Una certa confusione nelle scarse cognizioni storiche dell'assessore Di Dio sembra essere stata all'origine dell'idea di realizzare il vallo intorno all'Arco dei Gavi.

 

Il vallo di Adriano attraversa l'Inghilterra da est ad ovest all'altezza di Newcastle. Fu fatto costruire dall'imperatore Adriano nel secondo secolo d.C.  per proteggere i possedimenti romani in Britannia dalle invasioni dei Pitti, gli attuali scozzesi. A quei tempi l'Inghilterra si chiamava Britannia e la Scozia si chiamava Caledonia.

Il vallo segna quello che ancora oggi è il confine fra i due stati, almeno secondo l'opinione degli scozzesi.

Il "vallum" era costituito da un muro largo 3 metri e alto circa 4 metri, da un fossato con una miriade di pali acuminati infissi nel terreno e da una strada che correva parallela al muro. A sorvegliare questa fortificazione c'erano alcune legioni con 9000 uomini, tra fanti e cavalieri.

L'arco dei Gavi fu costruito nel primo o, forse, all'inizio del secondo secolo d.C. da L. VITRVVIVS. L. CERDO ARCHITECTVS, un architetto di origine greca nato schiavo, come indica il nome Cerdone, liberato da un cittadino romano di nome Lucio Vitruvio.

E' noto che i Romani del primo secolo d.C. sapevano integrare e valorizzare le risorse umane provenienti da tutto l'impero  molto meglio di noi. Fu dedicato alla gens Gavia, una delle famiglie più potenti della Verona romana.

Eretto sulla via Postumia, a lato della attuale Torre degli Orologi di Castelvecchio (che naturalmente a quel tempo non esisteva), ebbe la funzione di porta della città per chi proveniva da ovest fino al 1805, anno in cui i Francesi lo demolirono per rendere più agevole il passaggio delle loro armate vittoriose. Le pietre che lo componevano furono conservate, le basi e il piedistallo andarono distrutti o dispersi.

Nel 1932 Antonio Avena, direttore dei Musei Civici, con la consulenza di Carlo Anti, si occupò della ricostruzione sulla base dei disegni palladiani. Si decise di erigerlo in una nuova posizione, quella attuale, criticabile e criticata da molti. L'arco appare oggi in una forma integra ma non originale: recenti studi critici e alcune scoperte - ad esempio un elemento angolare di cornice, rinvenuto nel 1961 nel cortile di Castelvecchio - hanno dimostrato errori evidenti nell'interpretazione ricostruttiva.

Ottima documentazione su: www.engramma.it ...

Cosa aveva capito l'assessore Di Dio?

Che i Gavi erano un popolo barbaro sottomesso da Adriano e che per difendere lo storico monumento dai nuovi barbari (writers) niente avrebbe funzionato meglio della vecchia idea dell'imperatore romano: il vallo appunto.

La proposta di un nostro emerito concittadino di risolvere il problema della vigilanza con un paio di telecamere, come si fa dappertutto, era sicuramente meno onerosa e meno impattante, ma del tutto priva dei fascinosi riferimenti storici immaginati dal nostro assessore, da Dio mandato.

I tempi sono quelli che sono ed anche gli assessori. Sembra che, per ora, il progetto non preveda un servizio di guardia composto da legionari a cavallo con mantello verde, ne' i pali acuminati infissi sul fondo del vallo, ma siamo solo all'inizio dei lavori.

Chissà se i nostri architetti, nati liberi ed arricchiti grazie agli incarichi pubblici, sapranno reggere il confronto con il loro collega greco/romano.

Contenuti correlati

Tre prelibatezze invernali
Tre prelibatezze invernali Crepis vesicaria, Taraxacum officinale, Calepina irregularis.Anche in pieno inverno possiamo raccogliere alcune specie selvatiche davvero deliziose. Bisogna pri... 16843 views Mario Spezia
L'auto elettrica non è ecologica
L'auto elettrica non è ecologica Sentenza senza appello dell'Autorità sulla pubblicità francese. Ennesima scoppola per gli ecofighetti, quelli che vorrebbero cambiare il mondo senza rinunciare ... 1734 views Michele Bottari
Non torneranno i prati
Non torneranno i prati Giovedì 23 maggio ore 20.30 a Villa Albertini-Valier di Arbizzano (Negrar) Alberto Peruffo presenterà il suo libro sull'inquinamento da Pfas e sulla distruzione... 2265 views Mario Spezia
Carpino nero e Carpino bianco
Carpino nero e Carpino bianco Due alberi molto comuni e molto simili, almeno all'apparenza. Il carpino nero è l'albero più diffuso nella zona collinare e prealpina veneta e quest'anno è faci... 15939 views Mario Spezia
Redoutè e gli illustratori botanici
Redoutè e gli illustratori botanici Prima che la fotografia ne decretasse il declino, l'illustrazione botanica aveva raggiunto livelli eccelsi di qualità, precisione e verosimiglianza. Per molti e... 4871 views Mario Spezia
Arte e terra
Arte e terra Sabato 2 giugno ore 11, Contrada Cattazzi, Tregnago (Vr)Una ventina di artisti italiani e stranieri annualmente si incontrano in Contrada Cattazzi dove ha sede ... 1876 views Mario Spezia
Svastiche sulla sinagoga
Svastiche sulla sinagoga Mentre in città virtuose si celebrava la Repubblica dando cittadinanza a bambini nati in Italia da genitori stranieri, a Verona qualcuno imbrattava la sinagoga ... 1124 views loretta
Pesticidi: 3 proposte per i sindaci
Pesticidi: 3 proposte per i sindaci Le associazioni ambientaliste della Valpolicella hanno preparato un breve documento che faranno pervenire a tutti i sindaci della provincia di Verona. Le 3 prop... 1457 views Mario Spezia