Quando la nemesi ambientale è in agguato

Scena 1: Verona 2010. Una mia amica mi chiede disperata se il tiglio è stato stecchito dal diserbante per arbusti che ha gettato per disfarsi dei rovi. "Ma l'ho buttato distante da quell'albero!"

Scena 2: Padova, 1996. Un dottorando si aggira per gli austeri stanzoni di Geologia dell'Università. Gli viene spiegato dai valenti idrogeologi che i "plume" di composti clorurati: trieline ecc., persisteranno per centinaia di anni, se non millenni, nelle acque di falda dell'alta pianura veneta*. Erano stati dispersi tramite pozzi abusivi dai rampanti industrialotti trevigiani degli anni '60.

Scena 3: Bussolengo, 1910. Un contadino si ferma sulla scarpata dell'Adige di fronte a Pescantina. Distende lo sguardo verso gli sparuti casolari disseminati sulla conoide che risale verso le colline della Valpolicella. Lo sguardo si perde lontano, senza trovare ostacoli, fino ai pascoli della Lessinia.

Scena 4: Kiel, 2000. Adesso il dottorando sta elaborando modelli matematici sui flussi geoidrologici **... Si rende amaramente conto come la matematica non sia lo strumento adeguato per descrivere sistemi variabili in scale spaziali infinitesime, quali sono i sistemi geoidrologici.

Scena 5: Bussolengo, 2010. Un ciclista si ferma allo stesso posto del contadino, esattamente 100 anni dopo. Adesso si riconoscono solo i profili del paesaggio, l'antro della Valle dei Progni, il monte Castellon, le dorsali collinari. Tutto il resto è stato occupato militarmente da cemento e asfalto. Case e capannoni spuntati ovunque: il tessuto connettivo del paesaggio è stato distrutto, l'acqua scomparsa. Spiccano la torre del cementificio di Fumane e, per i gabbiani che vi svolazzano sopra, la discarica di Ca' Filissine. Le strade che si infilano dappertutto, arterie le chiamano, facendo finta di non sapere che l'arteria convoglia ossigeno. Mentre queste, invece, l'ossigeno te lo fanno mancare.

In questo puttanaio territorial-urbanistico ci mancava solo Aquardens, l'"Opportunità", per il territorio. Come non ne avesse avute già abbastanza!

Scena 6: Santa Lucia di Pescantina, 2015. Un gruppo di SUV è parcheggiato di fronte ad Aquardens. Appartengono a marmisti di Sant' Ambrogio, allevatori di Sant' Anna di Alfaedo, rinomati vignaiuoli della Valpolicella. Si stanno tuffando e crogiolando con mogli e amanti nelle vasche termali del nuovo parco divertimenti.

Ignari.

Non sanno infatti che nel frattempo, per una qualche astuzia della Natura, il percolato della discarica e le schifezze sparse nei campi, date agli animali e spruzzate nelle fabbriche sono risalite e si sono fatte strada fino alle terme. Si tuffano e si crogiolano tra gli effluvi da pannolini, da batterie e cibo marcescente.

Si crogiolano e si tuffano tra metalli pesanti, atrazina, antibiotici e trieline.

Si tuffano e si crogiolano … nella loro merda. Ad AquaMErdens.



* VORLICEK PA., ANTONELLI R., FABBRI P., RAUSCH R.  (2004) Quantitative hydrogeological studies of the Treviso alluvial plain, NE Italy. QUARTERLY JOURNAL OF ENGINEERING GEOLOGY AND HYDROGEOLOGY.  37,  23-29
** Dall'O' M.; Kluge W.1; Bartels F. FEUWAnet: a multi-box water level and lateral exchange model for riparian wetlands Journal of Hydrology, Volume 250, Number 1, 1 September 2001 , pp. 40-62(23)

Contenuti correlati

La Capitale europea sotto assedio
La Capitale europea sotto assedio Gli attacchi terroristici di questa mattina hanno provocato 32 morti e 230 feriti in una città che noi italiani sentiamo lontana e talvolta ostile. Una città co... 730 views Mario Spezia
E' nato un bambino
E' nato un bambino Il simbolo fondante del cristianesimo è anche il più disatteso e il più dimenticato nel nostro mondo cristiano. Il bambino è nato per strada, in una situaz... 885 views Mario Spezia
WWF Veneto sulle inondazioni
WWF Veneto sulle inondazioni Non pensare ai fiumi e ai bacini idraulici come ad un unico sistema è un errore gravissimo, non ci si può occupare di acqua e non intervenire sull'edificazione,... 715 views wwf_veneto
Quale accordo sul clima?
Quale accordo sul clima? Trump abbandona l’accordo di Parigi, l’Europa difende a spada tratta gli accordi, la Cina si propone come paladina degli accordi sul clima, i politici italiani ... 1978 views Mario Spezia
Buon cambiamento!
Buon cambiamento!  Il successo, oltre le aspettative, del "Movimento 5 stelle" alle elezioni appena concluse, e le reazioni della vecchia politica all'avvenimento, stanno a ... 821 views luciano_zinnamosca
Il rovescio del traforo
Il rovescio del traforo Nostra intervista esclusiva ad Alberto Sperotto. Chiariamo un paio di cose che il Bugiardello cerca sistematicamente di confondere.    - &nb... 782 views redazione
Tempo e proverbi
Tempo e proverbi Il confronto fra l'antica sapienza popolare espressa nei proverbi e le condizioni atmosferiche di questo inverno mostrano quanto ormai ci siamo allontanati dal ... 1132 views Mario Spezia
Vedo, sento, parlo e racconto
Vedo, sento, parlo e racconto Senza informazione non ci può essere conoscenza. Senza informazione non ci può essere consapevolezza. Senza informazione non si è liberi. Con questi presupposti... 744 views Mario Spezia