A Verona un Master in 'Comunicazione e Mediazione Interculturale', il primo in e-learning dell'Università degli Studi di Verona, per formare addetti specializzati a lavorare in Italia con cittadini immigrati o di differente cultura nei vari ambiti sociali ed economici.

Il 28 febbraio è l'ultimo giorno disponibile per presentare la domanda d'iscrizione alla seconda edizione del Master di primo livello in "Comunicazione e mediazione interculturale, gestione dei conflitti in ambito aziendale, educativo, sanitario, sociale e dei mass media" (Intercultural Competence and Management) con formazione a distanza e seminari residenziali.

 

Il corso, l'unico in Italia in Comunicazione Interculturale con formazione a distanza e il primo in e-learning dell'Università degli Studi di Verona, è riservato a cittadini italiani o stranieri laureati.

L'esperienza di questi anni ha visto il mediatore linguistico nascere come "colui che sta fra due lingue". In questo senso la lingua ha a che fare sia con il sistema grammaticale e lessicale per mezzo del quale i membri di una comunità comunicano fra loro, sia con la nozione stessa di nazione, sia infine con il concetto di mezzo per l'espressione di una determinata cultura.

 

Il mediatore interculturale è dunque una figura che agisce nella direzione di favorire (appunto 'mediare') gli scambi fra culture combinando le informazioni sulla diversità 'in entrata' (quella dello straniero) con quelle sulla 'diversità presente' (quella della società italiana), ricercando possibilità e modalità se non di accordo, almeno di comunicazione e conoscenza fra esse.

Le nostre società sono e saranno sempre più multietniche. Per costruire una coabitazione pacifica, è giusto puntare sull'integrazione degli immigrati in modo da valorizzare le opportunità offerte dalla loro presenza e prevenire i possibili conflitti. In questo senso la Mediazione Interculturale rappresenta uno strumento fondamentale.

 

La Mediazione Interculturale è una pratica costruttiva che facilita il dialogo e la comprensione tra i popoli e si basa su un approccio che favorisce relazioni basate sulla conoscenza reciproca, sulla disponibilità all'incontro e al confronto dialettico nel rispetto delle diversità. Questa pratica del dialogo fra culture è alla base di un'efficace azione che mira a promuovere l'integrazione.

 

La Mediazione Interculturale da una parte è una risposta ai problemi strutturali e logistici dei servizi, dall'altra è una dimostrazione del ruolo chiave svolto dalla cultura fra gli operatori degli stessi servizi. Cogliere la valenza culturale non solo della domanda, ma anche dell'offerta dei servizi, e soprattutto porre al centro dell'interesse la relazione tra operatori e utenti, costituisce l'oggetto di lavoro della Mediazione Interculturale.

 

Il Master si propone di formare professionisti da impiegare in imprese private e pubbliche che agiscono sui mercati internazionali, in aziende ed enti che occupano personale straniero, nella pubblica amministrazione, in organizzazioni non governative e Onlus, in istituti scolastici e di formazione, in aziende ospedaliere e centri sanitari e nei servizi sociali. Persone che potranno lavorare come consulenti nel settore della Mediazione Interculturale, della gestione dei conflitti, dello studio dei climi aziendali e della relazioni internazionali fra soggetti di differente cultura.

Per il direttore del corso, Agostino Portera, l'obiettivo è "preparare addetti specializzati a lavorare in Italia con cittadini immigrati, o di differente cultura, nei vari ambiti sociali ed economici; oppure a lavorare con persone straniere sui mercati e nelle relazioni internazionali".

Le lezioni cominceranno a maggio 2008 e si concluderanno nel febbraio 2009, con 120 ore di didattica frontale (seminari residenziali), 280 ore di formazione a distanza, 100 ore di stage e con altre ore di studio individuale. Per maggiori informazioni sul Master e sull'iscrizione basta consultare il sito fermi.univr.it ... e rivolgersi al Centro Studi Interculturali, via Vipacco n.7, Verona - telefono: 045.8028147 (al mattino, dalle 9 alle 13), e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contenuti correlati

Lottizzazioni in Veneto
Lottizzazioni in Veneto Nasce un nuovo Consorzio di Bonifica che dovrebbe assorbire i tre Consorzi fino ad ora esistentiIl 6 dicembre si vota per il parlamentino del nuovo "consorzio d... 755 views zorro
Xylella e altri parassiti
Xylella e altri parassiti Di parassiti, di alcuni criminali e di altre questioni. La meticolosa indagine delle comunarde di Urupia mostra i reali motivi dello sterminio degli ulivi in Sa... 1050 views comune_di_urupia
Le riserve di caccia dei Riello a Ronco all'Adige
Le riserve di caccia dei Riello a Ronco all'Adige Ovvero di come un po' tutto stia passando di mano dal pubblico al privato, compresi i finanziamenti pubblici già stanziati.Leggiamo su l'Arena 14 maggio 2014, p... 1651 views Mario Spezia
Linux Day 2012 a Sommacampagna
Linux Day 2012 a Sommacampagna Sabato 27 ottobre, a Caselle di Sommacampagna, dalle ore 16, l'eco-sistema (operativo) entra nelle aziende. Nell'ambito del Linux Day, l'Officina OS3 presenterà... 631 views loretta
Meno magnaroni metaforici...
Meno magnaroni metaforici... ... e più magnaroni veri! (A proposito del Comitato Pro Autodromo di Vigasio)A pagina 13 di D-News del 19 maggio, evidentemente a pagamento, Augusto Ferrari, a ... 784 views dallo
Si torna al nucleare?
Si torna al nucleare? Considerazioni macro-economiche su una risorsa energetica che fa acqua da tutte le parti, non solo in ambito ambientale.La proposta di ritorno al nucleare ha il... 758 views ermanno_butti_presidente_amici_della_terra_club_di_verona
Sabati con le ali 2019
Sabati con le ali 2019 Gli incontri saranno animati da esperti birdwatcher, ornitologi e naturalisti. Un’occasione imperdibile di ammirare belle immagini e splendidi filmati, che offr... 858 views Mario Spezia
La lenta morte del computer
La lenta morte del computer Dopo avergli dichiarato guerra, gli ambientalisti vedono la lenta decadenza del computer. E tutto sommato se ne dolgono, perché il sostituto è peggiore, sotto t... 870 views Michele Bottari