Già la scorsa estate questa rassegna musicale si è imposta per la grande qualità dei musicisti e dei temi proposti.

Quarta edizione per "La Valigia dei suoni", la rassegna musicale organizzata dalla Fondazione Centro Studi Campostrini, via Santa Maria in Organo 4. dal 5 giugno al 3 luglio a Verona

Un viaggio nel mondo sonoro dalle musiche popolari della vecchia Europa latina verso il cuore della cultura Latino-americana per concludere con il genere nato da queste contaminazioni, il Tango. 

"Il viaggio nella nuova valigia dei suoni vuole far conoscere le migrazioni e le contaminazioni che permeano la cultura musicale delle genti "latine", già crogiuolo di culture celtiche, slave, ebraiche e arabe, quando ebbero inizio i grandi flussi migratori verso le americhe", spiega Rosa Meri Palvarini, presidente della fondazione scaligera e curatrice del progetto in collaborazione con Max Marmiroli. "Si tratta di un particolare senso lirico, romantico e nostalgico che è già presente nelle musiche popolari della vecchia Europa, ma che si esalta e sublima a contatto con le culture Indie e Africane diffuse nei paesi del Centro e Sud America".

Protagoniste le sonorità dei vecchi balli come gighe, manfrine, polke, tarantelle, valzer e le arie antiche, tramandate e rinnovate nell'area euro-mediterranea, che cercano una simbiosi con ritmi complessi e canti tribali, facendo nascere nuovi generi come il Tango, il Samba e il Son cubano mentre altri come il Choro brasiliano, la Murga argentina o il Changuì cubano rimarranno nicchie locali per i musicisti più curiosi ed innovativi.

1.Venerdì 05 giugno 2009 alle 21: Riccardo Tesi e la Banditaliana. Esplorazioni tra forme e riti della tradizione toscana, profumi mediterranei, improvvisazioni jazz e canzone d'autore. Riccardo Tesi, compositore e organettista di fama internazionale, considerato uno dei musicisti più audaci e autorevoli della nuova scena world europea sarà accompagnato da Maurizio Geri, voce solista e chitarrista funambolico dallo stile manouche, Claudio Carboni sassofonista, e il percussionista vibrafonista Marco Fadda, in un concerto di composizioni originali, virtuosismi strumentali, preziosi incastri ritmici ed arrangiamenti raffinati;

2.Venerdì 12 giugno 2009 alle 21: Filippo Gambetta Trio. Intense suggestioni e armoniose sonorità della musica popolare tra creatività, originalità ed equilibrio di contaminazioni. Filippo Gambetta all'organetto diatonico coadiuvato dal chitarrista Claudio De Angeli e dal contrabbassista Riccardo Barbera, interpretano musiche dal respiro internazionale coniugando folk italiano d'autore, world-music dalle influenze francesi e balcaniche, tradizione celtica e musica etnica italiana;

3.Venerdì 19 giugno 2009 alle 21: Armando Corsi Quartet. Passione e amore per la musica in un viaggio che attinge alle molteplici tradizioni della musica latinoamericana. Una serata di poesia chitarristica, di vera alchimia letterario-musicale all'insegna di sonorità latine contaminate dalla musica mediterranea con Armando Corsi, chitarra e voce accompagnato dalla voce di Daniela Garbarino, Marco Fadda alle percussioni e Ruben Chaviano violino e voce;

4.Venerdì 26 giugno 2009 alle 21: Silvio Zalambani – Gruppo Candombe. Coinvolgente ed emozionante viaggio musicale alla riscoperta della tradizione musicale latino americana. Dalla cattedra al palcoscenico i maestri italiani della tradizione latino americana: Silvio Zalambani, sax soprano, musiche e arrangiamenti, Massimo Mantovani al pianoforte, Davide Bernaro timbales e pandeiro, Tiziano Negrello al contrabbasso, Luca Marcello congas e cajòn e Pedro Mena Peraza al bongo. La formazione propone un ipotetico viaggio musicale alla riscoperta della cultura tradizionale latino americana partendo dall'Andalusía con tappa fondamentale a Cuba e in Brasile, fino a Buenos Aires;

5.Venerdì 03 luglio 2009 alle 21: Tango Fatal. Prestigiosa e creativa interpretazione tra il ritmo inconfondibile del tango e la musica rioplatense e argentina. Mille suoni di percussioni e il calore di una voce ardente in un complesso tutto al femminile con Tania Righi, violino, Elena Luppi, viola, Sandra Cartolari, voce, Alessandra Fogliari, pianoforte, Anna Palombo, fisarmonica e cahon.

La manifestazione è patrocinata dal Comune di Verona, dalla Provincia di Verona, dalla Regione Veneto, dal Conservatorio Statale di Musica Luca Marenzio di Brescia e dal Conservatorio di Musica F. A. Bonporti di Trento, con il contributo di Fondazione Cattolica, Cafarelli & Cafarelli e Usm. L'ingresso per gli adulti è di 10 euro e per gli studenti è di 5 euro. Per ulteriori informazioni contattare la segreteria al numero 045-8670639/ 770 o visitare il sito www.centrostudicampostrini.it.

Contenuti correlati

Piano di Risanamento della Qualità dell'aria.
Piano di Risanamento della Qualità dell'aria. Lunedì prossimo, ore 18.00, presso Legambiente, incontro di associazioni, comitati e cittadini interessati a preparare le osservazioni da spedire ai Comuni. Si ... 789 views redazione
Sandrà come Las Vegas
Sandrà come Las Vegas L' Amministrazione Comunale di Castelnuovo ha deciso di edificare 24.000 mc. di nuovi edifici nel parco di villa Isotta. Italia Nostra chiede l'intervento del s... 931 views Mario Spezia
Il Dirigente Ortolani pittore e ingegnere
Il Dirigente Ortolani pittore e ingegnere Una grande passione per le opere pubbliche testimoniata sia dalla sua partecipazione ad alcune mostre di pittura sia dal suo coinvolgimento in alcune recenti vi... 2676 views Mario Spezia
Sparito in trent'anni il 52% degli uccelli. Colpa dell'agricoltura int...
Sparito in trent'anni il 52% degli uccelli. Colpa dell'agricoltura int... Metodi di coltivazione intensivi e uso smodato di fertilizzanti hanno causato la morìa dei volatili. Una realtà drammatica che ha provocato il calo della biodiv... 1212 views andrea_bertaglio
La Regione stoppa Ca' del Bue
La Regione stoppa Ca' del Bue Oggi con una votazione a sorpresa è stata bloccata l'apertura di nuovi impianti fino alla definitiva approvazione del nuovo piano regionale di recupero e smalti... 1183 views Mario Spezia
L'acqua che beviamo
L'acqua che beviamo E' interessante ripercorrere la storia dell'approvvigionamento idrico della nostra città, dai tempi dell'antica Roma, quando l'acqua sorgiva veniva incanalata f... 1285 views Mario Spezia
L'Antropocene si è fermato a Salorno
L'Antropocene si è fermato a Salorno Antropocene: l'era geologica in cui l'uomo e la sua attività causano rilevanti modifiche territoriali, strutturali e climatiche. All'estero se ne parla, qui un ... 988 views wiebke_werwer
Nella mia città nessuno è straniero
Nella mia città nessuno è straniero Sabato 20 settembre dalle 17 alle 19 in cortile Mercato VecchioIl Cartello di associazioni 'Nella mia città nessuno è straniero' ha organizzato un evento pubbli... 908 views fulvio_paganardi