Per realizzare grandi progetti servono cultura, coraggio, lungimiranza.

Ci sarebbe bisogno di un salto di qualità, ma questa amministrazione non sembra in grado di andare oltre l’ordinaria amministrazione.

Palazzo Pompei fu fatto costruire fra il 1535 e il 1540 dalla famiglia Lavezzola, che affidò all'architetto Michele Sanmicheli l'incarico di progettare e dirigere i lavori. Nel 1579 il palazzo fu acquistato dalla famiglia Pompei, che ne fece la propria residenza signorile fino a quando, con l'estinguersi della casata, fu donato nel 1833 dai proprietari al Comune di Verona, che negli anni successivi acquisì anche palazzo Carlotti e alcuni edifici adiacenti. Fra la fine del 1800 e l'inizio del 1900 gli spazi dei vari palazzi vennero ristrutturati allo scopo di ottenere la sede del Museo Civico di Storia Naturale della città di Verona.

"Nelle ampie stanze del palazzo trovano oggi posto sedici sale espositive, la biblioteca, i laboratori, i depositi delle collezioni e gli uffici del Museo. Il Museo civico di Storia Naturale dì Verona ospita le sezioni scientifiche dedicate allo studio di minerali e rocce, paleontologia e zoologia. Le sezioni di preistoria e botanica sono ospitate nella Palazzina Comando dell'Arsenale Austriaco di Verona".
http://www.museostorianaturaleverona.it/nqcontent.cfm?a_id=43502&tt=museo

Negli ultimi 20 anni si è ragionato molto sul futuro del Museo, dati anche i limiti oggettivi degli spazi espositivi, che hanno tra l'altro costretto la direzione del museo a spostare alcune sezioni presso la sede dell'ex Arsenale austriaco.

Nei primi anni 2000 in sindaco Paolo Zanotto indisse una Gara internazionale di progettazione del Nuovo Polo Culturale "Arsenale 2000: città della Natura e della Musica". La gara fu vinta da un architetto di fama internazionale, David Chipperfield, che aveva ideato un percorso museale innovativo all'interno dell'ex Arsenale. Il progetto, a causa della mancanza dei fondi necessari e della progressiva perdita di interesse da parte delle successive amministrazioni, non venne mai realizzato. Cionondimeno le idee innovative presenti nel progetto di Chipperfield sono chiaramente individuabili nella realizzazione del MUSE di Trento ad opera di Renzo Piano.

20 anni fa eravamo all'avanguardia
in Europa, oggi siamo un fanalino di coda quasi spento. Purtroppo per realizzare grandi progetti servono cultura, coraggio e lungimiranza, doti che a Verona ultimamente sembrano scarseggiare, se dobbiamo giudicare dai risultati.

Eppure è evidente che il Museo Civico di Scienze Naturali di Verona ha bisogno di essere rinnovato dalle fondamenta. Lo dimostrano le vicende recenti, i vari tentativi di riprogettarlo e gli esempi realizzati a Trento e Bolzano, per non andare troppo lontano. Negli ultimi 20 anni è cambiato totalmente l'approccio alle scienze. La tecnologia e i sistemi di comunicazione hanno fatto passi da gigante, le esposizioni possono avvalersi di strumenti un tempo inimmaginabili, la didattica è cambiata radicalmente e può avvalersi di strumenti nuovi con i quali i giovani amano interagire.

http://dspace.unive.it/bitstream/handle/10579/8171/850821-1194674.pdf?sequence=2

C'è anche un fattore economico di non secondaria importanza. Verona ha una vocazione spiccatamente turistica e il turismo attuale ha una grande fame di Natura e di Scienza.

Il Muse è diventato uno dei poli attrattivi più importanti per Trento e per il Trentino.
"Un milione di visitatori che, in soli 21 mesi dall'inaugurazione del museo, hanno varcato la sua soglia, un milione di persone che soprattutto nei weekend e sfruttando i ponti festivi, e mantenendo un flusso costante nel corso della settimana, hanno avuto modo di visitare gli spazi progettati da Renzo Piano e di non mancare l'appuntamento con un'incursione in città e sul territorio. Un trend più che positivo che conferma la grande capacità attrattiva del museo e delle sue proposte culturali, nei confronti della comunità locale, ma anche e soprattutto degli escursionisti e dei turisti. Altro importante dato quello della didattica, che ha mobilitato a oggi più di 450.000 studenti e docenti".
https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Comunicati/MUSE-21-MESI-E-1-MILIONE-DI-BIGLIETTI-STACCATI

L'Ars District di Sboarina sa molto di melina e di temporeggiamento. Spostare l'Accademia di Belle Arti da palazzo Montanari all'Arsenale costerà un sacco di soldi e farà perdere tutti i milioni investiti negli ultimi anni per l'adeguamento della sede attuale. "Un nuovo polo dell'innovazione tecnologica, alimentare e artistica" non vuol dire niente, è solo polvere gettata negli occhi dei veronesi più distratti.

Ci sarebbe bisogno di un salto di qualità, ma questa amministrazione non sembra in grado di andare oltre l'ordinaria amministrazione.

Contenuti correlati

Veramente in love
Veramente in love A tutti gli innamorati, il regalo di Veramente.org per San Valentino. Una goccia di verità in un mare di menzogne.Verona è la capitale dell'amore. Una leadershi... 613 views pietro_paolo_simoncelli_e_michele_bottari
Il Minnesota e il vento che cambia
Il Minnesota e il vento che cambia Ora che il negazionismo climatico è stato smascherato, iniziano le cause di risarcimento. Ma per chi si oppone a pesticidi, 5G, energia nucleare, vaccini, la st... 1933 views Michele Bottari
Forcaioli
Forcaioli Sappiamo tutti benissimo come si risolve il problema dei morti sulla strada. Ma la politica e l'emotività si accontentano di punire sempre più severamente l'occ... 550 views Michele Bottari
Suv, crossover e risparmio energetico
Suv, crossover e risparmio energetico La pretesa di abbattere i consumi energetici con la tecnologia si sta rivelando una pia illusione.Non c'è via d'uscita. Per ridurre i rifiuti e le emissioni c'è... 697 views Mario Spezia
Salvare il salvabile o distruggere tutto
Salvare il salvabile o distruggere tutto Le osservazioni dei Comitati e delle Associazioni al Piano d' Area Baldo-Garda presentato dalla Regione VenetoLa Regione Veneto ha presentato un Piano d' Area c... 512 views Mario Spezia
Liberta' di espressione e democrazia
Liberta' di espressione e democrazia Giovedì 22 maggio ore 14.30 Convegno promosso dall'Ordine degli Avvocati di Verona presso la sede del Banco Popolare, Viale Delle Nazioni,10 – Verona. Ingresso ... 1196 views ordine_degli_avvocati
Goodbye Leningrad
Goodbye Leningrad Suggestioni e immagini di una città in bilico tra passato e futuro raccolte in una mostra visitabile tutto il mese presso 'L'Ostregetteria' di via Sottoriva 23 ... 595 views alice_castellani
Crepi il tarassaco!
Crepi il tarassaco! Nelle nostre campagne il Tarassaco, in dialetto Pissacani, sta progressivamente scomparendo e al suo posto subentra una piccola margheritina gialla che sta colo... 949 views Mario Spezia