Invisibili, rispettati e stimati da ogni ordine e classe sociale. Politici e giornalisti fanno a gara negli ossequi e nelle genuflessioni nei loro confronti. Eppure, dietro la maschera, c'è poco o niente: una montagna di dati da manipolare a piacimento.

Il sindaco di Torino Piero Fassino ha dichiarato: "Uno dei motivi delle incomprensioni di questi anni è l'evidente sottovalutazione che in Italia è stata fatta dei successi ottenuti da Marchionne".

Occorre essere proprio Fassino per scorgere una sottovalutazione di Marchionne tra la selva di adulatori, lacché e ruffiani che fanno a gara nel celebrare le sue presunte gesta. Fassino rappresenta perfettamente una delle anime del PD, quella più affascinata e succube del potere.

E da moderno interprete della sinistra (?) italiana ha riconosciuto che il potere, un tempo appannaggio dei proprietari delle aziende italiane, è oggi nelle mani dei manager.

Da dove prendono tutto questo potere i manager moderni? La risposta sta nel possesso e nella capacità di gestire le informazioni. In una recente intervista, Ron Dennis, presidente della scuderia corse McLaren sostiene: "Il futuro? è nell'analisi dei dati. Abbiamo dei programmi di simulazione che possono analizzare sei miliardi e mezzo di dati in un millisecondo. È come porre una domanda all'intera popolazione del mondo e avere una risposta unica in un millisecondo."

"L'analisi dei grandi dati," continua Dennis, "è essenziale per il business, siamo in una realtà nella quale un'azienda come Wal Mart può avere immediatamente i dati di ogni cosa che viene venduta nei suoi supermercati e sapere in tempo reale cosa influenza le vendite."

Il tutto è molto affascinante, ma anche misterioso: cosa se ne fa il manager di tutti questi dati? Siamo sicuri che li usi tutti per l'azienda e non per sé?

Nulla è dato sapere su come si formino i processi decisionali, ma una cosa è certa: da questa montagna di informazioni nasce sempre il topolino delle decisioni prese.

Decisioni spesso banali: cosa comprare, a quanto vendere, se e che tipo di investimenti fare, come utilizzare la liquidità, a chi chiedere i soldi.

Queste decisioni potrebbero essere prese senza il management e il suo sistema informatico? Non è difficile: dobbiamo solo pensare a quanto ci guadagnerebbe l'azienda se, al posto dei consiglieri d'amministrazione con i loro tabulati, ci fosse il contadino Bertoldo, vale a dire una persona dotata del normale buonsenso.

È vero che il contadino Bertoldo commetterebbe molti errori, ma quale manager non ne fa? Inoltre dovremmo mettere in conto i mancati stipendi dei manager e i gettoni del CdA, i mancati costi per il reperimento, l'amministrazione, l'elaborazione di miliardi di dati (il contadino non saprebbe che farsene). Il tutto al netto, ovviamente, del compenso di Bertoldo, che però è notoriamente persona che si sa accontentare.

Abbiamo la sensazione che una siffatta azienda prospererebbe, e otterrebbe grandi vantaggi competitivi. E chi l'ha detto che così non sarebbero possibili le mirabolanti imprese del divino Marchionne? Proviamo a immaginare: "Signor Bertoldo, sulla linea due c'è Obama che vorrebbe venderci la Chrysler per 150 euro. Glielo passo?"

Ci hanno sempre insegnato, da Menenio Agrippa in poi, che chi detiene il fattore produttivo critico è l'anello più importante della catena, e le informazioni sono il fattore critico.

È grazie a questa leva che questa casta invisibile e stimata nutre il suo potere. Questa categoria non ha certo bisogno del prono omaggio dell'ex segretario dei DS per affermare la propria baldanza: è passata incolume dalle rivendicazioni sessantottine e ha trovato modo di prendere il sopravvento su una classe imprenditoriale italiana debole e collusa con la politica.

In questo periodo di pesante crisi, non solo restano illesi, ma accrescono compensi e potere. Anche quando, come nel caso di alcune banche, l'operato dei manager è del tutto fallimentare, la rabbia popolare si limita a sfogarsi sulla casta politica, vero capro espiatorio dei tempi moderni.

Contenuti correlati

Guerra in Afghanistan: missione di pace?
Guerra in Afghanistan: missione di pace? Una riflessione e un appello di Mons. Raffaele Nogaro, Vescovo Emerito di Caserta P. Alex Zanotelli; P. Domenico Guarino - Missionari Comboniani- Sanità, Napoli... 1536 views redazione
La disfida del Ginkgo biloba
La disfida del Ginkgo biloba La sfida è lanciata: scelga Giacino il giorno e l'ora, sotto i Ginkgo biloba di piazza Viviani, alla presenza di testimoni e giornalisti. La tenzone va combattu... 1513 views dallo
Io non so chi sono
Io non so chi sono Paolo Arena è molto preoccupato per il crollo di vendite nei negozi del centro storico di Verona in seguito all'apertura di Adigeo.Lo stesso Paolo Arena era ai ... 1546 views dartagnan
Verginelle poco credibili
Verginelle poco credibili Dopo il cataclisma veneziano ci tocca leggere anche la tirata moraleggiante del direttore dell'Arena, come se Verona fosse un'isola felice mai intaccata dalla c... 901 views Mario Spezia
Goodbye Leningrad
Goodbye Leningrad Suggestioni e immagini di una città in bilico tra passato e futuro raccolte in una mostra visitabile tutto il mese presso 'L'Ostregetteria' di via Sottoriva 23 ... 1023 views alice_castellani
Ancora Corso Milano
Ancora Corso Milano Le osservazioni dei Comitati ed Associazioni al Progetto del Comune.E' del tutto illusorio pensare di risolvere il problema di Corso Milano senza prefiggersi l'... 970 views Mario Spezia
Il Cambiamento
Il Cambiamento Da qualche tempo si respira un' aria nuova in città.Del premier c'è poco da dire. Si vanta di apprezzare molto la "carne fresca" e la sua vanteria è confermata ... 1301 views Mario Spezia
Sasso che ròdola no'l fa mus-cio
Sasso che ròdola no'l fa mus-cio UN FELICE 2013 A TUTTIMe lo diceva mia nonna, allorché cambiavo lavoro ogni due per tre. Alla fine dell'anno traccio il mio bilancio energetico, per vedere quan... 1015 views dallo