Dal 7 al 18 novembre si riunirà a Marrakech la conferenza COP22 sui cambiamenti climatici, che dovrà discutere l'attuazione degli accordi di Parigi. Cosa è stato deciso nel vertice di Parigi e quali novità potranno venire da Marrakesc.

A Marrakesh i delegati dovranno fare i conti con le indecisioni o meglio con le dilazioni di Parigi. Esse, infatti, non consentiranno neppure di avvicinarsi all'obiettivo dichiarato di limitare la crescita della temperatura media globale ad un massimo di 2 gradi centigradi entro la fine del secolo ("cercando di fare il possibile per avvicinarsi agli 1,5 gradi", recita l'accordo redatto nella capitale francese). Per ora, tuttavia, la prima data indicata per un aggiornamento degli Indc è il 2025: troppo tardi, secondo gli esperti, ed è proprio su questo punto che si giocherà buona parte della "partita" di Marrakech.

Gli esperti e la stessa Comunità Europea hanno più volte dichiarato che la riduzione delle emissioni climalteranti saranno possibili esclusivamente se tutti – governi, amministratori ad ogni livello e cittadini - si attiveranno per svolgere i propri compiti. Questo vuol dire che ogni scelta va pianificata valutando la possibilità di intervenire sulle cause che determinano i cambiamenti climatici (azioni di mitigazione) unitamente alla necessità di adeguare le politiche per contrastare tali cambiamenti (azioni di adattamento).

Le amministristrazioni locali svolgono un ruolo importantissimo in questa direzione e con le loro scelte possono influire in maniera determinante nella mitigazione degli effetti dannosi e spesso distruttivi provocati dai cambiamenti climatici.

Certamente Verona non si è distinta nelle pratiche di mitigazione e tantomeno in quelle di adattamento. Crescita edilizia costante, migliaia di case e capannoni inutilizzati, nuovi mastodontici centri commerciali, mobilità perennemente congestionata, trasporto pubblico al palo, verde urbano fermo da decenni, qualità dell'aria pessima, dispersione idrica in aumento, uso di pesticidi da primato ed ora nuovi cantieri anche sulle colline e nei SIC.

3 urgenze ambientali a Verona

VENERDì ore 12.30 ai piedi della scalinata di Palazzo Barbieri le associazioni ambientaliste consegneranno al Sindaco e agli assessori del Comune di Verona un riconoscimento per la peggior performance in campo ambientale.

Motivazione: non aver espresso alcuna politica locale di mitigazione e/o di adattamento per contrastare i cambiamenti climatici  richiamati dal protocollo di Parigi e sottoscritti dal governo Italiano e che, si spera, trovino attuazion a Marrakech.

SABATO ore 15,00 in piazza dei Signori presidio sit-in con interventi, azioni creative, musiche e danze per proclamare Verona città non rispettosa dell'ambiente, della salute, della biodiversità, del clima in occasione della mobilitazione mondiale per COP 22 sui Cambiamenti Climatici.

CoalizioneClimaVerona:

Legambiente Verona, WWF Verona, Italia Nostra Verona, Verona Polis, ARI coordinamento Via Campesina, Gli Specialisti del Biologico, Green Peace Verona, Associazione Veneta Produttori Biologici, PAN Italia, Il Carpino, Comitato Verona Sud, Movimento Decrescita Felice, Circolo Ambientalista Alexander Langer, Verona Green, Antico Molino Rosso, Comitato Beni Comuni, Antica Terra Gentile, Terra viva, Isde Verona, InterGAS, SommaGAS, Le Matonele, ... 



internacional.elpais.com ...

Che cos'è l'Accordo di Parigi?

L'Accordo di Parigi è il patto mondiale di lotta al riscaldamento globale firmato il 12 dicembre nel vertice sul Clima svoltosi nella capitale francese. Lo hanno firmato 195 paesi, in pratica la totalità dei governi del mondo e lo scopo dichiarato è il contenimento dell'aumento della temperatura fra 2° e 1,5° rispetto ai livelli preindustriali.


Quando entra in vigore l'Accordo di Parigi?

Entra in vigore il 4 novembre 2016.


Quali paesi devono ridurre le loro emissioni?

A differenza del Protocollo di Kioto, dove solo i paesi sviluppati erano obbligati ad applicare le riduzioni di gas ad effetto serra, questa volta tutti i paesi che hanno firmato l'Accordo di Parigi devono presentare dei piani di mitigazione. Però questi piani sono volontari, non c'è nessuna imposizione esterna. Ogni paese stabilisce la quota di riduzione che considera opportuna.


Quando si inizia a tagliare le emissioni?

I tagli volontari delle emissioni previsti dall'Accordo di Parigi si applicano a partire dal 2020 e puntano a raggiungere qualche risultato per il 2025. Ogni 5 anni si devono presentare dei nuovi piani.


internacional.elpais.com ...

Contenuti correlati

L'arte che brucia di Tinto
L'arte che brucia di Tinto Inaugura venerdì 2 maggio da Incorniciarte l'ultima mostra dell'artista veronese Enrico Tinto "Brucia Brucia Brucia": la nuova traccia creativa del suo lavoro, ... 1729 views alice_castellani
Un nuovo sentiero da Quinzano a Montecchio
Un nuovo sentiero da Quinzano a Montecchio Stiamo allestendo un nuovo sentiero che sale dall'abitato di Quinzano fino al Maso di Montecchio, recuperando una vecchia strada selciata delimitata da muretti ... 3335 views associazione_il_carpino
Il sesso degli angeli e la trasparenza della giunta Tosi
Il sesso degli angeli e la trasparenza della giunta Tosi Corsi dice che facciamo il carosello parlando del traforo. Se intende alludere alla più bella trasmissione televisiva di tutti i tempi, andata in onda dal ... 2037 views alberto_sperotto
Lago di Costanza a confronto
Lago di Costanza a confronto Lago di Garda e Lago di Costanza hanno alcuni caratteri comuni, ma anche evidenti differenze geologiche, ambientali, storiche e sociali.Qui analizziamo il modo ... 5684 views Mario Spezia
Il cacciatore perde il pelo . . .
Il cacciatore perde il pelo . . . I cacciatori vorrebbero spacciarsi per ambientalisti, la loro rivista si dà un gran da fare per accreditare questa nuova immagine, ma poi, alla prova dei fatti,... 1878 views Mario Spezia
Lei, lui, storie migranti
Lei, lui, storie migranti 'Immagini in movimento di un' umanità colma di illusioni e speranze'è il sottotitolo della rassegna che si apre questo lunedì 9 marzo alle ore 17 nella Sala Con... 1676 views ugo_brusaporco
Lago del Frassino
Lago del Frassino Italia Nostra organizza per il 7 novembre una gita al "Frassino", un laghetto dal destino incerto.La Sezione Veronese di ITALIA NOSTRA propone per il giorno 7 n... 1396 views Mario Spezia
Le vegne maregne
Le vegne maregne Sui due lati di Via Are Zovo è in atto da settimane la distruzione definitiva degli ultimi prati aridi rimasti sulle dorsali delle colline veronesi...Siamo nel ... 1521 views dallo