Se vogliamo che sia guerra, allora facciamola. Ma rassegnamoci a subire numerose vittime innocenti, da una parte e dall'altra. Eppure, una soluzione ci sarebbe...

 

Mai pensare che la guerra, anche se giustificata, non sia un crimine.

(Ernest Hemingway)



Di fronte alla cieca esplosione di vigliaccheria armata (tali sono da considerare i massacri di civili inermi) che, prassi ormai consolidata in territorio islamico, sta esplodendo anche in occidente, l'opinione pubblica si divide in due categorie, entrambe in torto.

Da un lato chi si schiera contro l'islam tout-court, sostenendo che l'odio e la guerra nei nostri confronti fanno parte della stessa religione mussulmana, e che quindi tutti i credenti andrebbero cacciati e perseguitati a prescindere.

Dall'altro lato ci sono quelli che, come già scritto in quest'articolo, vogliono distinguere tra islamici moderati e integralisti, come se l'applicazione dei precetti del Corano andasse rispettata solo se applicata, appunto, "con moderazione". Questa posizione è insopportabile perché presuppone che la religione sia in sé malvagia, ma che sia sopportabile se presa, come per il fumo o i superalcolici, a piccole dosi.

Nella realtà a dover essere combattuto è il fenomeno della violenza. Questo comporterebbe l'inevitabile critica nei confronti i chi questa violenza insensata la favorisce e la applica. Ogni riferimento a Obama, alla CIA, ai bombardamenti, ai droni assassini e alle kill-list è puramente intenzionale.

Gli ultimi attentati, non pianificati da Daesh, ma attribuibili a non meglio precisati lupi solitari auto-radicalizzati, mostrano che il problema non è affatto l'integralismo. Il kamikaze di Nizza, per esempio, era noto come un violento, non particolarmente seguace dei dettami dell'Islam, edonista e bevitore (di alcool). Non è certo il ritratto di un giovane pio e integralista, ma piuttosto quello di un balordo, disperato e manesco.

L'antropologo catalano Mikel Azurmendi sostiene che "la seconda e la terza generazione dei mussulmani trapiantati in Europa soffrono dell'esclusione che sono costretti a subire, a scuola, nel lavoro, nella società. Molti di loro cercano una vita facile e finiscono col delinquere." È questo il sottobosco delle banlieue che genera gli attentatori di quest'ondata caotica e autoreferenziale.

Secondo l'orientalista e politologo francese Oliver Roy "il perno dello jihadismo non è la radicalizzazione dell'islam, ma l'islamizzazione del radicalismo," che significa, in uno stile un po' renziano, che il problema non è dato dai credenti mussulmani che si trasformano in terroristi, ma piuttosto da balordi delinquentelli che si convertono all'islam, o meglio alla versione deviata di islam che alimenta il terrorismo.

Quindi la 'cura' di questo problema non è certamente quella degli estremisti di destra, che vorrebbero cacciare i non cristiani dall'Europa, ma non è nemmeno quella dei cattolici che confondono chi pratica coerentemente la propria fede con i violenti. L'unico sistema è l'eradicazione della violenza dalle nostre periferie e dalle zone di conflitto.

Un'eradicazione che comporta la rinuncia alla violenza come prassi (il che non significa rinunciare alla fermezza, anzi) e la demolizione sistematica delle cause di questa violenza: la miseria, la segregazione, l'ingiustizia. Che comporta un controllo strettissimo di chi finanzia i terroristi, acquista il loro petrolio o vende loro le armi. Un processo lento, ma forse l'unico che possa portare a qualche risultato. E meno costoso della guerra.

E, per cortesia, non chiamateli integralisti.

Contenuti correlati

La rivoluzione delle pettorine gialle
La rivoluzione delle pettorine gialle Mentre il mondo si avvita in una catastrofe che appare senza uscita, alcuni scalmanati francesi inscenano una rivoluzione per qualche centesimo sul prezzo della... 1622 views Michele Bottari
La retorica del cacciatore
La retorica del cacciatore La città è più eco-amichevole della campagna. Prima le ricerche sugli uccelli, ora quelle sulle api: l'ambiente urbano è un incubatore di biodiversità migliore ... 1107 views Michele Bottari
La cena dei volpini
La cena dei volpini L'Italia vota incredibilmente no alla messa al bando delle bombe nucleari, allineandosi scodinzolante al no degli USA. Questa è solo la prima contropartita che ... 903 views Michele Bottari
Saigon, merda
Saigon, merda Una ricerca rivela che il Vietnam è la nazione che si avvicina di più all'idea di welfare sostenibile. Occidente sconfitto, e c'è pure il problema delle esterna... 1182 views Michele Bottari
Fabbricato Masi: lettera delle associazioni
Fabbricato Masi: lettera delle associazioni La Rete di Associazioni della Valpolicella si esprime sul caso sollevato dalla lettera che il cittadino Gabriele Fedrigo ha inviato al sindaco di Sant'Ambrogio ... 350 views redazione
La paura della morte fa vincere le elezioni
La paura della morte fa vincere le elezioni Come si sta evolvendo la politica in relazione allo strapotere dei social media? Tra moderati e sovranisti, la parola chiave è la paura, come dimostrano le alte... 1797 views Michele Bottari
Libro: Via dei matti numero 37100
Libro: Via dei matti numero 37100 13 storie autenticamente veronesi raccontate da un causidico che conosce molto bene Verona. Si, l’avv. Renzo Segala (sperando che almeno il nome dell’autore ... 1633 views redazione
Apocalypse Wine
Apocalypse Wine YouTube censura video sulla coltura industriale del Soave. Dopo il can can nei media, con numerose reazioni politiche, il documentario, girato da una classe di ... 273 views redazione