www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Primavera silenziosa con Roundup

 
SIC fiume Adige sotto il ponte del Saval

Ovvero sulla barbara iniziativa di spargere insensatamente veleni e morte lungo le strade. Il prof. Fabio Taffetani è Ordinario di Botanica Sistematica presso l'Università Politecnica delle Marche.

 

Un numero sempre maggiore di agricoltori utilizza il diserbo anche al di fuori delle aree coltivate, ma anche semplici cittadini che irrorano le fasce erbose sotto casa con erbicidi per evitare lo sviluppo delle erbe infestanti. La pratica del diserbo, nata per il controllo delle commensali in agricoltura, erroneamente considerata come alternativa allo sfalcio, viene ora proposta da alcune Provincie e dall'ANAS, sostenute dalle industrie chimiche che producono il diserbante più aggressivo e meno selettivo oggi sul mercato (il glifosate), per il "decoro" delle strade pubbliche. Viene anche accampata la scusa di combattere le allergie da polline (in realtà, anziché ridurre le fonti di produzione di polline, se ne determina un aumento significativo con la proliferazione delle graminacee annuali nei versanti più assolati e della parietaria nei versanti in ombra), ben sapendo che, una volta effettuato il primo trattamento, si dovrà continuare anche negli anni successivi per evitare la proliferazione delle erbe più aggressive, libere di espandersi, in seguito alla scomparsa della vegetazione che presidiava il terreno.

Sembra proprio che, 50 anni dopo la pubblicazione di Primavera silenziosa, la maledizione della pazzia autodistruttiva che Rachel Carson presagiva già all'inizio degli anni sessanta, osservando i primi effetti dell'abuso irrazionale della chimica nelle campagne americane (Silent Spring, 1962), stia giungendo alle sue fasi più preoccupanti anche in Italia, un territorio che dovrebbe avere cultura, tradizioni, prodotti della terra, paesaggio e ambiente tra le risorse più preziose e condivise.

Rischi per la salute

Sui rischi per tutti derivanti dall'uso di fitofarmaci e sui danni che sono stati procurati in tutto il mondo dalla sola multinazionale americana della chimica produttrice del principio attivo glifosate (ora non più protetto da brevetto), è sufficiente la documentazione raccolta dalla giornalista francese Marie-Monique Robin sull'ormai famoso libro "Il mondo secondo Monsanto" (Arianna Editrice, Aprile 2009).

Il glifosate, comunemente conosciuto col nome commerciale di Roundup, è l'erbicida più usato al mondo. Si stima che nel solo 1998 ne siano state vendute 112.000 tonnellate. Esso uccide un'ampia gamma di piante dopo 10-20 giorni dalla sua applicazione ed è usato soprattutto per il controllo delle piante stagionali. Il 71% del mais geneticamente modificato piantato nel 1998 era stato progettato per resistere ad erbicidi come il glifosate prodotto dalla Monsanto. Le aziende che sviluppano semi resistenti agli erbicidi stanno aumentando le loro capacità produttive grazie agli erbicidi stessi e stanno richiedendo anche permessi per tenere residui più alti di queste sostanze chimiche nel cibo geneticamente modificato. Per esempio, Monsanto già riceve permessi per una soglia più alta di residui degli erbicidi nella soia geneticamente modificata in Europa e negli USA, cioè da 6 parti per milione (PPM) a 20 PPM.

Nonostante l'opera di contrasto svolta dalle multinazionali, non mancano i risultati di ricerca che contraddicono la presunta innocuità del diserbante a base di glifosate (Bolognesi C. et al., 1997; Marc, Mulner-Lorillon, Boulben, Hureau, Durand e Belle 2002; Lajmanovich, Sandoval e Peltzer, 2003; De Roos A.J. et al., 2003; Marc, Belle, Morales, Cormier e Mulner-Lorillon, 2004; Richard, Moslemi, Sipahutar, Benachour e Seralini, 2005; Benachour e Seralini, 2009; Gasnier, Dumont, Benachour, Clair, Chagnon e Seralini, 2009; Manas, Peralta, Raviolo,Garcia, Weyers, Ugnia, Gonzalez, Larripa e Gorla, 2009).

Anche a dosi più basse della comune diluizione a scopo agricolo è stata accertata la sua tossicità su cellule della placenta, con danni alla capacità riproduttiva femminile e al feto nel caso di gravidanza ed e stata osservata la correlazione con malattie tumorali del tipo linfomi non-Hodgkin's.

Allarmante è il quadro che deriva dalle analisi effettuate dall'ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale del Ministero dell'Ambiente)relativi alle acque superficiali, raccolti nel 2008, che hanno rilevato una contaminazione diffusa da parte di questo erbicida e del suo metabolita AMPA (acido aminometilfosfonico), il quale, come tutti i metaboliti, ha proprietà chimico-fisiche, persistenza, mobilità e proprietà tossicologiche ed eco-tossicologiche in gran parte ignote. Questi dati contraddicono clamorosamente le affermazioni sulla rapida degradazione del glifosate, mentre sollevano le preoccupazioni verso un altro canale di pericolo per la salute, in quanto da un abituale consumo di acqua contaminata da glifosate (in quantità spesso abbondantemente superiori al massimo livello di contaminazione ammesso) possono derivare danni ai reni e al sistema riproduttivo.

Pericoli diretti  Considerando inoltre che gli effetti del trattamento con diserbanti sistemici si manifestano a distanza di qualche giorno, c'e il rischio concreto che, soprattutto lungo le strade di periferia e in quelle meno trafficate, qualcuno raccolga lungo i margini stradali piante spontanee per uso alimentare (come gli asparagi selvatici o le cicoriette spontanee, molto ricercati nel periodo primaverile) senza rendersi conto della contaminazione chimica. La mancanza di qualunque segnalazione degli interventi fino ad oggi eseguiti dalla Provincia e dall'ANAS (anche se sulle strade statali, non e certo il caso di raccogliere erbe spontanee di alcun tipo, se non a scopo riproduttivo) risulta quindi particolarmente grave e lesiva della sicurezza dei cittadini.

Danni ambientali  Occorre precisare peraltro che l'uso estensivo e sistematico del diserbo prevede una lunga serie di controindicazioni, tra le quali: 

 - mette a rischio la salute degli operatori (che si possono proteggere) e della popolazione (ignari automobilisti, motociclisti, ciclisti, pedoni, raccoglitori, agricoltori, cittadini) nebulizzando un prodotto chimico tossico che agisce a distanza di vari giorni (a secondo della concentrazione può manifestare i suoi effetti a distanza di diversi giorni e permanere nel terreno e sulla vegetazione almeno per una settimana) lungo le strade e negli abitati;

- espone le scarpate sottoposte al diserbo a frane e smottamenti e conseguente elevato rischio di provocare incidenti stradali durante gli eventi piovosi  e nelle ore notturne;

- abbassa drasticamente la biodiversità vegetale ed animale e la capacità di autoregolazione dei numerosi habitat seminaturali

che garantiscono, oltre ad un aspetto gradevole, la funzionalità e la biodiversità biologica delle scarpate stradali;

- si trasmette ai corpi idrici, dove sono state trovate concentrazioni inaspettate anche in Italia. determinando le condizioni accertate di danno alla fauna anfibia  e una delle più probabili cause di rarefazione degli anfibi in tutto il mondo;

 - riduce sensibilmente l'assorbimento dell'anidride carbonica e l'abbattimento delle sostanze azotate contenute nelle acque superficiali da parte della copertura vegetale eliminata.

Il diserbo non sostituisce lo sfalcio  Non esiste una alternativa sfalcio-diserbo in quanto si tratta di due modalità di intervento che hanno finalità, procedure e risultati completamente diversi e che vanno utilizzate in situazioni e con obiettivi profondamente diversi.

Lo Sfalcio permette di controllare la rigogliosità della copertura erbosa dei prati (sia quelli del verde urbano, che quelli delle praterie secondarie della fascia collinare e montana), delle aree non coltivate, delle aie e dei margini erbosi stradali favorendo le piante perenni (prevalentemente emicriptofite) e che tendono a coprire uniformemente il terreno e a maturare arricchendosi di altre specie e mantenendo stabilmente la copertura (e la protezione)del terreno. Rappresentano cioè la migliore protezione del terreno sia dall'erosione che dall'ingresso delle erbe annuali e aggressive. Le cenosi che si sono adeguate alle condizioni locali e strutturate compenetrandosi, anche negli apparati radicali, dopo decine di anni di gestione attraverso lo sfalcio, nelle fasi di maturità raggiungono una omeostasi che permette loro di mantenere uno stadio di stabilità che può tollerare lunghi intervalli di tempo (anche di qualche anno) tra un intervento di taglio e quello successivo.

Il diserbo, pratica che è nata e dovrebbe rimanere limitata agli stretti terreni coltivati, serve a eliminare la competizione delle specie spontanee con le piante coltivate, e determina, quando viene utilizzata in modo improprio e su grandi superfici della componente erbacea delle scarpate stradali, un immediato azzeramento della maturità raggiunta e della complessità delle cenosi vegetali gradualmente maturate, selezionate ed adattate dopo diverse decine di anni (dai 30 ai 50) di pratiche gestionali corrette.

Nessun vantaggio dal diserbo

È bene chiarire che il diserbo dei bordi stradali, rispetto al tradizionale intervento di sfalcio, non presenta nessun vantaggio:

- l'aspetto dei bordi trattati è oltremodo sgradevole dal punto di vista estetico;

- non limita in alcun modo il numero degli interventi in quanto non elimina la necessità delle operazioni di sfalcio, che debbono comunque essere effettuate;

In compenso il trattamento con fitofarmaci determina numerosi danni (sia diretti che indiretti) e crea le condizioni di rischio per effetti negativi anche gravi:

- non permette alla vegetazione seminaturale di svolgere il ruolo di difesa del terreno ed espone le scarpate stradali all'erosione e agli smottamenti cosa che in molte regioni collinari, dove risulta abbondante la componente argillosa dei suoli (dalla Romagna alla Basilicata), è particolarmente diffuso e grave;

- arreca danni pesanti alla vegetazione, che perde istantaneamente diversi decenni di maturazione accumulati con il tempo, e provoca la scomparsa locale di numerose specie e l'impossibilità, in alcuni casi del ritorno allo stato precedente, neppure dopo l'abbandono della pratica (dopo due o tre interventi in anni successivi si annulla anche la carica dei semi del terreno);

- arreca danni diretti ed indiretti anche alla fauna minore, basti pensare agli effetti sulle popolazioni di carabidi che hanno uno stretto rapporto col terreno e con la qualità della copertura erbacea;

- rende obbligatorio l'intervento anche negli anni successivi, in quanto le fasce denudate vengono invase da poche specie annuali particolarmente vigorose ed aggressive, come varie specie di Avena e di Bromus, Echinochloa crus-galli; Digitaria sanguinalis e Sorghum halepense

- si acquistano attrezzature e prodotti chimici inutili, oltre che dannosi, mentre non si investe nel miglioramento delle conoscenze, della preparazione dei tecnici, oltre che nell'adeguamento dei mezzi e delle tecniche di manutenzione delle scarpate;

- si determina una perdita di maturità degli ecosistemi marginali, con conseguente riduzione della complessità e della funzionalità sia dal punto di vista vegetale che animale; tenendo conto peraltro che in molte aree collinari i margini stradali costituiscono gli ultimi centri di conservazione della biodiversità.

Un esempio: se la Provincia di Pesaro-Urbino dovesse adottare questo assurdo progetto ci sarebbe la concreta possibilità di decretare la scomparsa definitiva di una specie, una delle poche endemiche della Regione Marche, la Polygala pisaurensis, che vegeta unicamente proprio sulle scarpate stradali di una sola località della fascia sub costiera tra Pesaro e Fano.

In conclusione Siamo ormai consapevoli che l'ambiente è una risorsa unica e limitata, perché questa coscienza possa dare frutti dobbiamo cambiare abitudini, modi di pensare e c'è molto lavoro per ciascuno di noi! Sia dal punto di vista pratico, che sul piano informativo, ma anche nella formazione dei tecnici e degli amministratori che operano nel settore ambientale ed infine sul ruolo dei mass medi e di tutti noi cittadini.

È arrivato il momento di porre un argine all'irrazionale e criminale modo di utilizzare la chimica nei campi e nel resto del territorio. Questo obiettivo si può raggiungere facendo in modo che in varie forme e a tutti i livelli (con Ordinanze dei Sindaci, Norme di Polizia Rurale, Leggi e regolamenti Provinciali e Regionali, ma anche con l'intervento da parte dello Stato o dell'Unione Europea) si vieti definitivamente l'uso di sostanze inutili e dannose come i diserbanti!

Immagine_fig5_pag441

Scrivi un commento

Redatore: Michele Dall'O'

http://it.wikipedia.org/wiki/Cichorium_intybus

http://it.wikipedia.org/wiki/Artemisia_vulgaris

http://it.wikipedia.org/wiki/Achillea_millefolium

http://it.wikipedia.org/wiki/Cirsium_acaule

http://it.wikipedia.org/wiki/Erigeron_acris

http://it.wikipedia.org/wiki/Potentilla

http://it.wikipedia.org/wiki/Senecio_jacobaea

Son d'accordo: ogni pianta (seppur 'cativa') che guarda in su, g'à la so virtù!
Utente: Vronskj60

Al di la di tutte le vostre considerazioni che condivido, vorrei per un momento richiamare la vostra attenzione a queste brutte (così ritenute) erbacce: Cichorium intybus,Artemisia vulgaris, Achillea millefolium, Cirsium acaule, Erigeron acer,Potentilla anserina, Senecio jacobaea...e quante altre ancora se non intervenissero con questi sistemi devastanti a privarci di Bellezza, altro che erbacce!!!
Utente: Ale Caste

Questo ci vorrebbe http://www.guerrillagardening.it/chi-siamo.html altroché diserbanti
Utente: Ale Caste

... e se proprio proprio non se ne può fare a meno una miscela di acqua, sale e aceto funziona alla perfezione (testato), sicuramente è un metodo più economico e naturale (http://www.tuttogreen.it/come-fare-un-diserbante-naturale/)
Redatore: Michele Dall'O'

E' il Tempo, il problema. Qualche anno fa avevo conosciuto un bravo professore di Siena, il professor Tiezzi che, appunto, aveva scritto un libro: Fermate il tempo! Qui, con la scusa di CORTOCIRCUITARE IL TEMPO, ci stanno avvelenando tutti. Lo spazzino è l'esempio immediato che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni: una volta avevano le scope di saggina; adesso hanno gli aspiratori a motore ... esai che bellezza con le PM10 e le PM<10!! Una volta avevnao il badile, adesso il diserbo.
Redatore: Mario Spezia

Ordine, ci vuole ordine! Niente fili d'erba fuori posto a rovinare il tappeto di asfalto.
Redatore: Michele Dall'O'

Siamo arrivati al paradosso che lo spazzino, pardon, operatore ecologico (!), di Via Albere va a spruzzare il diserbo su ogni singola piantina che cresce lungo il marciapiede. Fra un mesetto, ogni tanto, lo vedrete in azione