www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Moglie e buoi dei paesi tuoi

 

La globalizzazione è un sistema economico contro natura, nel senso che si regge solo con una forzatura sistematica degli equilibri naturali.

Questo vale per le merci, per le specie vegetali ed animali e per i popoli.
Nella Lessinia dei tempi andati era in voga un proverbio piuttosto perentorio:
"Né par vache né par done no passar le do colone"
Le due colonne erano due colonnette votive situate dopo i Venchi sulla strada per San Bortolo-Campofontana, che segnavano il confine tra taliani e zimbri.

Che la convivenza sia una cosa complicatissima è risaputo fin dall'antichità. Secondo i due proverbi che abbiamo citato scegliere un compagno/a proveniente dal proprio contesto socio/culturale dovrebbe rendere meno periglioso il trapasso attraverso l'istituto del matrimonio. Non abbiamo statistiche in merito e quindi sospendiamo il giudizio.

Con le mucche il discorso è più semplice. A partire dal XVI-XVII secolo sulle nostre montagne sono state prima selezionate e poi allevate alcune razze bovine che si erano adattate bene al clima ed alle condizioni ambientali della montagna. In genere si trattava di bovini di stazza decisamente minore rispetto ai bovini allevati attualmente. Basta visitare una delle vecchie stalle della Lessinia per capire che le vacche allevate oggi non avrebbero mai potuto entrare in locali così bassi e così angusti. Alcune di queste vecchie razze (Rendena, Burlina, Pezzata rossa, Grigia alpina) negli ultimi decenni erano quasi scomparse, ma ora stanno tornando in voga.

Negli ultimi 50 anni siamo passati dal predominio della Bruna alpina alla Brown Suiss (un incrocio americano della Bruna alpina con un'attitudine lattifera maggiore rispetto all'originale) e poi alla Frisona, che attualmente rappresenta il 90% dei capi di allevamento. La Frisona può produrre anche 90 litri di latte al giorno, ma ha bisogno di essere nutrita con mangimi industruali complessi, è molto delicata e non è adatta al pascolo.

La decisione di puntare tutto sulla produzione di latte è stata una decisione politica legata ai cambiamenti avvenuti nel mercato globale dei prodotti alimentari. Per sintetizzare al massimo possiamo dire che il mercato richiede una forte specializzazione, quindi una separazione netta fra chi produce latte, chi produce carne, chi lavora il latte (centrali del latte), chi produce prodotti caseari, ecc. In questa maniera è stata stravolta una tradizione consolidata che prevedeva l'allevamento di vacche di taglia medio-piccola, buone sia per il latte che per la carne, e contemporaneamente la lavorazione del latte con la produzione in proprio di formaggi. Di conseguenza le malghe e le contrade sono state abbandonate e gli alti pascoli oramai vengono utilizzati solo per l'alpeggio di vitelli e giovani manze, che, prive di guardiania umana, diventano facili prede del lupo.

Il prevalere del mercato globale ha poi portato una serie di conseguenze generali che ben conosciamo:
- l'affermazione generalizzata delle mononocolture, con l'impiego indiscriminato di prodotti chimici;
- la deforestazione progressiva del patrimonio boschivo per fare spazio alle monocolture e agli allevamenti intensivi;
- la difusione di specie alloctone invasive sia vegetali che animali. Si pensi al Senecio inaequidens, che ha colonizzato gli alti pascoli, o alla cimice asiatica, che da alcuni anni sta devastando i frutteti;
- l'utilizzo sempre più generalizzato di mezzi meccanici sia nella coltivazione che nell'allevamento, con la progressiva perdita di posti di lavoro;
- la sostituzione del fieno prodotto sul posto con il mangime industriale a base di proteine, carboidrati e integratori alimentari;
- l'emissione in atmosfera di una quantità impressionante di anidride carbonica e di altri gas serra e lo spargimento indiscriminato di liquami, urea, nitriti e nitrati sui terreni agricoli;
- la progressiva eliminazione di specie vegetali selvatiche e di specie animali, sopratutto insetti, anfibi e volatili;
- il continuo spostamento di merci da un capo all'altro del mondo;
- il continuo spostamento per business o per turismo di milioni di uomini da una parte all'altra del pianeta.

Questo processo di predazione delle risorse del pianeta sembrava e sembra tuttora inarrestabile. Eppure un piccolissimo virus uscito da non si sa bene dove è riuscito quasi a bloccare la macchina perfetta della globalizzazione. Fermi di colpo i trasporti, i commerci, le produzioni: i motori principali del mercato globale.

Nessuno di noi sa cosa succederà dopo. Quasi tutti pensiamo che fra tre mesi tutto riprenderà come prima, ma potrebbe non essere così, perchè questo cataclisma comporterà un enorme impoverimento globale e non è detto che gli stati sapranno far fronte a questa straordinaria perdita di risorse. In parole povere: non si possono spendere i soldi che non ci sono. E' molto probabile che saremo costretti a cambiare alcune delle nostre abitudini e che dovremo abituarci ad uno stile di vita molto meno dispendioso di quello in uso fino ad ora.

Non sarebbe poi così male se le malghe e le contrade di montagna venissero ripopolate e se tutti noi imparassimo ad accontentarci del necessario, a rispettare i ritmi naturali e a considerare il lavoro manuale una necessità vitale. Forse cambierebbe anche il rapporto che abbiamo, o meglio che abbiamo perso, con la "natura".

Alimentazione Vacca Frisona

L'impatto di agricoltura e allevamento sull'ambniente

Allevamenti intensivi

Scrivi un commento

Redatore: Michele Bottari

Coronavirus, cibo e GDO

Quantità incredibili di cibo sono distrutte ogni giorno a causa del coronavirus. Ma sarebbe un'occasione per riprogettare la filiera alimentare nel segno della sostenibilità.

I mercati si sono ridotti, i magazzini sono pieni, e mancano le reti di ridistribuzione locale, mettendo gli agricoltori in una situazione terribile.
http://www.riusa.eu/it/notizie/2020-coronavirus-cibo-gdo.html
Utente anonimo: Mario

Rispondo ad Agostino Bolli

Egregio sign. Bolli, ci sono due modi di analizzare le cose: il primo seziona un dettaglio della realtà e lo studia come un tutto separato dal resto; il secondo studia tutte le connessioni fra i vari dettagli della realtà. Il coronavirus ha insegnato a tutti, anche a chi preferirebbe sezionare la realtà in particelle ininitesimali scollegate fra loro, che tutto è connesso e che queste connessioni sono fondamentali sia per capire che per intervenire in maniera efficace. Per fare un piccolo ma significativo esempio: Il grande traffico aereo tra gli aeroporti lombardi e la Cina ha velocemente importato in Lombardia una epidemia che si era sviluppata a 8000 km dall'Italia. Questo contagio ha inciso potentemente sulla nostra economia e probabilmente provocherà la perdita di parecchi posti di lavoro. Potrebbe succedere a questo punto che a qualcuno possa passare per la testa di sbarcare il lunario allevando delle vacche burline, ottime per la produzione del Morlacco, in qualche contrada della Lessinia. E' solo una possibilità, ma di sicuro molta gente dovrà inventarsi qualcosa di nuovo per sopravvivere.
Per quanto riguarda altre sue osservazioni ho aggiunto qualche link chiarificatore all'articolo.
Buone cose
Mario Spezia
Utente anonimo: Agostino Bolli

Frisona e virus, un salto triplo carpiato all'indietro

mi chiedo come si possa mettere insieme la vacca Frisona (capace di produrre 90 litri di latte al giorno… quante, per quanti giorni, di sicuro c'è anche qualche Bruna capace di produrre per pochi giorni così tanto latte, ma non significa niente), il Senecio inaequidenses,la cimice asiatica, gli allevamenti, ovviamente intensivi, così suona male abbastanza,i mangimi, ovviamente industriali, perché così suona male abbastanza, a base di proteine, carboidrati - cioè soia e mais? e quindi - e integratori alimentari, quali please?, l'emissione in atmosfera di una quantità impressionante di anidride carbonica e di altri gas serra (ha notato come è calato l'inquinamento in questo ultimo mese, non mi risulta che le bovine Frisone, così delicate, siano state sterminate no sono ancora tutte lì a produrre la solita quantità impressionante di anidride carbonica, lo spargimento indiscriminato di liquami, urea, nitriti e nitrati sui terreni agricoli (lo sa che esistono regole e controlli rigidi sullo spargimento dei liquami) lo spostamento (???) per business di milioni di uomini e il Corona Virus …. ma?
Tutti in malga allora, in 7 miliardi staremo un po' stretti, ma stringendoci un po' magari … consiglieri di ascoltare il prof Pulina, mi sembra un po' più aggiornato https://www.facebook.com/CarniSostenibili/videos/540359270221960/

Buona serata