Dopo l'inaugurazione della mostra-evento Nuova scuola di domenica scorsa, la scuola elementare di Negrar continua a vivere il suo nuovo abito, realizzato con il lavoro di circa 200 bambini e 15 artisti, fino a domenica 15 giugno.

Le stanze di "Nuova scuola" rimangono aperte fino a domenica 15 giugno. Fino a questa data si potrà vedere il lavoro svolto all'interno e all'esterno dell'edificio dai 200 bambini della scuola elementare di Negrar e dai 15 artisti coinvolti (Barbarossa, Brentegani, Butturini, Castellani, Cavaioni, Cristini, Danzi, Montrucoli, Mancino, Olivieri, Tagetto, Tarasco, Tinto, Totola, Zampini).

Ogni artista ha scelto una stanza (con l'eccezione di Tarasco e Tagetto, collocati nell'atrio principale della scuola, facce e parole in libertà per il primo, un omino ricavato nel muro e accerchiato dal suo profilo per il secondo, che ricava anche da un minuscolo sgabuzzino uno spazio per una piccola installazione) e ha lavorato in completa libertà d'espressione, dando nuova vita alle aule che dopo cinquant'anni di frequentazione restano ora in attesa di lasciare il posto a una più moderna struttura.

I bambini delle diverse classi hanno dipinto sui muri esterni della loro scuola, su cui hanno anche applicato fotocopie di vecchie foto della scuola, di bambini transitati dall'edificio prima di loro, su cui al suono dell'ultima campanella venerdì alle 12.30 sono stati lanciati centinaia di palloncini riempiti di colore, dando luogo a una stratificazione simbolica di quanto l'edificio ha vissuto e fatto vivere nel corso della sua intensa storia.

I bambini hanno lavorato anche nei due grandi atri, quello al pian terreno e quello al primo piano, oltre che sul pavimento, trasformando l'edificio in un'opera d'arte unica. A ciò hanno decisamente contribuito pure gli interventi dei vari artisti che, ognuno a suo modo, hanno reinterpretato le diverse classi.

Nella Nuova scuola c'è spazio per un'aula dove dominano il rosso e il bianco, dalla porta e dai libri bruciati, ad opera di Tinto, e per l'aula lavagna, completamente rivestita di colore nero e di scritte e disegni fatti con gessetti bianchi e colorati, firmata da Mancino; per un'aula trasformata in un mare blu attraversato da barchette di carta grandi e piccine realizzata da Cavaioni/Olivieri e per un'aula gialla e bianca attraversata da linee curve rosse, nere, verdi e blu, a significare percorsi di vita transitati dalla struttura, ad opera di Alice Castellani; per una stanza salottino dove le foto e le parole di Stefano Zampini si rincorrono, trovando spazio anche su un vecchio divano e per un'aula capace di indurre un forte senso claustrofobico, dove inquietanti figure sembrano uscire dalle pareti, realizzata da Micaela Barbarossa.

Ma anche le colonne dell'atrio, i bagni, il giroscale, i ripostigli e molte altre zone sono cambiate con il passaggio degli artisti e dei bambini, che hanno liberato la loro immaginazione ovunque hanno voluto. Un'esperienza unica e significativa, il compimento di un percorso che cadrà insieme ai muri da cui trae luce. Il gruppo di artisti ha voluto intervenire sull'interno e sull'esterno dell'edificio per far vivere alla scuola un ultimo sussulto prima della sua cancellazione definitiva. Un'opera d'arte a tempo determinato e unica nel suo genere, un luogo in cui quello che è fermo presto vibrerà e si trasformerà in polvere e scarto.

La Nuova scuola di Negrar si può visitare questa settimana, in questi gli orari: mercoledì e giovedì 8:30 - 13:30. Venerdì, sabato e domenica 8:30 - 13:30 e 15:00 - 19:00. A partire da martedì 17 inizierà il processo di demolizione (per martedì 17 sono fissati i carotaggi, dal 20 l'installazione del cantiere che procederà alla demolizione).

La scuola elementare di Negrar si trova in via Cavalieri di Vittorio Veneto – Negrar (Verona)

Per ulteriori informazioni: Stefano Zampini. 3334995300; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contenuti correlati

Atapuerca chiama Fumane
Atapuerca chiama Fumane Non di solo cemento vive l'uomo della Valpolicella, sopratutto se impara a sfruttare bene le opportunità che le si offrono. Nei giorni 15 e 16 marzo si son... 2600 views Mario Spezia
Non è un paese per giovani
Non è un paese per giovani I giovani italiani che devono emigrare per trovare lavoro sono più numerosi dei migranti che vengono in Italia a cercare lavoro.In Italia i professionisti e gli... 1891 views Mario Spezia
Il pericolo dei pesticidi nei vigneti del Listrac-Médoc
Il pericolo dei pesticidi nei vigneti del Listrac-Médoc Questo articolo è apparso su Le Monde - Planète il 19.2.13. L'inchiesta sull'esposizione ai pesticidi dei salariati agricoli e dei confinanti è fondata sulla co... 1726 views Mario Spezia
I fondamentalisti
I fondamentalisti Sono fondamentalisti coloro che agiscono con metodi di lotta intransigenti per raggiungere obiettivi radicali. Cercano lo scontro frontale e puntano alla elimin... 1918 views Mario Spezia
Zaia e la sanità della sorveglianza
Zaia e la sanità della sorveglianza Google ha intenzione di papparsi la sanità pubblica e, come al solito, lo farà in un sol boccone. Il politico più amato dagli Italiani, invece di ostacolarla, h... 6668 views Michele Bottari
'La favola del carpino'
'La favola del carpino' Giuliana Magalini, la 2° Circoscrizione e Il Carpino in un corso di acquerello riservato ai bambini.Il Comune di Verona - Circoscrizione 2a - Commissione Animaz... 1745 views Mario Spezia
Calderoli ex ministro della Repubblica
Calderoli ex ministro della Repubblica Titolare del Ministero per la complicazione degli affari semplici nel governo Berlusconi.....Proverbi e detti popolari:L'à fato la figura del pampalugo. (Con Mo... 1453 views Mario Spezia
Panchina dell'amore o dell'odio?
Panchina dell'amore o dell'odio? Tosi cerca di riqualificare la propria immagine attraverso pagliacciate di dubbio gusto. Ma la panchina dell'amore ha il bracciolo anti-barbone, esattamente com... 2559 views Michele Bottari