www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

San ZENTI che ride...

 
Le butine del popolo dello spritz

L'Arena documenta il giro di don Zenti tra il popolo dello spritz, e al poeta viene in mente un paragone irriverente.

La leggenda narra che San Zeno, il Vescovo moro, trascorreva del tempo seduto su un sasso (tradizionalmente custodito nella chiesa di San Zenetto) in riva all'Adige per pescare le trote con il pastorale.

Era disturbato dal diavolo Bondindon che gettava sassi. Finchè il Santo non riuscì a prenderlo e a gettarlo giù in una grotta di Avesa. Cambiano i tempi, cambiano i vescovi e cambiano anche i diavoli tentatori.

Ecco allora, sulla base dell'articolo dell'Arena del 16/12/2007:

San ZEN…TI che ride

(e paparele …)

Se sa che ti, Monsignor Zenti,

co la mitria Vescoo de Verona,

non solo de ostie e de Madona,

anca de spirito te ne intendi.

Così venardi sera, in bindolon,

t'è girà tuti i bar de la Piassa.

Par catetechizar quela rassa?

No. Par mandar zò BonVinBon!

Così da San Zen, Vescoo Moro,

che col pastoral tirava su trute,

semo passadi al Vescoo … bianco

che, stando in piè o al banco,

in compagnia de bele butine*,

ghe proa a tirar su dele mine.

Montindon 18/12/2007

* quelle che compaiono sulla foto de L'Arena

Scrivi un commento