www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Verona s'è destra

 
2012 verona destra 9166
Nulla di nuovo sotto la luce del sole: da sempre a Verona i giovani di buona famiglia vengono allevati nel solco della tradizione fascista all'insegna del motto: Dio, Patria e Famiglia.

Numerose di queste famiglie tengono ancora in salotto i simulacri del ventennio e non fanno mistero di un certo revanscismo tinto di simpatie autoritarie. I figli succhiano questa "cultura" con il latte materno e fin da piccoli si intruppano in squadre e squadriglie ben organizzate e controllate da adulti con alle spalle una lunga esperienza di spranghe, caserme e manganelli.  La Rosa dei venti non aveva niente a che fare con la meteorologia.

La tifoseria dell'Hellas è da sempre uno degli ambienti di riferimento per questi baldi giovani, ma ci sono numerosi altri contesti in cui i nostri possono esprimere tutta la loro esuberanza. Si va dai gruppi musicali (i Gesta Bellica di Miglioranzi in primis), al Blocco studentesco, al circolo di Casa Pound, fino alle formazioni politiche più esplicite, come Forza nuova, che alle ultime elezioni ha presentato ben due liste.

Inutile rifare il lungo elenco delle loro eroiche imprese, una scia di sangue e di morte e che ha attraversato negli ultimi quarant'anni mezza Italia, spesso con la protezione di importanti esponenti politici e di frange deviate dello Stato.

Il panorama politico veronese offre uno spaccato ricchissimo di questo mondo, in tutte le sue varianti e gradazioni. Molti personaggi politici che attualmente governano la città escono da questi ambienti e il sindaco in persona ha ripetutamente manifestato la propria simpatia ai movimenti dell'estrema destra e ai singoli esponenti, anche in occasioni in cui la sua figura istituzionale avrebbe richiesto un maggior riserbo.

"Sono dei bravi ragazzi" è l' espressione usata dal sindaco per qualificare gli assassini di Tommasoli*, prima di varcare le porte del carcere per portare loro la propria solidarietà e  il proprio sostegno. In effetti la sentenza di primo grado fu molto lieve, rispetto alle pesantissime accuse.

Il dott. Iaccarino, riferendosi ai quattro giovani dell'estrema destra arrestati per l'aggressione avvenuta lo scorso luglio a Castelnuovo, ha giustamente dichiarato: "Andavano fermati". Si, prima che finiscano ai vertici di una delle Aziende Pubbliche controllate dal Sindaco, come è già successo con Miglioranzi, attuale presidente di Amia.

* La vicenda cui si fa riferimento è precedente, ma del tutto analoga. Si tratta dell'arresto nel  2005 di cinque estremisti di destra accusati di aver accoltellato due ragazzi.

Dal Corriere del 7 maggio 2008:

Quella volta Tosi, che era assessore regionale alla sanità, si era recato nel carcere veronese di Montorio a far visita a cinque giovani di estrema destra arrestati per aver pestato e accoltellato "con forze assolutamente impari, per futili motivi e con lesioni gravi", due giovani di sinistra, simpatizzanti del centro sociale "La chimica". Tosi, che era accompagnato dal parlamentare leghista Federico Bricolo e dall'esponente veronese della Fiamma Tricolore Andrea Miglioranzi, già leader del gruppo nazi-rock dei "Gesta Bellica" e oggi capogruppo al Comune della Lista Tosi, usò parole "molto più morbide" verso gli aggressori che poi patteggiarono una condanna a un anno e mezzo di carcere. Per i cinque, che erano detenuti da due mesi, Tosi, uscendo dalla prigione, disse che per quel tipo di reato "due mesi di carcere sono eccessivi", e che i cinque neofascisti stavano ricevendo "un trattamento troppo severo" da parte della magistratura veronese "che ha una procura di sinistra".

Scrivi un commento

Redatore: Mario Spezia

Molto illuminanti i necrologi per Amos Spiazzi riportati oggi sul Bugiardello. La giornalista che firma l'articolo invece è una vecchia fiamma: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1997/03/30/vicenza-muore-in-un-incidente-nicola-pasetto.html
Redatore: Mario Spezia

Queste cose a Verona le conoscono tutti e ci si aspetterebbe che chi fa opposizione non perdesse occasione per ricordare al popolo qual'è il vero volto del sindaco. Ma sembra che l'opposizione non abbia tempo per queste cose, essendo tutta impegnata in una gara a chi è più bravo a spostare le provincie un po' più in qua o un po' più in là.
Utente: G Drei

Ma perchè qualcuno di voi bene informato sulle malefatte di Tosi non telefona a Prima Pagina, dove anche i giornalisti più seri citano Tosi come uno dei sindaci migliori e lo sputtana rivelando il suo vero volto ?
Utente: Emanuela Magagna

Come è possibile che a Verona il nazismo riesca ad essere un prodotto del tradizionalismo cattolico ? Questi ragazzi hanno la croce uncinata in una mano ed il crocifisso nell'altra !!
Redatore: Mario Spezia

Vale la pena di ripassare la storia e di leggere i documenti, di tanto in tanto:

http://www.ilduce.net/speciale36.htm

"La stessa scala di valori proposta dallo Stato Fascista – Dio, Patria, Famiglia – ricollocava il nucleo familiare al giusto posto nella graduatoria delle priorità dello Stato."
Utente: Stemarghe

solo una considerazione sul titolo... cosa centra dio ? lasciamolo fuori va....
Utente: Cristina Stevanoni

Si potrebbe chiedere ad Agec se sia vera la notizia che si sussurra dalle parti dell'Università e di Veronetta:i ragazzini per bene di casa Pound, quelli che predicano l'odio razziale e simili amenità, stanno per aprire un'Aula studio dalle parti di Campofiore, in una porzione di edificio gestita da Agec. Non avendo il coraggio di presentarsi con nome e cognome (troppo poetico!) si celano sotto nomi mitologici, sperando di fare proseliti tra gli studenti.

Ripeto: Agec ha qualcosa da dire al riguardo?
Utente: Marcoambrosi

Chi ha veramente rubato in questi anni e ancora lo fa senza vergogna alcuna lo si vede su tutti i mezzi di comunicazione e nessuno di loro è straniero.

Come mai i protettori della patria hanno la vista così corta?
Redatore: Mario Spezia

A Hellas bulldog: non c'era bisogno di una conferma così esplicita.
Utente: Estaban

Durante la partita di oggi un gruppo di ultrà veronesi ha scandito un coro contro il giocatore del Livorno morto in campo a Pescara. La Digos ha filmato gli autori del gesto, che hanno intonato anche slogan fascisti.

http://www.repubblica.it/sport/calcio/serie-b/2012/10/20/news/livorno-verona_insulti_dei_tifosi_veneti_a_morosini-44932498/?ref=search
Utente: Hellasbdog

Tu farnetichi davvero; devi avere una fervida fantasia..meno male che non fai il giudice altrimenti basterebbe alzare il braccio destro per finire in gabbia; sarete bravi voi comunistoidi rossi..cosa avete migliorato in questo paese? meglio il fascio dello sfascio che ha prodotto la vostra sottocultura dell'accoglienza a braccia aperte..avanti c'è posto tutta la feccia del mondo in italia terra di conquista per la malavita rumena albanese e magrebina, gli accattoni e i lavavetri, i rom e i nomadi di tutte le etnie; tutti a rubare a man salva tanto in italia la legge ha maglie cosi larghe, basta essere stranieri e tutto è concesso; poi gli danno anche casa e lavoro perchè poveretti bisogna aiutarli altrimenti siamo razzisti.. mentre i nostri vecchi si sono ridotti a raccattare gli scarti dei ristoranti nei cassonetti..Se essere fascista significa odiare tutto questo schifo ebbene si sono fascista e me ne vanto voglio morire con il braccio alzato DUCE A NOI!
Utente: Kelidonio

Cito( a memoria) Dino Coltro: "Schèi e fasisti insieme i'emo visti". E la plebe nostrana, cresciuta nel mito del "paròn" e nell'economia "da caserma" (il mio bisnonno, anche se faceva il lattaio per vivere e il maestro di musica per passione, era coevo della Verona asburgica : 60.000 abitanti e 60.000 effettivi militari austriaci nella piazzaforte veronese), si è lasciata traslocare (negli ultimi 30 anni) nel mito televisivo dell'apparire, senza però dimenticarsi di quello più arcaico del "bullo" (anzi in veronese si diceva "bùlo"). Forse anche per questo ci ritroviamo un "sindaco-bravo", inossidabile "aggressore alla cultura" (avete già visto la confezione pre-natalizia della torre ex-carceri in Piazza Erbe? Sembra la "casa delle streghe" di Veronaland, un falso-vero tipo i luna-park che 50 anni fa venivano in Cittadella, al Campon)