Salvini e Kurz hanno ottenuto il potere con gli stessi mezzi, con le stesse parole d'ordine e sembrano avere gli stessi obbiettivi politici.

Eppure Italia ed Austria rischiano di ritrovarsi ancora una volta l'un contro l'altro armato per questioni di confine.

L'Austria vuole riprendersi il Sud Tirolo, non ci sono dubbi. Kurz sta riproponendo fin dal suo insediamento disegni di legge che vanno in questa direzione. Poco dopo l'insediamento dell'esecutivo guidato dal cancelliere Kurz, il parlamentare austriaco Werner Neubauer, responsabile del partito di estrema destra per i rapporti con l'Alto Adige, aveva annunciato che i "sudtirolesi potranno richiedere la cittadinanza austriaca già nel 2018, al più tardi all'inizio del 2019". Solo pochi mesi fa il governo Kurz ha presentato un disegno di legge che puntava ad aprire i suoi consolati ai cittadini del Sud Tirolo di lingua tedesca e ladina. Ci sono state le rimostranze del governo italiano e le precisazioni di Vienna, ma l'obbiettivo di ottenere la doppia cittadinanza per i cittadini del Sud Tirolo non è mai stato sconfessato. Si discute solo di date e di modalità. Oltretutto siamo nel semestre di presidenza austriaca dell'Unione Europea e Kurz certamente vorrà approfittare dell'occasione.

Il ministro Moavero parla di "un'iniziativa inopportuna e sostanzialmente ostile", ma Mirko Bisesti, segretario della Lega Nord Trentino, in un'intervista uscita sul quotidiano viennese Die Presse, si dichiara disposto a discutere sulla concessione del passaporto austriaco, che Vienna vorrebbe elargire ai sudtirolesi di lingua tedesca. Molto significativa anche la posizione del governatore altoatesino Arno Kompatscher, il quale ha dichiarato che il futuro politico dell'Alto Adige "dovrebbe essere deciso dai cittadini altoatesini perché è un loro diritto".

Che per il governo austriaco la doppia cittadinanza sia solo un passaggio e che il vero obbiettivo sia la secessione del Sud Tirolo, è evidenziato dalle date che Kurz ha preso come riferimento.
L'ufficio di Launsky-Tieffenthal ha confermato il 7 settembre 2018 come data per la presentazione del disegno di legge in Parlamento. Il governo di Vienna si è anche dato una scadenza precisa per l'approvazione della legge sul doppio passaporto: 2019-2020.
E' la celebrazione di un centenario.

Il 3 novembre 1918 L'Austria, stremata economicamente e sconfitta militarmente, firma l'armistizio con l'Italia.
Il 28 giugno 1919 il Trattato di Versailles conclude la Prima Guerra Mondiale. Il 10 settembre del 1919 il Trattato di Saint Germain en Laye pone fine all'Impero Austro-Ungarico ed istituisce la Repubblica dell'Austria tedesca. Con questo trattato L'Austria perde il Trentino Alto-Adige, Gorizia, Trieste e l'Istria. La definizione finale dei confini orientali si protrae fino al novembre 1920 con la firma del Trattato di Rapallo.
Le vittime militari e civili al fronte furono 2.800.000, dei quali 1.240.000 italiani e 1.567.000 austro-ungarici.

Il nazionalismo moderno si è costituito come ideologia politica negli ultimi decenni del 1800. L'intera Europa finì succube dell'esaltazione della Nazione. La Prima Guerra mondiale fu il primo frutto di questa pazzia collettiva, che poi sfociò nei primi decenni del 1900 nel nazionalsocialismo e nel fascismo. Il nazionalismo economico fu il logico corollario di queste ideologie deliranti, che produssero anche l'irredentismo all'interno e le guerre coloniali all'esterno.

Le nazioni europee si sono massacrate a vicenda per tutto il Rinascimento e poi durante tutta l'età moderna fino a metà del ‘900. Dal 1945 l'Europa è vissuta in pace. L'Unione degli Stati Europei nasce a Roma nel 1957, si dà un'organizzazione politica a Maastricht nel 1992 e dal 2002 ha una moneta unica.

Tutti abbiamo creduto che la Seconda Guerra Mondiale avesse messo una pietra tombale su questo delirio ideologico, che invece sembra risorgere dalle proprie ceneri come un fantasma malefico. In Italia, Francia, Inghilterra, Austria, Ungheria, Polonia, Slovacchia, Cechia, ma anche in Spagna, Olanda e Germania i leader nazionalisti vincono e sempre più spesso governano. Hanno molti punti in comune: difesa ad oltranza dei confini nazionali, xenofobia, insofferenza per le istituzioni e per i vincoli europei, protezionismo economico.

Ma c'è un problema, un grosso problema. La storia dei nazionalismi non ha mai prodotto pace e concordia. Al massimo ha prodotto alleanze, ma sempre in funzione offensiva, vedi l'Asse Roma-Berlino. Il nazionalismo ha bisogno di nemici e Salvini è un nemico fin troppo comodo per Kurz. E' un cane che abbaia, ma non morde.
Al massimo potrebbe mordersi la lingua.

Contenuti correlati

Pedalata ciclosofica
Pedalata ciclosofica Per sabato 28.11.2009 gli Adb propongono un incontro con Padre Silvano Nicoletto, presso la Comunità Stimmatini di Sezano. Partenza dalla sede in via Spagna."Co... 480 views Mario Spezia
I manganelli non faranno tacere la musica in piazza Dante
I manganelli non faranno tacere la musica in piazza Dante Riceviamo e pubblichiamo integralmente.Due giorni fa, sulla pelle dei ragazzi che, come ogni mercoledì sera animano piazza Dante, abbiamo assistito alla perfett... 502 views Mario Spezia
Lupo ucciso a fucilate in Lessinia
Lupo ucciso a fucilate in Lessinia E' stato rinvenuto il cadavere di un giovane lupo ucciso con armi caricate a pallettoni nei dintorni di San Rocco di Piegara.Nel 2018 le predazioni sono dimezza... 887 views Mario Spezia
Iniziativa di legge popolare No al Nucleare
Iniziativa di legge popolare No al Nucleare Carissimi/e Sarete probabilmente già informati del fatto che è stato depositato da parte dell'Associazione sulle energie rinnovabili, presieduta da Alfiero Gran... 486 views Mario Spezia
La nostra unica speranza
La nostra unica speranza Greta è eterodiretta, giudicante e saccente. Ma se anche questo movimento di giovani fallisce, non abbiamo più alternative. Prospettive e limiti dei Fridays fo... 815 views Michele Bottari
Popolare sarà to sorela
Popolare sarà to sorela Il sindaco Tosi e altri amministratori del nord promuovono la rete popolare. L'antipolitica di destra tenta di mettere un argine al declino di Lega e PDL.Il 13 ... 557 views Michele Bottari
Ex Cartiere: dal consumo della droga alla droga del consumo
Ex Cartiere: dal consumo della droga alla droga del consumo Sembra che il degrado sia spesso ben funzionale a sanatorie molto interessate. Requiem per un campo di atletica.Secondo l'Arena di sabato 8 marzo la società Ver... 582 views dallo
Il P.I. di Tosi e Giacino
Il P.I. di Tosi e Giacino Giorgio Massignan, presidente di Italia Nostra: "L'amministrazione Tosi – Giacino, con il P.A.T. e il successivo Piano degli Interventi, ha delegato ai privati,... 542 views giorgio_massignan