Interessante libro di Marco Revelli, che affronta uno dei nodi più importanti della nostra cultura.

Mi è capitato tra le mani una riflessione sulla politica perduta in quanto ormai persa e naufragata ma anche da recuperare e da fare propria come modello di comportamento, di tolleranza e di sguardo verso gli altri.

Tra i meandri non sempre facili delle parole, dei concetti di Marco Revelli, docente di Scienza della politica presso l'università del Piemonte Orientale, espressi in "La politica perduta", un pensiero corre sempre battente, incessante e inevitabile: la rinuncia all' enfasi sui mezzi di potenza.

Per uscire dalla crisi globale da cui siamo incapsulati e ostaggi occorre un'idea forte di abbassamento, una rinuncia al potere visto come potenza, verticalità onnipotente, dominante il mondo, i pensieri, le volontà d'azione; una guerriera in lotta contro il male, depositaria di sicurezza, pace e ordine.

Nel nostro tempo questa ideologia non ha più senso, è franato un sistema che è diventato a sua volta male, custode dell'insicurezza, della guerra e del disordine.

Alla radice c'è una questione di sguardi. La nostra futura città planetaria deve cominciare dalla consapevolezza dell'internalità dell'altro. Si tratta di cominciare a guardare l'altro, cioè a vederlo, percepirlo, accorgersi che esiste. Soprattutto imparare a guardare noi stessi con gli occhi dell'Altro (dopo secoli in cui abbiamo costretto gli altri a guardare se stessi con i nostri occhi).

Se vedi l'altro, lo senti in quanto parte di un tutto, di un noi, allora

la domanda di giustizia è inevitabilemente prima della politica… nessuna politica può essere considerata conforme a giustizia se il perseguimento del suo fine comporta il prezzo dell'ingiustiza, del male causato all'innocente. Una giustizia riconciliativa implicante l'esistenza di un legame, di un nodo da riallacciare.

Anche perché non c'è più Dio che ci guarda dall'alto e ci protegge. La teologia contemporanea ha sperimentato e vissuto anch'essa un abbassamento, una rinuncia all'onnipotenza. Un Dio che ha abdicato ed è ostaggio degli uomini, del potere degli uomini, tutto fatto in nome di Dio, perché Dio lo vuole. Dopo Auschwitz è rinunciataria, è venuta meno un'idea verticale di Dio, dove Giobbe, retto e fedele servitore di Jahweh, di fronte al perché del male non trova risposte dal suo stesso Dio. Giobbe afferma allora il "principio di responsabilità" dell'uomo tra gli uomini al cospetto di un mondo la cui salvezza dipende ormai solo ed esclusivamente da lui, congedando così definitivamente una concezione del divino basato sulla forza, sulla potenza. Non possono più esistere Davide e Golia nemici, ma Davide e Golia alleati contro multinazionali di livello globale e contro governi nazionali. Pensieri e movimenti, quindi in orizzontale, più adeguati al mondo nuovo, alla nascita della seconda modernità, più infra e non supra, una ricostruzione dal basso, dalla relazione. Ci vorrà tempo, ma è certo che se la politica è un male necessario alla sopravvivenza dell'umanità, allora essa ha davvero iniziato a togliersi di mezzo, in quanto il suo senso si è capovolto in insensatezza. Orizzontalità e relazione sono forse l'unica scommessa rimasta agli uomini da giocarsi: ultima partita per dare un senso al mondo.

Sabrina Baldanza

Marco Revelli La politica perduta (Einaudi, Torino, 2003), pp. 137, € 7,00.

Altre pubblicazioni: Le due destre (Bollati Boringhieri, Torino, 1996, La sinistra sociale, 1998 e Oltre il Novecento (Einaudi, Torino, 2001).

Contenuti correlati

Ti amo ma posso spiegarti
Ti amo ma posso spiegarti Guido Catalano è tra i giovani poeti italiani più interessanti e sarà protagonista mercoledì 13 febbraio alle 18, nella chiesa di Santa Maria in Chiavica, del r... 1436 views laura_lorenzini
L'Avanguardia russa e il veleno dell'Occidente
L'Avanguardia russa e il veleno dell'Occidente Un'arte fatta di uomini, di grandi personalità come Kandinskij e Malevič, ma soprattutto di donne e di operai. Perché di loro mi piacerebbe raccontarvi e della ... 1818 views sabrina_baldanza
Puliero l'è un gran vilàn
Puliero l'è un gran vilàn Grande prova di Roberto Puliero ieri sera nel giardino di villa Mosconi-Bertani a Novare di Arbizzano. Straordinaria la scelta dei testi ed efficacissima la rec... 1413 views Mario Spezia
Dal Mani al Theth
Dal Mani al Theth Patrick Leigh Fermor fu (+ 2011) un inglese piuttosto originale: grande viaggiatore, profondo conoscitore della lingua e della storia greca antica e moderna, sc... 2975 views Mario Spezia
Andrew Wyeth
Andrew Wyeth Presi dall'angoscia di veder apparire sulle pagine dei quotidiani locali la pubblicità dell'ennesima mostra dedicata agli impressionisti - francesi o di altra s... 2741 views Mario Spezia
Metti in valigia Romain Gary
Metti in valigia Romain Gary Due libri imperdibili: La vita davanti a sè e Le radici del cieloRomain Gary è nato a Vilnius in Lituania nel 1914. Ha vissuto intensamente: arruolato nell'avia... 1422 views Mario Spezia
Renoir e la Costituzione italiana
Renoir e la Costituzione italiana Il diritto inviolabile alla libera espressione di ogni uomo è al centro della Costituzione come della mostra Mediterraneo, a Genova, Palazzo Ducale, aperta fino... 1425 views sabrina_baldanza
Souvenirs di Verona
Souvenirs di Verona Una riflessione critica sulla mostra di Corot, approdata alla Gran Guardia dopo il fallimento del tentativo di allestire alla Gran Guardia la mostra del secolo ... 1359 views sabrina_baldanza