Le ex Cartiere Verona. In un'area di circa 150.000 mq., sta per essere realizzata la costruzione di una city di oltre 300.000 metri cubi di nuova edificazione.

 

 

In questi giorni stiamo assistendo all'apertura di importanti cantieri edilizi. Le famose aree industriali dismesse della ZAI storica saranno radicalmente trasformate. L'intera zona passerà da una funzione produttiva ad altre destinazioni d'uso. Si prevede di realizzare circa quattro milioni di mc. di costruito, di cui un milione di edifici residenziali e tre milioni tra direzionale, commerciale ed alberghiero.

l'attuale situazione del mercato immobiliare, le reali necessità di una città come Verona e la crisi economica, giustificano la realizzazione di tutta quella volumetria? Da tenere conto che era stata prevista in anni in cui la situazione dei mercati ed economica era ben diversa.

le infrastrutture viabilistiche, già insufficienti con l'attuale assetto, come potranno rispondere all'aumento dei flussi di traffico causato dai nuovi insediamenti?

non si rischia in questo modo di creare migliaia di metri cubi di edificato che anziché riqualificare la zona la renderanno ancora più invivibile?

A mio modesto parere per migliorare realmente la qualità urbana sarebbero serviti interventi finalizzati a progettare una porzione di città, come si sta attuando all'estero, dove gli investimenti dei privati siano conseguenti alle scelte urbanistiche previste dalla Pubblica Amministrazione e ricavate da analisi oggettive sul territorio. Inoltre, negli altri paesi europei, prima di ogni nuovo insediamento, si interviene per fornirlo delle adeguate infrastrutture di trasporto, soprattutto pubblico, ma anche privato.

Purtroppo, qui da noi, si opera esattamente al contrario. Le scelte urbanistiche sono dettate dagli interessi economici degli operatori privati, che difficilmente coincidono con quelli della collettività. L'esempio più chiaro riguarda il progetto delle ex Cartiere Verona: in un'area di circa 150.000 mq., sta per essere realizzata la costruzione di una city di oltre 300.000 metri cubi di nuova edificazione. Ospiterà 70 negozi per 15.000 mq.; 12 bar e ristoranti, palestre, centri per il fitness, multisale cinematografiche per 4600 mq.; e uffici per 30.000 mq. Da tenere conto che in quella zona andranno giornalmente a lavorare circa 1500 persone e molte altre migliaia vi arriveranno con le loro automobili per usufruire dei servizi commerciali e direzionali. Tutto questo  significherà stravolgere i già precari equilibri urbanistici e sociali della nostra città. Ma soprattutto causerà enormi problemi alla viabilità, che la realizzazione di alcune rotonde non servirà certamente a risolvere. Allarmi questi  giustificati dagli stessi dati che escono dagli uffici tecnici del Comune in cui si afferma che durante i giorni di manifestazioni fieristiche si consiglia di tenere chiuso il centro commerciale delle ex Cartiere.

Sarebbe interessante capire sulla base di quali studi ed analisi sia stata motivata la scelta di un centro commerciale e direzionale in una zona delimitata da  due arterie congestionate di traffico come Viale Piave e Basso Acquar.

Concludo con una modesta proposta. Perché in quell'area, considerata la presenza della palazzina del CONI, non è invece stata prevista una cittadella dello sport a livello nazionale? Soprattutto una scuola di sport per i giovani. Si sarebbero potuti realizzare gli spazi per l'università di scienze motorie, quelli ricettivi per l'ospitalità, per i servizi commerciali  e per gli eventi sportivi.

Inoltre il trentennale bosco di pioppi, che si era naturalizzato, non sarebbe stato tagliato.

 Giorgio Massignan   (pres. prov. Italia Nostra)

Contenuti correlati

La Valpolicella tra il '500 e il '600
La Valpolicella tra il '500 e il '600 CTG VALPOLICELLA - Genius Loci, in collaborazione con il Centro di Documentazione per la Storia della Valpolicella organizza un corso che si terrà a Balconi di ... 1304 views Mario Spezia
La consapevolezza dell'abitare
La consapevolezza dell'abitare Venerdì 11 maggio, alle ore 20,45 a Bardolino, alla Barchessa Rambaldi, nella Sala Principe Amedeo, a cura dell'arch. Luciano Zinnamosca, si terrà la conferenza... 1368 views luciano_zinnamosca
E' uscito il numero di marzo del giornale VERONA IN
E' uscito il numero di marzo del giornale VERONA IN Il mensile più indipendente, interessante, intraprendente che Verona abbia mai partorito.La versione stampata del trimestrale si riceve direttamente a casa con ... 1322 views giorgio_montolli
La Capitale europea sotto assedio
La Capitale europea sotto assedio Gli attacchi terroristici di questa mattina hanno provocato 32 morti e 230 feriti in una città che noi italiani sentiamo lontana e talvolta ostile. Una città co... 1276 views Mario Spezia
Non confondiamo i nostri morti con le zucche vuote
Non confondiamo i nostri morti con le zucche vuote Halloween risale a tempi remoti, ovvero al periodo in cui la Francia, l'Inghilterra, l'Irlanda, la Scozia e l'Italia centro-settentrionale facevano parte della ... 1323 views Mario Spezia
Come uscire dalla stretta dei partiti
Come uscire dalla stretta dei partiti Un tempo c'era la Società Civile, fatta di gruppi, associazioni, eminenti personalità della scienza e della cultura. Oggi esistono solo i partiti, niente sfugge... 1367 views Mario Spezia
Leonia
Leonia Dopo quarant'anni, le parole di Calvino risuonano quasi profetiche nel descrivere una città inventata che sembra la Verona d'oggi. Una città così smaniosa di os... 2302 views italo_calvino
Aqua(ME)rdens
Aqua(ME)rdens Quando la nemesi ambientale è in agguatoScena 1: Verona 2010. Una mia amica mi chiede disperata se il tiglio è stato stecchito dal diserbante per arbusti che ha... 1919 views dallo