Riponete le bottiglie di spumante: le dimissioni di Berlusconi ci fanno passare dalla padella del caudillo alla brace dei mercati finanziari isterici. Lacrime e sangue solo da parte dei poveracci.

Buttarlo giù dal suo scranno è impresa improba. Non ci sono riusciti i suoi avversari politici: in due tornate gli italiani gli avevano dato una spallata preferendogli l'odiato Prodi, ma erano vittorie striminzite, ed era bastato poco per buttare giù quei governicchi e tornare alle elezioni rafforzato da un consenso plebiscitario.

A nulla è valso appellarsi al suo oscuro passato, l'appartenenza alla loggia P2, il suo gigantesco conflitto di interessi, i rapporti espliciti, ma mai chiariti, con la mafia.

Non ci sono riusciti i giudici: da anni lo perseguitano con particolare puntiglio, ai miei occhi pienamente giustificato, ma sempre di particolare puntiglio si è trattato. Ma anche qui nisba: grazie a un parlamento occupato permanentemente da legulei privi di scrupoli, molti dei quali direttamente nel suo libro paga, è riuscito sempre a scamparla, non vincendo i processi, ma modificando le leggi a suo piacimento.

Non ci sono riuscite le puttane, le minorenni, i ricatti delle sue ex-favorite, il divorzio con la moglie che lo accusava di essere malato, scandali inauditi sulla sua condotta di vita privata, sulle sue debolezze da satrapo, frequentazioni con i personaggi più balordi del nostro tempo, reati di varia natura perpetrati per coprire ulteriori scandali. Niente, nada, nothing, rien, nichts: da ogni scandalo è uscito sempre un po' malconcio, ma in piedi, sorretto dalla complicità dei suoi sostenitori maschi e dalla condiscendenza benevola delle sue sostenitrici.

A fare quello che nessuno era mai riuscito a fare, ci è riuscito solo lo spread. Spiegazione ai non addetti: lo spread indica lo scarto tra il un titolo di stato solido e i titoli di stato di paesi con maggiori probabilità di insolvenza. Dire che lo scarto tra il Btp italiano a dieci anni e il Bund tedesco analogo è di 500 punti significa che la Germania può indebitarsi a un tasso di circa il 2,5% l'anno, mentre l'Italia deve pagare agli investitori oltre il 7%.

Questa bestia, lo spread, è passata in poco più di un mese da 200 a otre 500 punti, e questo equivale a una condanna a morte per l'economia italiana. Questo, e solo questo, ha convinto il nostro satrapo a gettare la spugna, giacché è tra l'altro titolare di molte aziende quotate nel mercato, che stavano per essere trascinate nel buco nero in cui lui stesso aveva gettato l'economia italiana.

Solo il portafoglio lo ha convinto a lasciare. Dobbiamo rallegrarci? Temo di no.

La scelta Monti rappresenta anche la definitiva ammissione della perdita di sovranità del parlamento e del popolo italiani. Una sovranità che è passata decisamente nelle mani degli investitori internazionali, la parte più umorale e isterica della finanza.

Attenzione: qui non c'è ombra di complotto internazionale. C'è qualcuno che vede dietro a Monti un sodalizio di danarosi banchieri (probabilmente ebrei) che decidono le sorti del mondo, e dicono "Ehi, là mandiamoci quel nostro sgherro, come si chiama... Monti". Le teorie complottiste sono semplicistiche, spesso molto rozze, e quindi quasi sempre sbagliate.

In realtà si tratta di una massa informe di persone che hanno denaro, e lo vogliono far fruttare: piccoli e grandi risparmiatori, gestori di fondi, bancari, banchieri, uniti solo dalla frenesia con cui giocano con il computer. Gente debole, che ancora non ha capito che il problema non è solo italiano, ma che riguarda anche Francia e Germania, U.S.A. e Inghilterra, e quindi il mondo intero.

Gente spaventata dal debito pubblico dello stato italiano, e che chiede solo di essere rassicurata: il tecnocrate Monti serve solo a questo. Nessuno può dare garanzie che il nostro enorme debito sarà pagato (come non è possibile che lo sia quello tedesco, o francese e molti altri), ma loro, i mercati, sono umorali, come dei bambini, e si accontentano di dichiarazioni che si faranno scelte difficili, impopolari. E per far questo servono persone serie, che non si ripresenteranno alle prossime elezioni. Monti, insomma.

A danno di chi saranno queste scelte impopolari? Chi pagherà, insomma, questa crisi? Ma i poveracci, ovviamente. Garantisce Monti.

Default!

Yobel!

Perché voterò Berlusconi


Saggio sulla decrescita

Contenuti correlati

PAN e difesa a basso impatto ambientale. Come cambia l'agricoltura sos...
PAN e difesa a basso impatto ambientale. Come cambia l'agricoltura sos... Giovedì scorso è stato presentato alla Fiera di Verona il Piano di Azione Nazionale, che detta le nuove regole per l'utilizzo dei pesticidi. 21 miliardi di fina... 1813 views Mario Spezia
Che Lago vogliamo?
Che Lago vogliamo? Martedi 6 Ottobre alla Dogana Veneta di Lazise si discute del PAT di Lazise e del futuro del Lago di Gardal'Associazione Amici del Garda e il Coordinamento Comi... 1981 views Mario Spezia
Tante vigne, tante malattie
Tante vigne, tante malattie La monocoltura della vite aumenta in maniera notevole la possibilità di sviluppare epidemie vegetali e malattie endemiche.L'insorgenza della peronospora dipende... 2339 views Mario Spezia
Sunshine Gospel Choir in concerto
Sunshine Gospel Choir in concerto Concerto benefico organizzato da Amici di Angal e Medici Senza Frontiere. Sabato sera al palasport di Verona.Dopo il grande successo ottenuto negli scorsi anni ... 1728 views charlie_mirandola
SIC ZSC ZPS
SIC ZSC ZPS Cerchiamo di capire cosa stanno ad indicare nella teoria e nella pratica questi tre misteriosi acronimi e quali sono i passaggi necessari per tutelare in manier... 6416 views Mario Spezia
Prelati e affaristi sul Monte Baldo
Prelati e affaristi sul Monte Baldo Il titolare del noto ristorante (fastfood & takeaway) PEPPERONE di San Giovanni Lupatoto e una strana accolita di preti e baciapile ha deciso di tentare la ... 9892 views Mario Spezia
Zuckerberg: ancora una volta presi in giro
Zuckerberg: ancora una volta presi in giro Zuckerberg all'UE: niente paura, il caso di Cambridge Analytica non si ripeterà. D'ora in poi solo chi paga potrà usare i nostri dati. La sceneggiata dell'audi... 2427 views Michele Bottari
L'abbraccio mortale
L'abbraccio mortale Per capire in che direzione stiamo andando spesso conviene guardare indietro e capire da dove siamo partiti. In queste lettere di Henry Miller a Lawrence Durrel... 2029 views Mario Spezia