www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Frankenburger, la mucca sintetica

 
2013 frankenburger mucca sintetica 11399

La carne artificiale risolverà i problemi dello sfruttamento della terra e della fame nel mondo? Un film già visto. L'insana tentazione di uscire dalla crisi con la tecnologia.

Secondo le principali agenzie di stampa, ieri è stato mangiato il primo hamburger realizzato grazie alle cellule staminali di una mucca, sviluppate in vitro fino ad ottenere i 140 grammi di manzo sintetico.

L'hamburger, per la cronaca, avrebbe superato solo a metà l'esame del sapore. Pare che il problema sia l'assenza di grasso. Fosse così, sarebbe un problema risolvibile con grande facilità.

Il ''Frankenburger'' è stato creato da uno scienziato olandese, tal Mark Post, che sostiene che il suo prodotto potrebbe essere commercializzato a prezzi competitivi entro dieci o vent'anni, e potrebbe rispondere alla domanda crescente di carne, impiegando risorse minime per la sua produzione, a differenza di quanto avviene oggi.

Gli allevamenti di bestiame, infatti, hanno un impatto estremamente pesante sul clima. Ogni chilo di carne tradizionale richiede tra 4 e 10 chili di mangimi, che a loro volta richiedono acqua, fertilizzanti e pesticidi per essere prodotti, oltre ai carburanti per trattori e macchine agricole.

Oggi la superficie terrestre impiegata per ottenere mangimi per animali è sette volte superiore a quella impiegata per colture vegetali per il diretto consumo umano. La carne sintetica comporterebbe un risparmio del 99% di suolo agricolo e tra l'82 ed il 96% di acqua. Inoltre ogni bistecca sintetica costerebbe il 95% in meno in termini di gas serra rispetto a quella tradizionale: le scurreggie dei manzi di allevamento (metano), secondo una ricerca dell'università di Oxford, producono più gas serra di tutto l'intero sistema di trasporti mondiale.

Ce n'è abbastanza per un eco-vegetariano come il sottoscritto, per gridare al miracolo. Eppure c'è qualcosa che non ci convince. Innanzi tutto, dietro il progetto c'è il fondatore di Google, Sergey Brin. Questo sarebbe per me sufficiente per boicottare il progetto.

Ma atteniamoci ai fatti, e supponiamo per un solo istante che uno dei padroni del mondo, un tale che si è spaventosamente arricchito cambiando nel profondo le nostre abitudini, e trasformando i cazzi nostri in una macchina da soldi, sia veramente interessato al bene dell'umanità.

Quante volte siamo stati di fronte alla tecnologia che avrebbe risolto i problema della fame nel mondo? Tante, troppe. E ogni volta è stata una fregatura: l'energia nucleare, la green revolution, gli OGM.

Il tutto perché la popolazione mondiale, lungi dall'essere sotto controllo, si adegua alle risorse esistenti, allineandosi al massimo possibile. Questo rende non solo inutile, ma addirittura catastrofica ogni innovazione tendente a risolvere i problemi di scarsità.

Il solo risultato certo di queste killer application (killer, purtroppo, va inteso in questo caso in senso letterale) è l'arricchimento smodato di chi le ha proposte e applicate. Il resto della popolazione farà i conti con una Gaia ancora più incazzata.

Le persone che, in virtù della disponibilità di proteine nobili a costo (quasi) zero, occuperanno ulteriormente il pianeta avranno bisogno di vestirsi, di spostarsi, di vivere una vita dignitosa, e la pressione sul nostro povero pianeta aumenterebbe vertiginosamente.

L'uso cocciuto e ignorante della tecnologia, forte fattore di complessità, per risolvere problemi complessi, fa pensare alla famosa frase attribuita da Einstein: "I problemi non possono essere risolti allo stesso livello di conoscenza che li ha creati."

Speriamo sia una bufala, con buona pace di Mr. Google.

Scrivi un commento

Utente: Aegean0

Non credo il problema sia il sapore, se il sapore contasse come farebbero a funzionare i m...burgher?
Redatore: Michele Dall'O'

In machina a idrogeno, oviamente. Così femo contento anca Rifkin.
Redatore: Mario Spezia

Ma vuto metar, in machina, con l'aria condisionata, vestìo de nailòn, con 'na cocacola in una man e 'na polpeta de staminali ne l'altra, a tuto buso verso la riviera romagnola . . . sa vuto de più?
Redatore: Loretta

Mah. Sarà che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni i risultati di queste splendide innovazioni.

Gli OGM dovevano sfamare il mondo, e invece stanno affamando i contadini. Facebook doveva far socializzare le persone, e invece ha creato isolamento (se ti è capitato di andare al cinema ultimamente, sai a cosa mi riferisco). Il lavoro, il libero mercato, l'automobile dovevano essere strumenti di libertà, e sono diventate le nostre prigioni.

Sarà che stiamo imparando qualcosa dall'esperienza, e non ci caschiamo più.
Utente: A

per me è interessante invece...come mai la maraia è sempre così anticonformista e così rage against the system?
Redatore: Mario Spezia

Fa pensare anche alla famosa storiella della iena ridens (Crocuta crocuta), che pur di sopravvivere si adatterebbe a copulare una sola volta all'anno e perfino a mangiare i propri escrementi. Il commento arcinoto era appunto: "Sa casso g'ala po' da ridar?"