Il WWF scrive al ministro dell’interno.

In appena un mese 2 morti e 13 feriti per incidenti di caccia, urgente mettere in campo misure preventive e definire nuove e più stringenti regole. Il pacifico godimento della natura non è più compatibile con la presenza di un esercito armato che gira tra le campagne per 5 mesi l’anno.

2 morti e 13 feriti in appena un mese di attività venatoria (preaperture), ma complessivamente a causa di armi da caccia i morti (da 1 a 30 settembre) sono 4 e i feriti 13 (2 morti e 5 feriti non cacciatori, tra cui un minore). Questo il bilancio della sola "anteprima" della stagione venatoria in corso che emerge dai dati dell'Associazione vittime della caccia. Il dato complessivo della scorsa stagione parla invece di ben 114 vittime, tra cacciatori (20 morti e 60 feriti) e non cacciatori (10 morti e 24 feriti). L'aumento delle vittime tra i non cacciatori parla chiaro: la caccia, la presenza di un "esercito armato" non è più compatibile con il pacifico godimento della natura da parte di passeggiatori, escursionisti, famiglie, birdwatchers.

Chiusa la caccia, il bollettino è da guerriglia: 114 tra morti e feriti

Un vero e proprio bollettino di guerra che coinvolge infatti sia cacciatori sia persone del tutto estranee all'attività venatoria. Replicando quanto fatto lo scorso anno a fine novembre con una lettera indirizzata all'allora Ministro Marco Minniti, il WWF ha deciso di scrivere al Ministro dell'Interno, Matteo Salvini (e per conoscenza ai ministri dell'Agricoltura e dell'ambiente Centinaio e Costa), sottolineando la gravità del problema e la necessità di intervenire con una serie di misure. Non si tratta di fatalità, come spesso si legge dalle cronache dei giornali locali, ma di incidenti tutt'altro che inevitabili e spesso causati da una "aperta violazione della Legge quadro nazionale (Legge n.157/1992) e delle Leggi regionali di settore" come si legge nella lettera a firma del Vice Presidente dell'Associazione, Dante Caserta.
Secondo il WWF i comportamenti più pericolosi alla base di questa escalation di morti e feriti sono: il mancato rispetto delle distanze minime da strade e centri abitati; una tendenza a sparare senza inquadrare il "bersaglio"; la cattiva abitudine di accompagnare le battute di caccia, soprattutto quella al cinghiale, con "colazioni", spesso comprensive di vino e altri alcolici. A tutti questi fattori negativi si aggiunge l'elevata età media dei possessori di licenza di caccia. In particolare il mancato rispetto della distanza di sicurezza da abitazioni e centri abitati aumenta di molto il rischio di provocare incidenti: non sono mancati episodi nei quali i pallini da caccia hanno centrato cortili o abitazioni."A tali comportamenti - si legge nella lettera WWF indirizzata al Ministro dell'Interno - si accompagna la possibilità di detenere, con la licenza di caccia (anche per un diciottenne alla prima licenza), un numero illimitato di fucili, 3 armi comuni da sparo (quindi anche pistole) e 6 armi per uso sportivo, più 1.000 (MILLE) cartucce". Praticamente un arsenale.

Queste e altre cause, rintracciabili anche nei rapporti delle guardie volontarie WWF, aumentano di numero se si considera la caccia al cinghiale, tra le più cruente. La cosiddetta "braccata" infatti, è un tipo di caccia complessa che richiede un grado di perizia maggiore e un'ottima conoscenza dell'habitat circostante. Una pratica di questo tipo dunque, può risultare ancora più rischiosa se praticata in zone frequentate da "civili".

Sul punto il WWF sottolinea l'incompatibilità della caccia con altri tipi di godimento degli spazi naturali. Non è tollerabile che chi vuole fare un'escursione o una passeggiata in natura debba avere a che fare con persone armate che seminano piombo per le campagne. Oggi la natura è molto più frequentata rispetto a 30 anni fa e il suo utilizzo ricreativo è incompatibile con l'azione armata.Infine, fa notare il WWF, spesso con fucili da caccia regolarmente registrati si sono commessi omicidi a seguito di litigi, anche familiari. Questo aspetto, unito al problema dell'uso di alcol, fa sorgere legittimi dubbi sull'accuratezza delle verifiche psicologiche a cui vengono sottoposti i cacciatori, prima di consegnare loro armi estremamente pericolose.

Alla luce di queste osservazioni, il WWF Italia ha proposto alcune misure preventive da mettere in atto il prima possibile per evitare che il numero di vittime innocenti continui ad aumentare. Tra queste:
- Incrementare l'attività di vigilanza e rendere molto più severi gli esami per la licenza di caccia;
- Limitare l'uso di armi a canna rigata, in grado di sparare a 4 km di distanza;
- Effettuare maggiori controlli sulle licenze di caccia, vietare l'assunzione e la detenzione di sostanze alcoliche;
- Divieto di caccia nei giorni festivi nelle aree altamente frequentate da sportivi ed escursionisti;
- Facilitare la nomina di nuove guardie volontarie delle associazioni di protezione ambientale, favorendone altresì quanto più possibile le attività, oggi ostacolate e comunque caricate di un gravame burocratico eccessivo non adatto ad un'attività di volontariato svolta a favore della collettività e della sicurezza pubblica.

Contenuti correlati

Amia, Agsm, Miglioranzi
Amia, Agsm, Miglioranzi Miglioranzi presidente di AMIA. La nomina annunciata è il coronamento di un'operazione di finanza creativa da far impallidire Calisto Tanzi. Tutto, ovviamente, ... 516 views redazione
Agricoltura nemica della biodiversità
Agricoltura nemica della biodiversità 2.500 esperti scrivono a Ursula von der Leyen: va fermato l’intensificarsi di pratiche agricole che trasformano aree rurali in deserti di monocolture a massima ... 428 views Mario Spezia
Biciclettata PER la città: missione compiuta
Biciclettata PER la città: missione compiuta Successo oltre ogni previsione per l'iniziativa 'ambientalistica' veronese.ambientalistiche (come dice il nostro amico T.A.R.) Amici della Bicicletta - Fiab, Le... 323 views Michele Bottari
L' economia secondo il bugiardello
L' economia secondo il bugiardello I colpevoli del dissesto idrogeologico sono gli ambientalisti e le nutrie mentre l' economia veronese va a gonfie vele. Ma i dati economici e le cause dei disse... 368 views Mario Spezia
Caccia: UDC e PD sulle tracce della Lega
Caccia: UDC e PD sulle tracce della Lega Giovedì 11 aprile scorso è stata approvata dal Consiglio Regionale Veneto (con una astensione e un voto contrario) la Legge "Iniziative per la gestione della fa... 399 views Mario Spezia
Verona non è cambiata
Verona non è cambiata Dal Processo agli Alberi, il testo del testimone della difesa, Giuseppe Biadego, uno studioso vissuto all'inizio del '900, che descrive una situazione identica ... 303 views processo_agli_alberi
Come gestire la presenza dei lupi in Lessinia
Come gestire la presenza dei lupi in Lessinia Continua il resoconto delle relazioni al Convegno sul Lupo di Boscochiesanuova. Intanto Tosi ha firmato il decreto spara-lupi e la Forestale lo ha denunciato in... 503 views dallo
La fotografia contemporanea in quattro incontri
La fotografia contemporanea in quattro incontri Quattro conferenze dedicate a ruoli e protagonisti della fotografia contemporanea.Avrà inizio oggi Ruoli e protagonisti della fotografia contemporanea, un ... 394 views alice_castellani