www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Porti aperti

 

Da due settimane il lenzuolo con la scritta PORTI APERTI gira per le case della Valpolicella.

Nato come gesto di protesta durante la visita del Ministro degli Interni a Negrar a sostegno del candidato sindaco della Lega, l'iniziativa PORTI APERTI ha avuto l'appoggio di altri cittadini/e, che assieme a Gabriele Fedrigo hanno deciso di esporre il lenzuolo ai balconi e alle finestre delle loro case.
Le nostre case non sono solo il luogo degli affetti e di una vita privata purtroppo sempre più fagocitata dai social media, ma anche luoghi di resistenza, presidi di una possibilità altra di stare insieme. Se è vero che di tempo per affacciarci alle finestre e vedere che succede intorno a noi non ne è rimasto più; se è vero che viviamo sempre più distrattamente e sempre più succubi del generale menefreghismo che ha occupato le nostre anime, decidere di esporre un lenzuolo alle finestre con scritto PORTI APERTI, è in primo luogo un segnale mandato a se stessi di risveglio della coscienza e di presa d'atto che ciò che accade nel mare Mediterraneo riguarda terribilmente tutti noi, anche gli abitanti di una Valpolicella sempre più incancrenita e resa culturalmente sterile da un capitale vitivinicolo che l'ha sfigurata, resa malata e rimbecillita.

PORTI APERTI non è solo un voler dire no a una politica migratoria che condanna gli uomini alla sofferenza e alla morte in mare e sulle coste, non è solo un grido di protesta nel deserto.
PORTI APERTI vuol essere il vessillo di una cultura che fa delle differenze un punto di forza e di proiezione verso il futuro.
Vuol essere una possibilità con cui si fa memoria di una cultura, la nostra, che si è nutrita, e questo da sempre, di ciò che il Mediterraneo portava sulle nostre coste.

Che sarebbe stata la cosiddetta cultura ‘italiana' senza i fenici, i greci, gli arabi, i bizantini, gli ebrei? E, ancora, solo per ricordare i più conosciuti, da nord, che sarebbe stata senza i celti, i normanni, i longobardi e gli svevi? E' intollerabile vivere e continuare a vivere nel nostro usurato perbenismo borghese imbottito di una cultura di morte, sapendo che fratelli e sorelle nostre, uomini e donne come noi, martoriati dalle guerre, dalla miseria e dalla fame, in fuga dalle persecuzioni e dallo sfruttamento, sono lasciati in mare o nei campi di detenzione libici a morire.

Bisogna forse ricordare che l'Italia e l'Europa saranno sempre in debito nei confronti delle popolazioni africane massacrate dal colonialismo e dal neocolonialismo?
Come possiamo ancora essere ciechi nei confronti degli esodi di intere popolazioni dovuti a guerre, carestie, impoverimento sempre più diffuso e profondo e, non da ultimo, da cambiamenti climatici che stanno sconvolgendo habitat plurimillenari ?
Cambiamenti di cui conosciamo le responsabilità delle economie europee che si spacciano come progressiste.

Noi siamo quel che siamo perché portiano nel nostro sangue flussi secolari di continue migrazioni di DNA, culture, simboli, storie e narrazioni. Noi viviamo perché siamo PORTI APERTI al mondo ed è in nome di questa apertura che non conosce confini, priva di fili spinati e di muri, che dobbiamo rimodellare un modo di stare al mondo non più plasmato dalla paura, dalla retorica della paura e da chi, fra i politici nostrani, gonfi solo del loro narcisismo e della loro sete di potere, fa della paura il grimaldello del loro mantenimento al potere e del loro esercizio di potere. Politici incapaci di capire come sta andando il pianeta, ottusi nei confronti delle emergenze planetarie in cui versano i viventi a causa dell'uomo.

E' contro questa politica di chiusura che sta portando la democrazia italiana e i valori sanciti dalla nostra carta costituzionale alla sua liquefazione, che vogliamo portare nelle nostre corti, alle finestre delle nostre case, nei nostri cuori, PORTI APERTI.
Tutti possono aderire all'iniziativa di ospitare il lenzuolo alle finestre e ai balconi delle nostre case. Siamo già una decina di cittadini ma contiamo di essere molti di più. Vogliamo che il lenzuolo faccia il giro d'Italia. E che il passaggio da casa a casa sia un momento d'incontro e di riflessione sottratto alla fretta e al frastuono che ci opprime.

Se vuoi aderire all'iniziativa scrivi a: portiaperti2019@gmail.com

Scrivi un commento

Utente: Attilio

Politici in Rima: Matteo Salvini Il trionfo del Capitano

Per far di elettor razzia /
Matteo cambia strategia: / si
innamora dei terroni / e ha
successo alle elezioni. / Non
è più ladrona Roma / e di Na-
poli l’aroma / è quel delle co-
se buone. / Ora è contro l’in-
vasione / dei baluba e dell’I-
slam / stop a tutti questi in-
fam! / Nuovo motto dei pa-
dani: / “Vengon prima gli i-
taliani!” / ... / Matteo appare,
figli in braccio / e d’a m or e
preso al laccio / dalla bella
seduttrice / e perfetta stira-
trice, / sui settimanali pop. /
Ha stravinto, è giunto al top /
e “La pacchia è ormai finita”
/ sia per chi rischia la vita / o
nei campi a lavorare / od at-
traversando il mare / sia per
i propri alleati / che Matteo
si è cucinati. / Non è più il
verde cazzaro, / ora è del go-
verno il faro / e per lui fan
tutti il tifo. / La morale? Ma
che schifo!

Tratto da "L'album delle figurine" di Carlo Cornaglia, 238 pagine, 18€, Editore Alberti
Utente anonimo: Gino

Ministri puzzoni

Quando la merda la monta in scràn o la spussa o la fa dan
Utente: Attilio

CAROLA E' LIBERA. SALVINI TIRA RACKETE SU FACEBOOK

Sabato sono stato ad una bella festa. Finita verso l'alba, quando quasi tutti se n'erano andati, qualcuno ha nominato la Capitana della nave Sea Watch, ed io ho esclamato "FIGHISSIMA!". Ebbene ho scatenato un putiferio: un paio d'amici schifati dal mio pensiero hanno avuto una reazione esagerata dicendosi molto delusi di me; un'altra ragazza inveiva contro la "rastona puzzolente", ed altre amenità. Non ho reagito per rispetto dei festeggiati e per non rovinare la bella festa che avevamo passato insieme. Prima che questo colpo di calore mediatico turbasse quest'estate italiana. Ieri la notizia della Capitana tornata Libera, anche se arbitrariamente espulsa dall'Italia dal Ministro che si fa chiamare "Capitano" senza averne i titoli. E Di Maio? Luigi ieri dopo aver espulso altre 2 deputate "dissidenti" (ma fedeli ai valori e al programma 5 Stelle), e si è detto "Sorpreso dalla scarcerazione": ma dopotutto l'altro "dissidente" espulso, il Comandante De Falco, ben sapeva come sarebbe finita: Naufraghi non sono Migranti; Nave da Guerra è tale se comandata da un ufficiale di Marina; regole marittime internazionali. Ora Di Maio, o meglio il Ministro della Giustizia Bonafede, rispondano al Ministro e Vicepremier Salvini sull'inaudito attacco ai giudici dopo la sfanculata mondiale subita, lui che subito ha preso in mano lo smartphone e l'ha Tirà Quatro RACKETE in diretta Facebook. QUello che gli riesce meglio. Bacioni
https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/07/02/sea-watch-de-falco-la-manovra-barca-gdf-doveva-lasciare-spazio-per-la-nave-da-crociera-a-venezia-accuse-meno-gravi/5293931/
Utente anonimo: Mario

Capitana coraggiosa sfonda le difese del lanzichenecco

Ce ne vorrebbero tante di Carole: una servirebbe ai cinquestelle per sostituire Giggino prima che Salvini riesca ad azzerare l'ex movimento di Grillo, un altra servirebbe ai verdi italiani, che magari con una guida come dio comanda riuscirebbero a riprendere la navigazione, una terza servirebbe per portare il PD fuori dalle secche in cui si è cacciato da solo....
Utente anonimo: Mario

Ma come stanno davvero le cose?

I porti sono aperti? Soprattutto, sono mai stati chiusi in questi mesi?
La risposta, da parte di tutte le fonti interessate, è un secco "no".
In altre parole, quella degli scali chiusi non è altro che una leggenda buona per guadagnare consenso via social network, ma che non ha mai avuto seguito.
https://www.avvenire.it/attualita/pagine/porti-chiusi-solo-parole-in-realt-restano-aperti
Utente anonimo: Valeria Rigotti

Da oggi sul mio balcone sventolano PORTI APERTI!
Valeria Rigotti