L'autostrada travestita da circonvallazione soddisferebbe solo gli appetiti dei soliti profittatori.

"Dobbiamo constatare ancora una volta che il nostro comitato non sbagliava: per realizzare il traforo tutte le tangenziali verranno messe a pagamento. Quello che si sta preparando attorno alla nostra città, dunque, non è un semplice "anello circonvallatorio", ma un vero e proprio sistema autostradale destinato a portare al totale collasso la viabilità urbana e precipitare Verona nel più nero degrado ambientale e sociale". E' il commento del presidente del Comitato contro il Collegamento autostradale delle Torricelle, Alberto Sperotto, alle prime anticipazioni sul 'sistema delle tangenziali venete', espressione sotto la quale, come è noto, si nasconde il raddoppio dell'autostrada A4.

"Il nuovo sistema delle tangenziali a pagamento prevede un'uscita ogni 3,8 km, per un totale di 28 uscite sui 107 km tra Verona e Padova", prosegue Sperotto. Nel tratto veronese, corrispondente alla Tangenziale Sud, ci saranno dunque solo tre svincoli, o caselli: Dossobuono (uscita Aeroporto); Verona Sud (uscita Fiera-Alpo) e Verona Est. Ma anche la cosiddetta tangenziale Nord- Ovest, cioè il Traforo delle Torricelle -nota il presidente - che l'assessore Enrico Corsi si ostina a chiamare "passante" ma nel quale, fin da subito, il nostro comitato ha riconosciuto le caratteristiche di un collegamento autostradale a pedaggio, conterà solo tre caselli: Poiano, Saval, Verona Nord". Chiede Sperotto: "Con solo tre uscite per ogni tratto, come si fa a parlare ancora di anello circonvallatorio? Questo è un sistema autostradale in piena regola e c'è da scommettere che non passerà molto

tempo prima che anche la tangenziale Est venga messa a pedaggio
"
.

"Avevano ragione Mosele e il consiglio provinciale tutto, quando - continua Sperotto - non più di un anno e mezzo fa, al tempo in cui i tecnici della Serenissima illustrarono il progetto delle tangenziali in Provincia, a temere per la 'morte civile' della città, dal momento che la messa a pedaggio delle tangenziali riverserà molto del traffico che oggi utilizza le tangenziali sulle strade urbane. Mi preoccupano, invece, le loro dichiarazioni di oggi, che indicano l'opera come necessaria".

Secondo Claudio Righetti, della commissione Urbanistica del Comitato: "Non c'è alcuna prova che il collegamento delle Torricelle riuscirà a decongestionare Veronetta. Sappiamo, ad esempio, che con un pedaggio di 0,75 euro (ma saranno almeno il doppio), l'utilizzo della tangenziale Nord sarebbe disincentivato di almeno il 30%, anche estendendo la Ztl sul resto di Veronetta. Possiamo solo immaginare l'effetto devastante del pedaggiamento sugli altri quartieri, e a Verona Sud in particolare, dal momento che lì la Ztl non è nemmeno prevista. Le vere ragioni del traforo e dell'anello circonvallatorio, dunque, - continua Righetti - non possono essere di tipo urbanistico ma, piuttosto, economiche e politiche. E vanno ricercate nella schiera di piccoli e grandi potentati che per pura sete di profitto (concessioni pubbliche, lavori stradali, pedaggi autostradali, lottizzazioni, centri commerciali) mirano ad aprire, grazie al Traforo, un nuova linea di sviluppo economico a Nord della città. Come si spiegherebbe, altrimenti, che un piccolo 'passante' di 11,8 km, venduto come soluzione al congestionamento di via Mameli, sia potuto diventare 'opera di interesse nazionale' alla pari del ponte sullo stretto di Messina?".

Il Comitato invita, pertanto, tutte le forze politiche della città, sia di centrosinistra che di centrodestra, a condurre una seria riflessione sull'impatto urbanistico, sanitario, ambientale e sociale di questo progetto insensato, frutto esclusivo della volontà dei pochi che, per puro calcolo elettorale, hanno abbracciato questa letale visione di sviluppo.

Il Comitato invita altresì i cittadini a ribellarsi al tentativo dei pochi che, con cocciuto spirito colonizzatore, vorrebbero scambiare una delle belle città del mondo, riconosciuta patrimonio dell'umanità dall'Unesco, con uno sviluppo effimero, fatto di autostrade e centri commerciali. Sarebbero, infatti, proprio loro, i veronesi, a pagare di tasca propria, ogni volta che prendono una tangenziale, la distruzione della loro stessa città. Le cosiddette esenzioni dal pedaggio, infatti, riguarderanno solo percorsi tra due caselli, e comunque non avranno una durata superiore ai dodici anni.

Contenuti correlati

Una tregua per Pasqua
Una tregua per Pasqua I Maya ci avevano avvertiti che il 2012 sarebbe stato un anno particolare, pericoloso, un anno di sovvertimento, di trapasso.Ed è andata proprio così, almeno fi... 1366 views Mario Spezia
La Fritillaria
La Fritillaria Alla scoperta di fiori rari.Ci sono cose che col tempo diventano delle vere e proprie ossessioni. Un po' come quando, al passaggio di una bella donna, un p... 1643 views Mario Spezia
AD LUCEM
AD LUCEM Arte Contemporanea per Arvo Pärt – Verona, Ottobre 2011. Un interessante ed originale connubio di arte e musica, promosso dallo Studio La Città. Progetto p... 1772 views redazione
Cittadini e Associazioni contro il PAT di Negrar
Cittadini e Associazioni contro il PAT di Negrar 14 cittadini di Negrar, il WWF Italia, Lega Ambiente Nazionale, Italia Nostra sez.Verona, Lessinia Europa, Il Carpino hanno firmato il ricorso al Tribunale Regi... 1759 views Mario Spezia
Territorio e inondazioni
Territorio e inondazioni La cecità dei nostri governanti e l' avidità di alcuni nostri concittadini sono la vera causa dei disastri ambientali che poi tutti dobbiamo subire. La pio... 1447 views Mario Spezia
Il cerchio della vita
Il cerchio della vita Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Pensavo alla massima del chimico francese Antoine-Laurent de Lavoisier mentre aravo l'orto di casa mia, s... 2132 views attilio_romagnoli
Perché marciare contro
Perché marciare contro Adesione sofferta e perplessa alla manifestazione del 25 aprile del coordinamento migranti.Sul bel sito del Sélese, uno scritto di Vincenzo Benciolini sintetizz... 1781 views Michele Bottari
Prendiamo l'esempio
Prendiamo l'esempio Questi nostri amici di Marzabotto non hanno aspettato le istituzioni per muoversi. Perchè non seguire il loro esempio? I nostri vai sono pieni di rifiuti di tut... 1996 views stefano_muratori_e_maren_von_appen