articolo, nei commenti, abbiamo visto alcuni casi di strane affiliazioni. Per non infierire non parliamo del PD, partito che di ambientalista non ha più niente, il cui tentativo di estendere il sistema-EXPO all'intera Italia è descritto in maniera più che esaustiva dal PDF Rottama Italia. Qui ci limitiamo a segnalare la brillante iniziativa di Banca Etica, che invece di spronare i suoi soci a star lontani dall'EXPO, li esorta a contribuire con le proprie idee.

"Expo," sostiene il comunicato di Banca Etica, "avrà un senso solo se parteciperà chi s'impegna per la democrazia del cibo, per la tutela della biodiversità, per la difesa degli interessi degli agricoltori e delle loro famiglie e di chi il cibo lo mette in tavola."

"Vogliamo portare," prosegue il comunicato, "il punto di vista della finanza etica al padiglione della società civile promosso da tante organizzazioni italiane e internazionali a Expo 2015." Davvero non condividiamo tutta questa voglia di dare un senso a una manifestazione di palazzinari mangia-territorio, e la cosa ci fa davvero male, visto che molti di noi contribuiscono con energie e denaro al progetto di Banca Etica.

Veramente.org potrebbe fungere da osservatorio dei fiancheggiatori: se volete segnalare qualche comitato, associazione ambientalista, o un qualsiasi ente della cosiddetta 'altra economia' che cade nella rete di EXPO 2015, postate qui sotto un commento. Potrà servire da stimolo per chi non ci pensa, a stare lontano da quel covo di malfattori.

Scrivi un commento

Utente: Attilio Anacleto

EXPO e REGIME: un premier fa amare. Matteo: "..é come se l'Italia non sapesse farsi i selfie...).

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/12/21/renzi-raiuno-cinegiornale-luce-2-0-premier-amare/1286091/
Utente: Attilioancleto

Tra tutti questo è il più rappresentativo

http://m.youtube.com/watch?v=ts0Iyell4w0
Redatore: Mario Spezia

La Mantovani Costruzioni possiede l'80,29% della Società di Progetto titolare della concessione del Traforo. Giusta, quindi, la preoccupazione di Sergio in merito alla possibilità di ritrovarci questa Impresa in casa nostra. Ma come ha fatto la Mantovani a vincere di fatto la gara senza aver mai presentato un'offerta? Semplice: attraverso il meccanismo del cosiddetto "avvalimento". Il Promotore non era in possesso di tutti i requisiti e ha chiesto aiuto alla Mantovani. Un istituto, quello dell'avvalimento, nato per consentire alle imprese giovani con poca esperienza o pochi mezzi finanziari di partecipare a una gara importante inserendosi tra i vecchi del mestiere. Ma l'avvalimento è diventato una presa in giro, e questo caso lo dimostra ampiamente. Si pensi che l'Impresa, amministrata allora da Piergiorgio Baita, dopo il bando aveva chiesto di partecipare alla gara in cordata con altre importanti imprese, ma poi non aveva presentato l'offerta. Come qualsiasi maratoneta che si ritiri prima del traguardo, avrebbe dovuto essere considerata ugualmente una concorrente del Promotore a tutti gli effetti e, per questo motivo, ad avviso del Comitato, non si sarebbe dovuto consentire al Promotore di utilizzare il suo avvalimento. Il Codice dei Contratti è chiare nel vietare ai concorrenti di mettere i piedi su due staffe. Sull'avvalimento giace un esposto del Comitato presso l'Anticorruzione.
Utente: Toni

Ma par la legalità, ghe na sola foto a Verona?

http://www.verona-in.it/2014/11/24/seminario-su-mafia-e-legalita-al-museo-di-scienze-naturali/
Utente: Wlado1974

Errata corrige.

gruppo cgm( non gcm come scritto precedentemente)

Con a aiab slow food e altromercato,

partner in solidale italiano.

È un consorzio sociale immenso con interessi

anche nella gestione dei cie.
Redatore: Mario Spezia

Le associazioni del volontariato hanno una caratteristica comune: costano pochissimo.
Utente: Wlado1974

Banca etica, dentro la fondazione triulza insieme a Acli Arci lega ambiente gruppo gcm

e altri.

http://www.vita.it/societa/media-cultura/cascina-triulza-il-programma-cultuale.html
Redatore: Mario Spezia

I me par dei disperati che ghe core drio a dei clienti che no vol savérghene.
Utente: Serghyei

Per completezza di informazione riguardo alla Mantovani va aggiunto che oltre al fatto che il prefetto di Venezia na ha "congelato" il certificato antimafia, l'Autorità portuale di Trieste, ha revocato l'appalto alla Mantovani per la realizzazione della Piattaforma logistica dello scalo giuliano. L'aggiudicazione provvisoria era andata al raggruppamento di imprese con capogruppo la società padovana, poi la decisione dell'Autorità portuale di annullare l'affidamento a seguito di verifiche effettuate sulle autocertificazioni allegate all'offerta in cui, secondo il Codice degli appalti, è tassativo dichiarare l'inesistenza di possibili cause di esclusione dalla gara, nello specifico cause riconducibili alla sfera della moralità.

Il giudice per le indagini preliminari sullo scandalo Expo definisce la Mantovani spa un "gruppo economico criminale".

La Mantovani ha vinto l'appalto all'Expo con un ribasso del 40,46% (base d'asta 272 milioni aggiudicazione a 162 milioni). Successivamente la Mantovani ha presentato una richiesta per varianti pari a 110 milioni. 162 + 110 = 272. Ma guarda che coincidenza.

Perché tante precisazioni sulla Mantovani? Perché corriamo il pericolo di trovarcela in casa per una sessantina d'anni avendo vinto l'appalto per il Traforo delle Torricelle e Passante Nord.

Come... non ha vinto la gara d'appalto perché non ha partecipato alla gara? Mamma mia che pignoli che siete...
Redatore: Mario Spezia

Obbligatorio vedere il video postato da Sergio.
Utente: Serghyei

EXPO 2015. Nutrire gli AMICI - YouTube

Utente: Attilio Anacleto

Al "seminario globale sull'agricoltura familiare" svoltosi tre settimane fa alla FAO, ci è capitato d'incontrare nei corridoi una delegata Indiana di Via Campesina, la quale ci ha chiesto come ci stavamo preparando all'EXPO in Italia. Con tutta onestà abbiamo espresso a nostra posizione personale, spiegandole che sono stati distrutti 1 milione di mq di terreno fertile, e poi le tangenti ed il malaffare, il partito del cemento, eccetera. La contadina Indiana era basita, alchè gli ho spiegato come certa stampa tentasse addirittura di screditare la figura carismatica di Vandana Shiva. A sua volta ella mi ha lasciato di stucco nel dirmi che non era sorpresa di questo, poichè Vandana Shiva per il suo carattere non è capace di lavorare in team, e che si pone verso gli altri come un Guru. Sarà, ma a me Vandana Shiva piace, soprattutto per la sua limpidezza e sensibilità, in una società indiana in cui la donna ha avuto pari dignità con gli uomini nei tempi antichi, ruoli istituzionali importanti, ma che oggi vede un aumento esponenziale di crimini efferati contro di esse, custodi e fulcro dell'gricoltura famigliare. Paradossale che a Norman Ernest Borlaug (padre della rivoluzione verde responsabile dell'agricoltura mineraria insostenibile)si stato dato il nobel per la pace, e che a Vandana Shiva gli sia contestato perfino il Right Livelihood Award, detto il Premio Nobel alternativo. Comunque questa è una mia opinione personale. L'opinione sull'Expo dell'ambasciatrice per l'Expo Vandana Shiva è riassunta nel seguente articolo. Forse la delegata indiana a cui abbiamo parlato se l'è letto, e magari gli sono venute in mente le opinioni di tre italiani sconosciuti di Via Campesina.

http://www.huffingtonpost.it/vandana-shiva/expo-2015-spreco-corruzione-_b_6150046.html?utm_hp_ref=italy
Utente: Carmen

http://www.magverona.it/le-news-di-mag-verona-n-98/

Expo: nutrire il pianeta, energia per la vita.

Un gruppo di donne di Verona raccoglie la sfida

"È possibile assicurare a tutta l'umanità un'alimentazione buona, sana, sufficiente e sostenibile?"

È questa l'interrogazione alla base dell'Esposizione Universale di Milano del 2015. Possiamo dire la nostra co-progettando un'iniziativa a nostra misura da tenere il 1° maggio 2015 a Verona, e connessa con iniziative femminili di tutto il mondo tramite il sito dedicato?
Redatore: Mario Spezia

http://vaslombardia.org/home/notizie/MILANO_SOSTENIBILE
Utente: Ebernardi1968

Bel lavoro, siamo in pochi terrò gli occhi aperti.