Girano sui giornali e sul web informazioni contraddittorie sugli effetti che i pesticidi e i loro metaboliti possono avere sull'ambiente e sulla salute umana. L'esempio del Glifosate, uno dei diserbanti più utilizzati e più rilevati nelle analisi sulle acque superficiali, è emblematico.

Al Consiglio federale (Parlamento) svizzero vengono posti alcuni quesiti sugli effetti del Glifosate:

"Ha effetti negativi sulla salute umana e sulla gravidanza? Quando viene mescolato ad altri principi attivi quali conseguenze può provocare? " ecc.

Risposta del Consiglio federale del 20.11.2013:

"Fondamentalmente il glifosato è una delle sostanze meglio studiate a livello internazionale. L'UFSP, così come l'OMS e l'UE, concordano nel ritenere che, secondo lo stato attuale delle conoscenze, l'uso di questa sostanza in osservanza delle relative prescrizioni rappresenta un rischio trascurabile per la salute dell'essere umano. Dai più recenti studi non è finora emerso alcun elemento che possa mettere in dubbio questa conclusione".

www.parlament.ch ...

A questo punto dovremmo metterci il cuore in pace e smetterla di preoccuparci quando vediamo l'erba dei vigneti, degli uliveti, delle scarpate, dei bordi delle strade diventare gialla e poi arancione dopo essere stata spruzzata con diserbante ROUNDUP o altri prodotti che usano come principio attivo il Glifosate.

Purtroppo non è così per diversi motivi.

Innanzitutto sull'etichetta del diserbante citato c'è in bella evidenza il segnale di pericolo di inquinamento delle acque. Infatti è nota la sua azione di distruzione sia della flora trattata, sia della fauna che frequenta gli ambienti umidi: pesci, rettili, anfibi, insetti, ecc.

Primavera silenziosa con ROUNDUP: /it/notizie/2013-primavera-silenziosa-roundup.html

Crepi il tarassaco: /it/notizie/2013-crepi-tarassaco.html

I pesticidi nelle acque: /it/notizie/2013-pesticidi-nelle-acque-superficiali.html

Il diserbo nei vigneti: /it/notizie/2014-diserbo-chimico-nei-vigneti.html

In secondo luogo va tenuto presente che industria chimica + industria farmaceutica in Svizzera contano 65.700 addetti (2012), con buone prospettive di crescita ed un forte orientamento alle esportazioni. Per capire il valore del settore si tenga conto che l'industria orologiera svizzera conta in tutto 45.900 addetti (2012).

Infine sugli effetti del Glifosate sulla salute umana c'è un'ampia letteratura, ma il dato nuovo è che lo IARC, vale a dire l'Agenzia Internazionale di ricerca sul cancro (International Agency for Research on Cancer), ha classificato pochi giorni fa il Glifosate come probabile cancerogeno, spostandolo dal gruppo 2B (possibile cancerogeno) al gruppo 2A (probabile cancerogeno).

Si tratta dei risultati di un gruppo di lavoro di 17 esperti provenienti da 11 paesi si sono incontrati presso l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) il 3-10 Marzo 2015 a Lione per esaminare i dati scientifici pubblicati disponibili e valutare la cancerogenicità di cinque insetticidi organofosforici ed erbicidi: diazinone, glifosato, malathion, parathion e tetraclorvinfos. Una sintesi delle valutazioni (di cui trovate una breve presentazione nel documento allegato) è stata pubblicata in The Lancet Oncology. Le valutazioni dettagliate saranno pubblicate nel volume 112 delle monografie IARC.

www.thelancet.com ...

gruppodistudioambientesalute.wordpress.com ...

www.i-sis.org.uk ...

Non sempre la Svizzera è sinonimo di affidabilità.

Foto: http://www.antichivigneti.eu/it/viticultura-ed-enologia/15-viticoltura/162-diserbo-del-vigneto.html

Contenuti correlati

I numeri di Renzi
I numeri di Renzi Jobs Act, EXPO, Sblocca Italia: il governo spara cifre a caso sperando che nessuno gli faccia le pulci. Giocare con i numeri è la specialità di questo allegro c... 1777 views loretta
Sparito in trent'anni il 52% degli uccelli. Colpa dell'agricoltura int...
Sparito in trent'anni il 52% degli uccelli. Colpa dell'agricoltura int... Metodi di coltivazione intensivi e uso smodato di fertilizzanti hanno causato la morìa dei volatili. Una realtà drammatica che ha provocato il calo della biodiv... 1946 views andrea_bertaglio
Uno dei nostri
Uno dei nostri Lorenzo Albi (pres. Legambiente), Paolo Fabbri (pres. prov. Amici della Bicicletta), Giorgio Massignan (pres. prov. Italia Nostra) e Flavio Coato (pres. Il Carp... 2612 views Mario Spezia
Stop ai sacchetti di plastica
Stop ai sacchetti di plastica Legambiente lancia una petizione per non far slittare ulteriormente il termine per la messa al bando di quest'orrendo simbolo della società dei consumi.All'indi... 1619 views loretta
Paolo Rumiz in La Gialla (o Rossa) Cotogna Garibaldina
Paolo Rumiz in La Gialla (o Rossa) Cotogna Garibaldina Cari amici, il 13 qui a Montecchio sta per succedere qualcosa di importante. 4 giorni prima della festa dell'Unità d'Italia. E nei pressi dei fatti garibaldini,... 1566 views alberto_peruffo
Chi decide su Ca' del Bue?
Chi decide su Ca' del Bue? E' un bell'enigma: decide il sindaco Tosi, il suo braccio "destro" Miglioranzi, l'assessore regionale Conte, o, vuoi mai, i cittadini, che pagano le bollette e ... 1380 views Mario Spezia
Fra i due litiganti
Fra i due litiganti Fra Salvini e Tosi è duello all'ultimo sangue e non può essere che così, visto che entrambi mirano ad una cosa che non si può spartire: il potere.Salvini la but... 1637 views dartagnan
Il 5 x 1000 a Il Carpino
Il 5 x 1000 a Il Carpino Tre anni di vita, molte iniziative, grandi progetti per il futuro. Il tuo 5 x 1000 può realizzare uno di questi progetti. Il codice fiscale de Il Carpino è 9319... 1382 views Mario Spezia