Tante chiacchiere sui giornali e intanto il saccheggio continua.

Su D-News del 26 maggio 2009, c'è un articolo a firma di Laura Lorenzini che ci informa "Colline, Il Tar boccia la cantina… Niente cantina e niente frantoio nella zona sottoposta a tutela ambientale … (SIC Vajo Galina e Val Borago) a Quinzano".

Come in tutti gli accadimenti italici di questi ultimi tempi, c'è qualcuno che esulta e qualcuno che insorge. Esulta, udite udite, l'Assessore all'Urbanistica Giacino, secondo cui "Noi il territorio lo tuteliamo (sic!, attraverso il PAT adottato dal Comune di Verona l'anno scorso, ndr) e lo dimostra la nostra fermezza nel respingere le richieste di rustici in zone protette". Insorge Confagricoltura, essendo la Quinta E, la ditta destinataria del gran rifiuto, sua associata. "… Ma secondo Confagricoltura il PAT è fin troppo restrittivo. "Gli agricoltori mi riferiscono che, su Verona hanno praticamente chiuso – afferma Luigi Bassani direttore di Confagricoltura -, le zone collinari sono diventate una riserva indiana. E anche sul resto dei fondi agricoli non si scherza …"".

Ahhh, questi agricoltori che alle 7 del mattino partono con i loro SUV dai rustici collinari alla volta dei campi … in città, per ritornare esausti alla sera!

A parte la facile ironia (dietro cui però si nasconde la vera causa del proliferare di annessi rustici in collina), ci preme fare alcune considerazioni.

Lasciamo perdere Giacino (soliti noti 1) che mostra i muscoli in esigui lembi di territorio, per poi essere smentito in Regione dai suoi più influenti e non meno cementificatori compagni di partito (soliti noti 2). Ha ragione Massignan (Italia Nostra) quando dichiara "Per tutelare davvero queste zone servirebbe un parco della collina, che non c'è. Di fronte a questa latitanza, l'urbanistica regionale alla fine ha la meglio".

Da parte nostra, faremo i cani da guardia, oltre a richiedere incessantemente il parco. Abbiamo le mappe satellitari alla primavera 2006 di GoogleMaps del SIC Vajo Galina e Val Borago. E ad ogni aggiornamento di tale mappe mostreremo puntualmente i nuovi nati edilizi nel SIC (Sito di Interesse Comunitario).

Detto questo passiamo a sistemare Confagricoltura. A firma di Camilla Madinelli, sull'Arena del 17/11/2008 era comparso un articolo così titolato :"Verona, in 10 anni erosi mille ettari all'agricoltura. Brancaccio: Saccheggio destinato a continuare". Vittoria Brancaccio è la presidente di Agriturist, "associazione per l'agriturismo, l'ambiente e il territorio, nata da una costola di Confagricoltura". Ecco cosa dichiarava la Brancaccio a Madinelli "Tutti sostengono a gran voce la necessità di rilanciare il turismo valorizzando i paesaggi e l'offerta enogastronomica e tutelando le produzioni agricole italiane. Ma la realtà è un'altra, un continuo saccheggio ai danni dell'agricoltura … Autorevoli studi di urbanistica affermano che quando saranno realizzati i piani di sviluppo territoriale già approvati dai Comuni per i prossimi anni (PAT, ndr), il ritmo di sottrazione segnerà un'ulteriore e rilevante accelerazione".

Caro Bassani e cara Brancaccio mettetevi d'accordo, almeno tra di voi!

Noi non possiamo far altro che notare che quando le cose erano governate dalla Natura e non dal petrolio, Avesa e Quinzano avevano i loro bei frantoi. Ad Avesa era dove adesso si trova l'Osteria del Leon. A Quinzano, addirittura presente fino a una decina di anni fa, poco dopo la curva delle scuole, salendo verso il centro del paese. I contadini, quelli veri, venivano giù dalle stradine bianche della collina con i carri, pieni di olive brucate a mano, trainati da buoi bianchi e possenti.

Fra un po', nolenti o volenti, cioè infelicemente o felicemente, torneremo al perso idillio bucolico.

Nel frattempo tutte le strutture, compresa l'acqua, preziosa forza motrice, sono scomparse dal territorio.

Contenuti correlati

Beata ignoranza!
Beata ignoranza! Finalmente Paternoster scopre che Verona non produce rifiuti sufficienti per giustificare la costruzione di un nuovo impianto a Ca' del Bue. Tosi invece tentenn... 849 views daniele_nottegar
Minima immoralia
Minima immoralia Appunti urbani del nostro eco-critico. Dai particolari nascono riflessioni sulla deriva morale della nostra società.1. BiciclletteBellissimo (sa tanto di sosten... 838 views dallo
Le orchidee di Marezzane e Mazzarino
Le orchidee di Marezzane e Mazzarino Sabato scorso gli animatori del Gruppo Italiano per la Ricerca sulle Orchidee Spontanee (GIROS) hanno accompagnato un folto gruppo di appassionati naturalisti a... 2034 views Mario Spezia
Le succulente o piante grasse
Le succulente o piante grasse Vediamo a quali piante ci si riferisce con questa denominazione, quali caratteristiche le accomunano, dove possiamo trovarle allo stato selvatico.Innanzitutto è... 4660 views Mario Spezia
Farabutti!
Farabutti! Questo è il livello della democrazia nel nostro paese. Diamoci una mossa prima che sia troppo tardi! Che nessuno vada in ferie il 13-14 giugno perchè al ritorno... 944 views mariachiara_alberton
Du papà in un mese solo i sarea massa!
Du papà in un mese solo i sarea massa! El ris-cio l'è che oltre al papà del Gnoco, se cuchemo anca el papi de la Gnoca. Meio no pensarghe e tornar indrio co la memoria ai bei tempi.Da bocia me mama g... 1067 views Mario Spezia
5 - Una viticoltura senza veleni è possibile
5 - Una viticoltura senza veleni è possibile Gigi Aldrighetti, decano dei coltivatori biologici, ci racconta la sua esperienza.Un uomo pacifico, ma non remissivo, partito da lontano e ancora in pista con l... 1424 views Mario Spezia
La TAV sui carri
La TAV sui carri Il sottosegretario ai Trasporti e alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro scherza su date e numeri della TAV, evidentemente travolto dal clima carnevalesc... 1009 views daniele_nottegar