In Valsusa si sta svolgendo lo scontro cruciale per la sopravvivenza del capitalismo così come lo conosciamo. Chi vince, porta a casa la legittimazione del proprio modello economico e del proprio stile di vita. Il PD gioca da protagonista.

Avrete sicuramente notato il fuoco di fila che in questi giorni sta investendo il movimento no-TAV. Le armi dell'informazione mainstream sono le solite: presentare l'opera come utile e determinante per non perdere il treno dello sviluppo, provocare la violenza per poi denunciarla, e accomunare, in un orrendo minestrone, i capi della rivolta valsusina, come Luca Abbà o Alberto Perino, con qualche facinoroso spuntato ad hoc.

Non si spiegherebbe altrimenti la comparsa, casualmente proprio in questi giorni, di un documento attribuito alle nuove Brigate Rosse, datato febbraio 2013, inneggiante a metodi poco ortodossi per ostacolare i cantieri. Come potete vedere qui, la stampa di regime non ci va giù leggera.

Come sapete, l'oggetto della contesa è la linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione, un'opera considerata costosa e inutile, ma soprattutto dannosa per il territorio e i suoi abitanti.

Dal 1991, il movimento di protesta, composto principalmente da cittadini della Val di Susa in Piemonte, vi si oppone. Il governo italiano e l'Unione Europea sono determinati a portare avanti il progetto che considerano strategico in quanto il suo scopo sarebbe quello di collegare il nord Italia con l'Europa dell'est. I sindaci dei comuni della Valle e i loro cittadini sostengono che la costruzione di un'altra linea ferroviaria sia completamente ingiustificata, dato che il traffico di merci in quella già esistente è minimo.

L'opera verrebbe a costare circa 30 miliardi di euro allo Stato italiano, con il loro corollario di appalti e mazzette, in un momento in cui si chiede ai cittadini italiani di stringere la cinghia a causa della crisi.

La repressione del movimento da parte delle forze dell'ordine è stata particolarmente dura negli ultimi mesi. C'è un motivo particolare che spinge i poteri forti a scagliarsi contro il movimento no-TAV con questa inaudita violenza?

Forse sì: il movimento no-TAV è stato il primo, a memoria, a  non caratterizzarsi come comitato NIMBY (Not In My BackYard - non nel mio cortile). Gli attivisti non chiedono infatti di forare le montagne da un'altra parte, ma sostengono, con prove concrete, che  l'opera non si deve fare, né qui né  altrove.

Questo sconvolgimento della dialettica impedisce al potere di usare le armi consuete, come la riduzione dei comitati a meri interessi localisti, messi di conseguenza l'uno contro l'altro, e superati in nome di una superiore finalità.

Ma l'aspetto più importante della questione è che i no-TAV propongono un modello di benessere completamente diverso, confutando gli assiomi della crescita infinita e della globalizzazione. In questo modo mettono in crisi il capitalismo in sé stesso.

Il sistema politico/economico non era preparato a critiche così profonde e radicali, per questo sta reagendo scompostamente.

Questa battaglia è cruciale sopratutto per il PD, la cui ambiguità in tutta questa faccenda non è sfuggita a nessuno. E il motivo è semplice: se per la destra il sostegno alla TAV è di origine quasi interamente ideologica (non possono sopportare che un gruppo di fricchettoni straccioni riesca a fermare il progresso), per il partito del primo ministro si tratta di una questione di sopravvivenza.

Il partito è pesante e burocratizzato, in pratica un'idrovora di denaro, e i finanziamenti pubblici non bastano mai: esso si regge sui contributi volontari conferiti da una rete di cooperative dalle dimensioni enormi. Queste cooperative lavorano, ovviamente, grazie ai finanziamenti erogati al partito, ma il sistema è ben congegnato, quindi perfettamente legale. Questo è il motivo per cui il pool di Mani Pulite non riuscì a scardinarlo, con buona pace di PSI e DC, che invece furono sconvolti dall'indagine giudiziaria.

Il PD ha estremo bisogno di denaro, soprattutto ora che è incalzato dai Cinque Stelle sui finanziamenti pubblici, e quindi deve far lavorare le sue cooperative. Ergo, ha estremo bisogno di grandi opere, come la TAV, o il traforo delle Torricelle.

Già, perché anche qui a Verona la battaglia infuria, e molti non hanno ancora capito da che parte stare.

Contenuti correlati

La notte della civetta
La notte della civetta Sabato 14 marzo Verona Birdwatching organizza in Valpolicella una serata aperta a grandi e piccini, con una breve introduzione didattica e una successiva, facil... 906 views maurizio_sighele
Trenta famiglie senza acqua in Val d'Alpone
Trenta famiglie senza acqua in Val d'Alpone Stamattina L'Arena ha pubblicato un interessante articolo col quale si dà notizia di una grave carenza di acqua potabile a Montecchia di Crosara.L'articolo spie... 1159 views Mario Spezia
16° San Gio' Verona Video Festival
16° San Gio' Verona Video Festival Si apre questo venerdì 23 luglio a Verona il San Giò Verona Video Festival, manifestazione internazionale di produzioni digitali, giunta alla sedicesima edizion... 1118 views ugo_brusaporco
La simbologia fallica non basta più: ci vuole il viagra
La simbologia fallica non basta più: ci vuole il viagra Verona sta naufragando in un mare di chiacchiere e di progetti fallimentari.Verrebbe da ridere se non ci fosse da piangere.Sulla Statale 11 ecco di nuovo le pro... 931 views giorgio_montolli
Razza di ubriaconi
Razza di ubriaconi I danni sociali dovuti all'abuso di alcol sono superiori a qualsiasi altra calamità sociale. La droga, al confronto, produce danni irrilevanti. Eppure, mentre s... 1047 views Mario Spezia
Cambiamenti climatici: il caso dell'iperico
Cambiamenti climatici: il caso dell'iperico Le cose stanno cambiando sempre più velocemente sul nostro pianeta, nella totale indifferenza dei suoi abitanti.L'iperico fiorisce con un mese di ritardo, che è... 1246 views Mario Spezia
Dal Veneto all'Himalaya
Dal Veneto all'Himalaya Emanuele Confortin, giornalista e fotogiornalista indipendente, documenta la profonda trasformazione che sta attraversando la regione del Kinnaur, terra di conf... 1160 views emanuele_confortin
Inceneritori in Veneto
Inceneritori in Veneto Da Venezia e Treviso una importante iniziativa per chiarire una volta per tutte a cosa servono e a chi servono gli inceneritori.  L'ARPAV ha verificat... 914 views redazione