L'autostrada travestita da circonvallazione soddisferebbe solo gli appetiti dei soliti profittatori.

"Dobbiamo constatare ancora una volta che il nostro comitato non sbagliava: per realizzare il traforo tutte le tangenziali verranno messe a pagamento. Quello che si sta preparando attorno alla nostra città, dunque, non è un semplice "anello circonvallatorio", ma un vero e proprio sistema autostradale destinato a portare al totale collasso la viabilità urbana e precipitare Verona nel più nero degrado ambientale e sociale". E' il commento del presidente del Comitato contro il Collegamento autostradale delle Torricelle, Alberto Sperotto, alle prime anticipazioni sul 'sistema delle tangenziali venete', espressione sotto la quale, come è noto, si nasconde il raddoppio dell'autostrada A4.

"Il nuovo sistema delle tangenziali a pagamento prevede un'uscita ogni 3,8 km, per un totale di 28 uscite sui 107 km tra Verona e Padova", prosegue Sperotto. Nel tratto veronese, corrispondente alla Tangenziale Sud, ci saranno dunque solo tre svincoli, o caselli: Dossobuono (uscita Aeroporto); Verona Sud (uscita Fiera-Alpo) e Verona Est. Ma anche la cosiddetta tangenziale Nord- Ovest, cioè il Traforo delle Torricelle -nota il presidente - che l'assessore Enrico Corsi si ostina a chiamare "passante" ma nel quale, fin da subito, il nostro comitato ha riconosciuto le caratteristiche di un collegamento autostradale a pedaggio, conterà solo tre caselli: Poiano, Saval, Verona Nord". Chiede Sperotto: "Con solo tre uscite per ogni tratto, come si fa a parlare ancora di anello circonvallatorio? Questo è un sistema autostradale in piena regola e c'è da scommettere che non passerà molto

tempo prima che anche la tangenziale Est venga messa a pedaggio
"
.

"Avevano ragione Mosele e il consiglio provinciale tutto, quando - continua Sperotto - non più di un anno e mezzo fa, al tempo in cui i tecnici della Serenissima illustrarono il progetto delle tangenziali in Provincia, a temere per la 'morte civile' della città, dal momento che la messa a pedaggio delle tangenziali riverserà molto del traffico che oggi utilizza le tangenziali sulle strade urbane. Mi preoccupano, invece, le loro dichiarazioni di oggi, che indicano l'opera come necessaria".

Secondo Claudio Righetti, della commissione Urbanistica del Comitato: "Non c'è alcuna prova che il collegamento delle Torricelle riuscirà a decongestionare Veronetta. Sappiamo, ad esempio, che con un pedaggio di 0,75 euro (ma saranno almeno il doppio), l'utilizzo della tangenziale Nord sarebbe disincentivato di almeno il 30%, anche estendendo la Ztl sul resto di Veronetta. Possiamo solo immaginare l'effetto devastante del pedaggiamento sugli altri quartieri, e a Verona Sud in particolare, dal momento che lì la Ztl non è nemmeno prevista. Le vere ragioni del traforo e dell'anello circonvallatorio, dunque, - continua Righetti - non possono essere di tipo urbanistico ma, piuttosto, economiche e politiche. E vanno ricercate nella schiera di piccoli e grandi potentati che per pura sete di profitto (concessioni pubbliche, lavori stradali, pedaggi autostradali, lottizzazioni, centri commerciali) mirano ad aprire, grazie al Traforo, un nuova linea di sviluppo economico a Nord della città. Come si spiegherebbe, altrimenti, che un piccolo 'passante' di 11,8 km, venduto come soluzione al congestionamento di via Mameli, sia potuto diventare 'opera di interesse nazionale' alla pari del ponte sullo stretto di Messina?".

Il Comitato invita, pertanto, tutte le forze politiche della città, sia di centrosinistra che di centrodestra, a condurre una seria riflessione sull'impatto urbanistico, sanitario, ambientale e sociale di questo progetto insensato, frutto esclusivo della volontà dei pochi che, per puro calcolo elettorale, hanno abbracciato questa letale visione di sviluppo.

Il Comitato invita altresì i cittadini a ribellarsi al tentativo dei pochi che, con cocciuto spirito colonizzatore, vorrebbero scambiare una delle belle città del mondo, riconosciuta patrimonio dell'umanità dall'Unesco, con uno sviluppo effimero, fatto di autostrade e centri commerciali. Sarebbero, infatti, proprio loro, i veronesi, a pagare di tasca propria, ogni volta che prendono una tangenziale, la distruzione della loro stessa città. Le cosiddette esenzioni dal pedaggio, infatti, riguarderanno solo percorsi tra due caselli, e comunque non avranno una durata superiore ai dodici anni.

Contenuti correlati

Goodbye Leningrad
Goodbye Leningrad Suggestioni e immagini di una città in bilico tra passato e futuro raccolte in una mostra visitabile tutto il mese presso 'L'Ostregetteria' di via Sottoriva 23 ... 846 views alice_castellani
Tosi spara cazzate in violazione delle leggi nazionali ed europee
Tosi spara cazzate in violazione delle leggi nazionali ed europee Il sindaco non ha alcun potere di concedere a chicchessia la facoltà di usare il fucile in prossimità delle case. Il Prefetto avrebbe dovuto ricordare immediata... 1009 views dartagnan
Lupi e orsi in Europa: uomini e grandi predatori si riavvicinano
Lupi e orsi in Europa: uomini e grandi predatori si riavvicinano In estese parti d'Europa i grandi predatori si mantengono in popolazioni sorprendentemente stabili e in molti posti si stanno persino espandendo. Pubblichiamo l... 1259 views dallo
Il comune di Malles in val Venosta potrebbe essere il primo a bandire ...
Il comune di Malles in val Venosta potrebbe essere il primo a bandire ... Gli amici di Malles stanno facendo un ottimo lavoro sul fronte dei pesticidi. La loro azione ha un forte significato simbolico e sicuramente produrrà anche degl... 922 views cordialdo
La Catalpa
La Catalpa Tre alberi, tutti immigrati da paesi lontani, che spesso vengono confusi tra loro: Catalpa, Paulonia, Ailanto. La Catalpa, Catalpa bignonioides, della fami... 2980 views Mario Spezia
La rottamazione della tutela ambientale
La rottamazione della tutela ambientale Giorno dopo giorno, da anni, viene demolito con decreti legge e con la prassi corrente il complesso sistema di norme e di presidi che aveva garantito negli ulti... 1037 views Mario Spezia
Buon compleanno Radio Popolare
Buon compleanno Radio Popolare Radio Popolare un anno fa ha aperto la nuova sede alla Croce Bianca, in front alla rotatoria fatta con le manine sante del trio Corsi, Altamura, Paci, famosi mu... 824 views Mario Spezia
Insieme a Naturalmente Verona
Insieme a Naturalmente Verona Lettera del Sélese alle associazioni e ai comitati ambientalisti veronesi: dibattiamo a Naturalmente Verona su un nuovo modello di economia e di convivenza civi... 929 views Michele Bottari