Dopo il brindisi per uno dei più sentiti successi del 'movimento', un momento per contarci e vedere cosa resta da fare. Perché non sia sempre la solita storia.

Ci siamo trovati domenica 24 febbraio scorso,ad Affi presso le Cantine Poggi a festeggiare l'interruzione dell'iter della Affi Pai.

Nella tarda mattinata buona parte dei partecipanti, guidati da Daniela Zanetti del Gruppo Ctg, tra i quali gli on. Borghesi (IdV) e Fogliari (Pd) con le rispettive mogli, Tivelli coordinatore provinciale dell'IdV, il consigliere provinciale del Pd Ruzzenente, i consiglieri regionali Bonfante (Pd) e Pettenò (Sinistra Arcobaleno), hanno potuto conoscere il centro storico di Affi, paese spesso noto solo per il centro commerciale ed il casello dell'autostrada.

 

Ci hanno raggiunto poi l'assessore provinciale Laura Poggi e il sindaco di Costermano Lorenzini, l'assessore di Bardolino Boni e, in rappresentanza del sindaco di Affi, l'assessore Sega. Hanno allietato la giornata il gruppo musicale Venetum Brass e il mimo Sergio.

Dopo il pranzo, preparato dagli amici Baldo Festival anche con i prodotti offerti dal supermercato De Beni e il vino delle cantine Poggi, ha preso la parola la presidente del comitato No Affi-Pai, Maria Cristina Zanini.

Dopo aver ringraziato tutti coloro che hanno contribuito al felice esito di questa battaglia che ha portato all'interruzione della finanza di progetto relativa alla Affi Pai ed allo stanziamento da parte della Regione della somma di 100.000 euro oltre a 60.000 euro stanziati dalla Provincia, per redigere il piano che integrerà tra loro le indicazioni emerse dagli incontri con i Sindaci, ha fatto notare che purtroppo la Provincia non si è ancora chiaramente espressa in merito.Ha ribadito inoltre come sia necessaria la volontà politica, ed è questa che preoccupa un po', per cancellare definitivamente la scellerata Affi-Pai dal Ptp.

Ha fatto notare che, dall'archivio de l'Arena degli anni dal 2002 al 2005, esistono molte similitudini con la situazione attuale; tuttavia le posizioni degli amministratori e di alcune categorie produttive oggi sembrano dimostrare molta più attenzione verso la salvaguardia di un territorio già martoriato.  Oggi come allora, alla fine, la scellerata ipotesi è stata sventata, anche se noi vorremmo che a nessuno venisse più in mente di riproporla, come invece è accaduto.

 

Vogliamo credere che oggi, diversamente da allora, non ci si limiti solo a parlare di ipotetiche soluzioni (interventi sulla viabilità esistente, redazione di piani articolati per creare pettini, parcheggi scambiatori, piste ciclabili, potenziamento e razionalizzazione del trasporto pubblico e altro), tutte proposte già presenti negli anni scorsi ma rimaste poi per la maggior parte ancora da progettare o da realizzare.

Oggi i sindaci egli amministratori hanno promesso che andranno avanti per collaborare alla redazione di un piano che migliori la viabilità esistente. Noi riteniamo che tale piano dovrà integrare la viabilità, l'urbanistica e il rispetto del territorio, limitando anche il traffico privato, senza comprometterne le attività economiche, anche mutuando esperienze di altre zone (Val di Sole, Val Venosta, Capri, Venezia ecc). Riteniamo che il compito della Provincia , in qualità di coordinatore delle proposte dei sindaci sia particolarmente delicato perché è grande il rischio che si arrivi solo a tamponare emergenze senza riuscire a predisporre soluzioni lungimiranti e complessive.

Abbiamo colto l'occasione, durante la festa, per ribadire queste necessità e ringraziare quanti hanno collaborato invitandoli a continuare con coerenza su questa strada, a sollecitare i tempi di realizzazione delle soluzioni individuate, a controllare che non si riparta ogni volta da zero.

I cittadini, attraverso il comitato, hanno dimostrato di voler vigilare su quanto accadrà nell'immediato futuro, confrontarsi e collaborare con amministrazioni ed enti per fare il migliore dei piani possibili magari anche attraverso proprie proposte e suggerimenti.

L'escursione sul Monte Moscal ha concluso piacevolmente la giornata.

Contenuti correlati

Leghisti schierati ai seggi
Leghisti schierati ai seggi Intimidazioni e pressioni indebite presso i seggi denunciate a carico dei rappresentanti della Lega L'elettore che si recava alla scuola "Simeoni" di Monto... 640 views Mario Spezia
Gioielli al macero
Gioielli al macero Una pieve del XII secolo sta andando in malora in Valpolicella. Un gioiello della architettura romanica, la chiesa di San Pietro nel cimitero di Torbe, è da dec... 669 views redazione
Luttwak l'imbonitore
Luttwak l'imbonitore Ieri sera alla Gran Guardia pubblico delle grandi occasioni per uno show tutto sommato deludente, nonostante gli applausi telecomandati della claque e i complim... 1022 views Mario Spezia
Verona patrimonio dell' unASCO
Verona patrimonio dell' unASCO Il Comitato Verona Città Aperta si appella all'Unesco preoccupato della situazione di morte di fatto cui sembra destinata la città (patrimonio dell'umanità), ch... 652 views fulvio_paganardi
Carpino nero e Carpino bianco
Carpino nero e Carpino bianco Due alberi molto comuni e molto simili, almeno all'apparenza. Il carpino nero è l'albero più diffuso nella zona collinare e prealpina veneta e quest'anno è faci... 9326 views Mario Spezia
Mercoledì si stravolge il PAT
Mercoledì si stravolge il PAT Mercoledì 28 il consiglio comunale veronese ratificherà le discutibili modifiche al Piano di Assetto Territoriale approvate dalla giunta. Associazioni e liberi ... 621 views Michele Bottari
Dove inizia la povertà
Dove inizia la povertà Incontro a Villa Buri giovedì sera: mondi a confronto, testimonianze ed esperienze di stili di vita consapevoli, da Perù, Siberia, Argentina, Cuba, Italia.Giove... 657 views Michele Bottari
Valpantena a-dio
Valpantena a-dio La val de tuti i dei o 'l paltàn de tuti i schei?... . Valpanténa a-dìo.(la val de tuti i dei o 'l paltàn de tuti i schei?)Me presento: son ... 902 views dallo