Il sole non tramonta mai sui possedimenti dell'impero cinese

L'impero cinese controlla completamente l'Asia centrale, il sud-est asiatico, gran parte del continente africano ed ha un peso considerevole anche in tutto l'estremo oriente e in Australia. La sua penetrazione economica è ormai ben consolidata in molti stati sudamericani e detiene, a metà col Giappone, più di un quarto del debito pubblico americano. La penetrazione in Europa prosegue senza sosta, dalla costruzione di infrastrutture (strade, porti, aeroporti, condotti petroliferi, circa 300 miliardi di euro investiti dalla Cina nel Vecchio Continente) alla vendita di apparecchiature elettroniche (Huawei, 5G), all'acquisizione capillare di punti vendita, attività produttive, squadre di calcio e quant'altro.

Il drago nella Cina antica simboleggiava la forza creativa, il maschile (yang), controllava gli elementi della natura ed ha rappresentato il potere imperiale fin dalla notte dei tempi. Mentre nella tradizione occidentale il drago è stato usato per rappresentare il potere oscuro, distruttivo, quasi diabolico, in oriente il drago è sempre stato il simbolo positivo del potere dell'imperatore e dell'organizzazione statale cinese.

Colin Thubron
, scrittore inglese, viaggiatore e profondo conoscitore del continente asiatico, dice che i cinesi non hanno l'anima. Nel suo racconto OMBRE SULLA VIA DELLA SETA mette in bocca ad un uomo uiguro queste parole: "Vivono nei loro sporchi palazzoni e costruiscono città di smog. Amavano Stalin, i cinesi lo amavano. Credo che non abbiano anima. Alle scuole medie gli insegnanti cinesi ci dicevano che discendiamo dalle scimmie. Dalle scimmie! E i cinesi mangiano le scimmie. Mangiano i loro antenati".

Thubron dice una cosa vera. L'anima è un'invenzione dell'occidente ed è strettamente collegata all'invenzione dell'individuo. L'antica civiltà greca aveva sviluppato questi concetti già 2500 anni fa con Socrate e Platone. Il Cristianesimo fondò la propria dottrina su questi presupposti culturali e con Sant'Agostino (354-430 d.C.) arrivò ad introdurre il concetto di "libero arbitrio", con il quale il singolo individuo viene caricato di una responsabilità personale in ordine alla propria salvezza/perdizione.

Nell'antico Oriente, forse anche a causa di condizioni socio-economiche molto diverse, il pensiero si è sviluppato in direzioni molto differenti dalle nostre. Taoismo e Confucianesimo svilupparono l'aspetto religioso e l'aspetto pragmatico della ricerca filosofica-spirituale. Il singolo individuo e le sue vicende personali non hanno mai avuto una grande importanza in Oriente, a meno che non si trattasse dell'imperatore o di qualche importante dignitario di corte.

In Cina contano i numeri. Il PIL cinese cresce troppo poco, solo + 6,2% nel secondo trimestre del 2019. I cinesi sono attualmente 1.401.586.000 su un territorio di poco inferiore a quello dell'intera Europa. Non ci sono dati certi sul numero di cinesi residenti all'estero. In Italia sono circa 300.000. La politica di penetrazione economica messa in atto dal governo cinese si è rivelata fin'ora molto efficace, anche per la mancanza di una lucida azione di contrasto da parte del governo europeo. La Brexit da una parte e la guerra dei dazi dall'altra hanno ulteriormente indebolito la capacità di difesa dei confini commerciali della UE. L'Italia ha bisogno di investitori stranieri, ma non sempre questi investimenti sono puliti e controllabili (vedi vicenda Milan). Rischiamo di passare dalla padella delle organizzazioni mafiose alla brace delle compagnie cinesi, delle quali spesso sappiamo poco o nulla.

Cosa vuole l'Italia dalla Cina?

Contenuti correlati

Il mistero dell'arabo scomparso - parte prima
Il mistero dell'arabo scomparso - parte prima Johnny Walker, bambole da paura, ceffi poco raccomandabili, un sospettato poco credibile, un morto che non parla. Chi salverà la Bella Verona?La bocca era impas... 1300 views Michele Bottari
I deliranti
I deliranti Stiamo attraversando una crisi senza precedenti, molte famiglie sono state costrette a rinunciare alle ferie e a settembre tutti ci aspettiamo il peggio. Ma il ... 1298 views Mario Spezia
Come gestire la presenza dei lupi in Lessinia
Come gestire la presenza dei lupi in Lessinia Continua il resoconto delle relazioni al Convegno sul Lupo di Boscochiesanuova. Intanto Tosi ha firmato il decreto spara-lupi e la Forestale lo ha denunciato in... 2910 views dallo
Evitare inutili allarmismi
Evitare inutili allarmismi Come la comunicazione manipola i risultati delle ricerche, buttando fumo negli occhi e nei polmoni della gente..., gli ambientalisti come al solito esagerano !"... 1193 views giovanni_beghini
Il PAT di Negrar
Il PAT di Negrar Shadows and lightL' Amministrazione Comunale di Negrar ha approvato il nuovo Piano Regolatore del Comune, che adesso si chiama PAT (piano di assetto del territo... 2003 views Mario Spezia
Le perle di Valdegamberi
Le perle di Valdegamberi L'abitudine di certi politici a cambiare casacca ed opinione ad ogni stormir di fronda produce personaggi abili solo a cavalcare qualsiasi posizione venga riten... 3542 views Mario Spezia
Biciclettata PER la città: missione compiuta
Biciclettata PER la città: missione compiuta Successo oltre ogni previsione per l'iniziativa 'ambientalistica' veronese.ambientalistiche (come dice il nostro amico T.A.R.) Amici della Bicicletta - Fiab, Le... 2010 views Michele Bottari
14 - Vigneti e colline
14 - Vigneti e colline Le prime vittime della dissennata gestione del territorio sono gli agricoltori stessi. Per quattro lire stiamo mangiando il nostro futuro.Circa trenta anni fa g... 2125 views alberto_ballestriero