Dal 30 gennaio al 1 febbraio Verona ospita numerose iniziative tra arti e scienza, per incuriosire e appassionare intorno a tematiche che ne rivelano il fascino della 'navigazione nelle manifestazioni dell'intelletto?

Verona è nota soprattutto come città d'arte, sebbene la tradizione scientifica non le manchi, e l'aspirazione a fare delle Scienza uno dei suoi plus valori ne caratterizzi il presente trasversalmente, coinvolgendo istituzioni cittadine diverse, dall'Amministrazione all'Università, dall'Accademia Agricoltura Scienze Lettere al Museo di Storia Naturale e al consorzio Verona tutt'intorno.

 

Per questo realtà disparate, e forse complementari, hanno deciso di fare squadra e proporre il numero zero di un festival che sperano possa divenire un appuntamento annuale, un weekend di scienza e arti che sotto l'egida di un nome che apre illimitati orizzonti, Infinita…mente, animerà a 360 gradi la città scaligera dal 30 gennaio al 1° febbraio.

 Anche perché "l'arte è un lodevole lusso, la scienza è oggi una necessità per la società, e deve essere sempre più una priorità", affermano il Preside Giacobazzi della Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e Galeazzo Sciarretta, Presidente dell'Accademia Agricoltura Scienze Lettere, pensando ad esempio a scelte fondamentali, come quella energetica, cui ogni paese è chiamato di questi tempi.

 

Nel corso della presentazione dell'iniziativa, molti dei relatori hanno comunque sottolineato come spesso l'Ateneo veronese, motore propulsivo di Infinita…mente, resti a latere delle pubbliche discussioni sulla cultura veronese. E come invece le sue grandi potenzialità possano essere valorizzate e sfruttate per lo sviluppo culturale cittadino, ovviamente attraverso un lavoro integrato con le altre Istituzioni, in funzione di uno sviluppo strategico della città scaligera che non può tralasciare l'importanza della formazione scientifica e, più in generale, la centralità della Scienza oggi, con la sua espressione in discipline e attività che vanno dall'informatica alla robotica, dalla matematica alle neuroscienze e all'intelligenza artificiale.

 

Le proposte delle tre giorni spaziano dunque in più direzioni, e si concretizzano in 15 tavole rotonde (che trattano, solo per fare qualche esempio, dell'evoluzionismo, da Darwin all'Intelligenza Artificiale, di Robotica e medicina, di Economia emotiva, di Mente e corpo, di Arte e neuroni, di menti sportive); tre incontri con autori; quattro laboratori per adulti e bambini intorno a robotica, matematica, enigmistica e informatica; due concerti, a Palazzo Forti L'arte della fuga di Bach con l'Accademia Strumentale Italiana e al Camploy il jazz di Feed of Mud e il trio di Francesco Ronzon; una mostra dedicata a La magia di Mauritius Cornelis Escher a Palazzo Forti (fino al 29 marzo, dedicata all'artista che meglio ha sviscerato il problema dell'illusione prospettica che fa percepire come tridimensionale uno spazio bidimensionale, finendo per creare veri e propri mondi fantastici costruiti su illusioni ottiche e studi matematici) e una rassegna cinematografica di fantascienza al Rivoli (Robots, USA, 2005, animazione; Io, robot, USA, 2004, dal libro di Isaac Asimov; Il pianeta proibito, USA, 1956, liberamente tratto da La tempesta di Shakespeare).

 

Per incuriosire e appassionare intorno a tematiche che possono forse spaventare il grande pubblico, ma che rivelano un potenziale altissimo legato al lato gioioso della scienza, al piacere della scoperta e al fascino della "navigazione nelle diverse manifestazioni della funzione intellettiva umana", come sottolineano il Rettore dell'Università Mazzucco e il Preside della Facoltà di Medicina Tansella.

L'iniziativa arriva nel trentennale della pubblicazione del libro del matematico e fisico statunitense Douglas Hofstadter, padrino virtuale della manifestazione, Gödel Escher, Bach – Un'eterna ghirlanda brillante, che vedeva nei tre artisti le tre facce di un unico prisma, aprendo a nuove visioni capaci di mettere in relazione diverse discipline.

Per il programma dettagliato www.infinitamente.univr.it

Le iniziative sono gratuite.

Per chi vuole scoprire un'altra Verona, pacchetti turistici a 65 € prenotabili su www.veronatuttintorno.it

Contenuti correlati

Le caprette ti fanno ciao
Le caprette ti fanno ciao Un ambientalismo rimbecillito che va dalla Brambilla a Berlusconi, alla Boldrini, a Zaia, attraversando la Valpolicella, Conegliano e Valdobbiadene.Davvero comm... 2609 views Mario Spezia
Sparito in trent'anni il 52% degli uccelli. Colpa dell'agricoltura int...
Sparito in trent'anni il 52% degli uccelli. Colpa dell'agricoltura int... Metodi di coltivazione intensivi e uso smodato di fertilizzanti hanno causato la morìa dei volatili. Una realtà drammatica che ha provocato il calo della biodiv... 2081 views andrea_bertaglio
Star bene in inverno
Star bene in inverno Il dott. Emilio Cipriani ci spiega quali abitudini e quali cibi sono più adatti per fare prevenzione nella stagione invernale secondo la medicina tradizionale c... 1490 views emilio_cipriani
No alla conversione del SIC in vigneto
No alla conversione del SIC in vigneto L'avanzamento dei vigneti nel Sito di Interesse Europeo delle Torricelle deve essere fermato. Va contro le più elementari norme di tutela e sta erodendo tutto i... 2008 views Mario Spezia
Massimo Cacciari e il gioco del potere
Massimo Cacciari e il gioco del potere Il filosofo spiega il significato e il divenire del termine "potere" nella tradizione occidentale giovedì 10 febbraio alle 18 alla Fondazione Centro Studi Campo... 1463 views Mario Spezia
All'orizzonte la guerra invece di un cielo azzurro
All'orizzonte la guerra invece di un cielo azzurro Brogliaccio raccolto e inviato via mail alla Presidenza UNESCO di Parigi in occasione dell'opera-azione VERGOGNA VICENZA UNESCO (8 settembre 8 dicembre 2012 - M... 1587 views Mario Spezia
Muri didattici
Muri didattici La monografia di Chelidonio e Sommaruga analizza i muri a secco, urbani e non, come mappe geo-antropiche che ci rivelano la complessità evolutiva del paesaggio.... 3574 views giorgio_chelidonio_e_michele_sommaruga
La tetta slisa de Giulieta
La tetta slisa de Giulieta Il carnevale 2014 ci porterà una nuova maschera: la Giulieta da la tetta slisa. Ma sarà anche l'occasione per scegliere la modella per la nuova statua in bronzo... 2003 views Mario Spezia