Fino al 20 marzo è possibile aderire all'azione dal basso organizzata dai NoTav in difesa del loro territorio, acquistando un metro quadrato del terreno dove avverranno le trivellazioni.

Fino al 20 marzo c'è tempo per aderire a un'interessante azione dal basso che gli abitanti della Valle di Susa stanno costruendo nel e per il loro territorio: una forma di azionariato attivo nei territori interessati dalla nuova linea TAV Torino-Lione denominata "

L'idea è quella di acquistare un metro quadrato di terreno dove si pensa che possano avvenire le trivellazioni, con una spesa di soli quindici Euro e con il vincolo che ogni acquirente si limiti all'acquisto di un solo metro quadrato.

Questo azionariato diffuso renderebbe non impossibile ma molto più complesso l'esproprio delle suddette terre. Ovviamente si tratta di un'azione di protesta non violenta, che mira a gettare sabbia negli ingranaggi del potere e far tornare alla ribalta il sentito problema che il movimento No Tav da tempo esprime, dopo l'autunno caldo del 2005.

Per non ripetersi nelle modalità non violente della lotta popolare e per contrastare i sondaggi che dovrebbero essere avviati sul versante italiano entro il prossimo autunno, il popolo No Tav e i comitati No Tav hanno deciso di inaugurare una nuova strategia di boicottaggio attivo dell'avvio dei cantieri.

Forti dell'esperienza passata, i cittadini No Tav hanno optato per l'acquisto di una quota dei terreni dove dovrebbero essere aperti questi cantieri, scelti a macchia di leopardo. Un fiume di gente che avrà il diritto di trovarsi sul posto in qualunque momento e nonostante qualunque forza di polizia o esercito presente sul terreno, in quanto veri proprietari di quegli stessi terreni.

Inoltre la possibilità concreta di esercitare il diritto legale di opposizione a qualunque decreto di esproprio o di occupazione temporanea, che dovrà essere notificato, stando alla legislazione attuale, ad ogni singolo proprietario, consentirà di allungare a dismisura i tempi di costruzione dell'opera.

Il 30 marzo è dunque prevista a Torino, davanti a un notaio, la firma collettiva di un atto notarile con scrittura privata, anche con la non celata speranza che l'assembramento di centinaia e forse migliaia di persone presso lo studio di un notaio possa diventare un momento per tornare a dare evidenza e attualità alla lotta dei No Tav e alla loro rimessa in discussione del modello di sviluppo cui la Tav fa riferimento.

Anche da Verona, come dalla Toscana e da altre parti d'Italia, c'è gente che si sta mobilitando per prendere parte a questa iniziativa. Ecco cosa bisogna fare per aderire e sottoscrivere l'opzione di acquisto.

Chi intende acquistare il suo posto in prima fila deve:

- prevedere di andare in Val di Susa il 30 Marzo 2008 per l'atto di acquisto vero e proprio e fornire nel frattempo agli organizzatori la possibilità di preparare i necessari documenti.

- Scaricare il modulo di adesione e compilarlo, completarlo con una fotocopia della propria carta di identità (fronte e retro) e del codice fiscale (tesserino o tessera sanitaria).

- Effettuare un versamento di 15 € sul conto corrente postale n. 87461042 intestato Meyer – Perino (causale "Posto prima fila")

- Spedire per posta il modulo di adesione (compilato e firmato), la fotocopia dei documenti e la ricevuta del versamento a: Punto informativo No Tav - No Tir via Levis 14 10050 Chiomonte (To)

- Per partecipare alla "prima chiamata" (l'atto di acquisto vero e proprio) le adesioni dovranno pervenire il più presto possibile e comunque non oltre il 20 Marzo.

- Indicare chiaramente nel modulo i riferimenti (telefono, email) per essere contattati e tenersi informati sui siti NoTav (notavtorino.org e notav.eu).

Per coordinare l'iniziativa e preparare quanto necessario, chi è intenzionato ad aderire fattivamente, oltre a spedire a Torino il materiale indicato, è pregato di comunicare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. la notizia della propria adesione, specificando la disponibilità a recarsi in Piemonte il 30 marzo.

Per ulteriori informazioni si può anche visitare il sito.

Contenuti correlati

Nuovo collettore del Garda: grandi passi indietro
Nuovo collettore del Garda: grandi passi indietro La presentazione del nuovo progetto presso l'Ordine degli Ingegneri di Verona ha evidenziato un netto arretramento sul fronte della tutela ambientale del lago.I... 2823 views Mario Spezia
Melotti, Marconi e il Parco della Lessinia
Melotti, Marconi e il Parco della Lessinia Da un articolo di Vittorio Zambaldo su L'Arena del 5.7.2012. "Il 99 per cento dei problemi del Parco nascono dalla Translessinia, la strada bianca che collega C... 2773 views Mario Spezia
Ecco cosa prevede il Piano Regionale. II° Parte
Ecco cosa prevede il Piano Regionale. II° Parte Un piano che parte citando Turri e finisce chissà dove...Gli incentivi potrebbero derivare dall'istituzione del Parco Regionale del Baldo, peraltro auspicato an... 1826 views maria_cristina
C'è una nuova piazza a Verona
C'è una nuova piazza a Verona Piazza Pulita è stata inaugurata questa mattina in Piazza Bra con un bel sole primaverile, alla presenza di alcuni simpatici fotografi e giornalisti. Giovedì pr... 1594 views Mario Spezia
Vigneti e SIC
Vigneti e SIC I vigneti stanno prendendo il posto dei prati aridi e dei boschi in zona SIC. Siamo già usciti dalla Comunità Europea?NATURA 2000 è il documento della Comunità ... 2014 views Mario Spezia
La chiusura dell'inceneritore di Venezia serva da esempio per Verona
La chiusura dell'inceneritore di Venezia serva da esempio per Verona Mercoledì 19 febbraio, il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni inizierà le operazioni di spegnimento dell'inceneritore di rifiuti di Fusina (VE). L'eurodeputato An... 1359 views Mario Spezia
Toponomastica futura
Toponomastica futura Riflessioni di un illustre letterato su come cambia la toponomastica a VeronaLa dedica di un Lungadige all'Onorevole Pasetto ci fornisce lo spunto per alcune ri... 1430 views prof_dante
Usque tandem
Usque tandem Quanto dovremo aspettare ancora per vedere realizzato appieno il nostro incubo di una notte di mezza estate' Le macchine parcheggiate negli arcovoli dell' Arena... 1889 views Mario Spezia