www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Trenta famiglie senza acqua in Val d'Alpone

 

Stamattina L'Arena ha pubblicato un interessante articolo col quale si dà notizia di una grave carenza di acqua potabile a Montecchia di Crosara.

L'articolo spiega poco, ma le foto la dicono lunga.
Nella prima foto (L'Arena 24 febbraio 2019 pag, 32 ) si vede un gruppo di cittadini seduti fra le vigne con in mano delle bottiglie di plastica vuote. Nella seconda foto si vedono le stesse persone in piedi, sempre in mezzo alle vigne. Scrivendo Meggiano su Google maps appare la schermata riportata nella foto del nostro articolo: vigneti a perdita d'occhio in ogni direzione.

L'articolista scrive che a Meggiano di acqua ne arriva pochissima e la poca che arriva non è potabile neppure dopo la bollitura. Dal che si deduce che questa acqua deve essere inquinata da sostanze chimiche. Giustamente i locali sono molto preoccupati perché "se questo accade in inverno, che cosa ci aspetta per l'estate?"

La brava giornalista non parla dei vigneti e neppure degli onnipresenti impianti di irrigazione, che pescano l'acqua dalle stesse falde acquifere a cui si approvvigionano gli acquedotti sia pubblici che privati. Ovviamente non parla neanche delle sostanze chimiche ritrovate nell'acqua con le analisi. Il sindaco è giustamente preoccupato, perché spetta a lui garantire la salubrità dell'acqua (e anche dell'aria) nel suo comune e si difende dichiarando di non essere stato informato sulla gravità della situazione. Da notare che un paio di mesi fa, all'inizio di dicembre, il centro di Soave ed alcune zone limitrofe erano rimaste senza acqua potabile per problemi "strutturali" ad un pozzo gestito da Acque Veronesi.

Interessante l'annotazione sui tempi di questa crisi idrica: iniziata tra il 2005 e il 2006, quando ormai l'espansione dei vigneti nell'est veronese era un fatto consolidato, ha raggiunto il punto critico nel 2014, quando ogni metro quadrato del territorio compreso tra Montecchia, Soave e la Val Tramigna era definitivamente coperto dai vigneti.

Da anni sosteniamo che il prelievo di acqua dalle falde attraverso i pozzi artesiani avrebbe prima o poi creato dei grossi problemi agli acquedotti di acqua potabile, perché la disponibilità idrica delle falde non è infinita. Se poi continuiamo ad inquinare le stesse falde con ogni sorta di sostanze chimiche provenienti da pesticidi, da liquami organici e da idrocarburi, il gioco è fatto. Un gioco di pessimo gusto.

Scrivi un commento

Utente anonimo: Mario

Illecito paesaggistico

Per impiantare il vigneto ha, in modo del tutto abusivo, fatto una serie di scavi in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico. L 'obiettivo del responsabile dei lavori era quello di aprirsi una nuova strada e per farlo non hanno esitato a disboscare una parte dell'area. Anche questo in modo abusivo.
Così, questa mattina, su ordine del giudice Luciano Gorra, i carabinieri della Forestale di Tregnago hanno sequestrato due aree di agricole a Roara, una località di Tregnago. Oltre tremila metri quadrati di terreno con dei vincoli ambientali completamente ignorati.
Le indagini, condotte dal pubblico ministero Gennaro Ottaviano, hanno svelato l'attività abusiva del titolare di una azienda agricola locale che ora si ritrova accusato di illecito paesaggistico, reato che prevede l'arresto fino a due anni e una multa da 15.493 euro a 51.645 euro, oltre al reato di distruzione o deturpamento di bellezze naturali.
http://www.larena.it/territori/est/disbosca-un-area-per-impiantare-vigneto-indagato-1.7188959
Utente anonimo: Mario

Aria e acqua pessime in Italia

La Commissione Ue ha deferito l'Italia alla Corte di giustizia per il ripetuto superamento dei limiti di biossido di azoto (NO2) nell'aria e per il mancato adeguamento dei sistemi di trattamento delle acque reflue nei piccoli centri urbani. Per quanto riguarda lo smog, l'Italia è già stata deferita in Corte per lo sforamento dei valori del Pm10 lo scorso maggio. Sul fronte delle acque reflue l'Italia sta già pagando multe milionarie.
http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/istituzioni/2019/03/07/bruxelles-deferisce-italia-a-corte-ue-su-smog-e-fogne_25290df4-329a-48a0-8f83-7a243bf35de0.html