Ero presente al convegno su "l'Orso, il Lupo e la Lince", che si è tenuto a Bosco Chiesanuova sabato 29 giugno. A organizzare il convegno è stata l'Associazione dei Cacciatori della Zona Alpi (acronimo ACZA). L'incontro è stato molto interessante non solo per la qualità degli interventi, ma anche per l'attualità dell'argomento.

Le relazioni sono state tenute da:

- Claudio Groff (Ufficio faunistico del Servizio forestale della Provincia di Trento, esperto di orsi),

- Francesca Marucco (zoologia - esperta grandi carnivori - UNITO),

- Anja Molinari Jobin (zoology - esperto grandi carnivori - University of Berne Switzerland),

- Annibale Salsa (antropologo già docente di Antropologia filosofica e Antropologia culturale UNIGE),

- Daniele Zovi (Corpo Forestale dello Stato).

In allegato, troverete un primo documento sull'Orso bruno delle Alpi. La relazione è stata fatta da Groff, ma alcuni relatori, successivamente, hanno aggiunto cose che hanno completato quanto detto da Groff. I grafici che troverete sono personali rielaborazioni di quelli presentati da Groff e da Molinari al convegno. Sono molto utili per comprendere due passaggi importanti dell'opera di protezione dei grandi carnivori delle Alpi.

Segue la mia relazione dell'intervento sul Lupo fatto da Francesca Marucco.

Sulla Lince, posso anticipare che c'è poco da dire. Molinari mi è sembrato piuttosto pessimista. La specie è in forte regresso in Slovenia e in tutto l'arco alpino (Molinari); il nucleo più consistente è in Svizzera.

I cacciatori presenti al convegno (cacciatori che provenivano dalle regioni di tutto l'arco alpino: dalle Alpi Marittime alle Giulie) hanno espresso parere favorevole alla presenza sulle Alpi sia dell'Orso bruno sia del Lupo.

Concludo con una mia osservazione: l'orso bruno non è un animale aggressivo, ma - propriamente - non è un gattino. Le sue dimensioni sono ragguardevoli e se il suo comportamento diventa problematico (si veda il paragrafo "orsi problematici") non può esserci coesistenza tra uomo e orso. Per questa ragione sono stati uccisi l'orso in Germania e quello in Svizzera. Lo slogan "Colpevoli di essersi avvicinati all'uomo" del WWF-Italia è inadeguato, perché non tiene conto della potenziale pericolosità dell'orso.

La colpa, ovviamente, è sempre dell'uomo. E' l'uomo, infatti, che ha invaso la montagna, le foreste, le rocce con la sua presenza e con un'aggressione turistica e abitativa molto accentuata, con strade e insediamenti che offendono la natura selvaggia del territorio. Ma le conseguenze di un comportamento superficiale nel trattare il problema della conservazione dell'orso bruno sulle Alpi possono essere dannose alla loro causa. L'orso non è colpevole di essersi avvicinato all'uomo, semmai è colpevole di essere un animale pericoloso e come ogni animale pericoloso (si consulti il bel libro "Animali pericolosi" di Giorgio Celli edito da Edagricole ormai una ventina di anni fa) - lupo, vipera, lince, tracina, squalo bianco, scorpione, meduse ecc. - viene condannato a morte dall'uomo, che è disposto ad accettare i rischi della tecnologia (ci sono stati 3650 morti per incidenti stradali nel 2012 e ben 20 000 circa invalidi permanenti, dati Istat e UNIVR, eppure nessuno pensa che si debbano eliminare le automobili), ma non quelli della natura.

La salvezza di questo animale si può avere solo se l'uomo salva i territori che permettono all'orso di vivere lontano e nascosto.

L'uomo, invece, che fa? Apre sentieri in alta quota, nei boschi, sui ghiacciai; costruisce rifugi ovunque (l'ultimo a 3600 m s.l.m. sul versante francese del Monte Bianco), attrezza palestre di roccia in ogni valle, taglia il sottobosco, pretende di arrivare dappertutto.

Così c'è poca speranza che non accadano incidenti tra uomo e orso e che non si decreti l'estinzione dell'orso.

Relazioni complete:

Orso

Lupo

Contenuti correlati

WWF, Museo e Oasi
WWF, Museo e Oasi Festival dell'Ecoscienza 22-23 ottobre 2011 al Museo e nell'Oasi. Tutti gli appuntamenti e gli orari. Diventiamo ricercatori per un giorno.   Sab... 918 views redazione
A cosa serve il Parco del Baldo?
A cosa serve il Parco del Baldo? Maurizio Delibori rilancia ancora una volta la storica proposta del WWF di creare un unico parco del Baldo, che comprenda sia i comuni trentini sia quelli veron... 1322 views Mario Spezia
Il sogno di Bolis
Il sogno di Bolis Prosegue la ricerca per creare il giornalista meccanico: mentre la cultura si deteriora, le macchine diventano sempre più sofisticate e il gap tra uomo e macchi... 1304 views Michele Bottari
L'armata Brancaleone
L'armata Brancaleone La corrispondenza fra le vicissitudini dell'attuale Governo della Nazione e le sfortunate peripezie dell'armata Brancaleone alla conquista del feudo di Aurocast... 2390 views dartagnan
5 domande ai promotori di liste elettorali
5 domande ai promotori di liste elettorali Il mondo politico veronese è in grande fermento per l'avvicinarsi della scadenza elettorale. Ci sono in campo molte proposte sia a destra che a sinistra. Vorrem... 1259 views Mario Spezia
Settis sta bene e lotta insieme a noi
Settis sta bene e lotta insieme a noi MARTEDI' 24 GENNAIO ALLE ORE 20.45 presso LA FORESTERIA SEREGO ALIGHIERI a Gargagnago di Valpolicella Via Giare 277.Care Amiche e cari Amici della Valpolicella,... 917 views gabriele_fedrigo
Arsenale: Luce risponde a Spezia
Arsenale: Luce risponde a Spezia Ancora un filmato dell'istituto LUCE sull'Arsenale.Riceviamo e volentieri pubblichiamo un comunicato dell'Istituto Luce in risposta all'articolo di Mario Spezia... 1281 views Michele Bottari
Il recupero dell'Arsenale Franz Josef I
Il recupero dell'Arsenale Franz Josef I Venerdi 27 gennaio ore 18.00 presso la sede del CTG, via Santa Maria in Chiavica, 7 (VR) avrà luogo un importante convegno internazionale promosso da United Nat... 1818 views Mario Spezia