Le opere in metallo di Cristini, al Pink dal 9 all'11 gennaio e realizzate a partire da rifiuti e oggetti scartati, ci parlano di un modo per riqualificare ciò che per il sistema consumistico in cui viviamo avrebbe concluso il suo ciclo vitale ed economico.

Per il secondo appuntamento con l'arte del Circolo Pink di Verona, giunto quest'anno alla terza edizione della rassegna WekEnd in mostra, da venerdì 9 gennaio (inaugurazione ore 18.30) all'11 gennaio sarà possibile scoprire "un'arte rudimentale" che ridà vita a un'ampia gamma di "oggetti smarriti". Sergio Cristini, con il suo Riciclato: opere in metallo, mira, come spiega lo stesso artista "ad avvicinare due aspetti normalmente distinti nel campo artistico (e spesso anche nella vita): l'estetica e l'uso che si fa dell'oggetto".

Per Cristini è fondamentale ridurre la ricerca estetica e favorire l'innesco culturale dell'utilizzo dell'oggetto, recuperando materiale scartato da un sistema di consumo malato cronico e rimettendolo in circolazione "travestito" da opera d'arte, dando più attenzione all'uso che se ne farà che al lato contemplativo della ricerca artistica.

Un percorso che rientra nell'ottica di ridurre i consumi di energia, riciclando in arte ma non solo, vivendo l'atto del riciclare come "un modo quotidiano di vedere le cose, non l'eccezione per esprimere un concetto", piuttosto per viverlo. Così Cristini spera, con la sua arte, di trasmettere un messaggio che è tutt'uno con l'opera. Scopo dell'artista è anche evidenziare le potenzialità insite nell'oggetto/rifiuto, ampliando la visuale dei punti di vista possibili su di esso. Un esercizio di fantasia che riqualifica un'enorme quantità di cose, attraverso le quali il passato si trasforma in futuro. Un approdo alla semplicità e all'essenzialità dell'oggetto, che intende armonizzare il concetto e la sua realizzazione attraverso un'arte che sia da toccare, da usare: "così il concetto possa diventare l'oggetto stesso". Pur rimanendo nell'ambito artistico, l'oggetto raggiunge infatti la sua massima espressione nel suo divenire utilizzabile, con l'estetica funzionale all'utilizzo.

La poetica del riciclo non è certo fenomeno nuovo nel mondo dell'arte, regalare nuovi significati a ciò che teoricamente ha chiuso il suo ciclo è atto creativo e pregno, passabile d'infinite varianti.

Partendo da ciò che gli altri hanno scartato, l'artista interpreta ciò che è stato rifiutato come preziosa risorsa, se ne appropria, ingloba, trasforma.

Negli ultimi cent'anni gli artisti che hanno operato così sono molti, da Boccioni a Picasso, da Duchamp a Man Ray e gli affichisti, Mimmo Rotella in testa. Ognuno è un caso a sé, ognuno opera secondo una personale poetica. Gli intenti sono i più vari, così pure i linguaggi; e a ben vedere, anche gli scarti appartengono a tipologie che vanno dai puri materiali, come legno o plastica, a oggetti utilizzati per ciò che sono, o rielaborati fino a diventar irriconoscibili. L'idea della trasformazione/riuso/recupero è alquanto duttile.

Accomuna questi artisti l'idea che non occorra produrre continuamente "altro", che sia possibile rigenerare ciò che c'è. Lontano dalla logica dell'usa-e-getta praticata senza attenzione dalla cultura consumistica. Sottraendo allo scarto definitivo e prolungando la vita di ciò che pareva aver concluso il suo ciclo vitale ed economico, con un atto poetico per eccellenza.

Il carianese Cristini sceglie di dare nuovo senso ad oggetti in metallo -un materiale che riflette la luce e molto resistente- che tramite assemblaggi e combinazioni si trasformano da vecchie cose in opere capaci di parlare del tempo, della vita che scorre, della transitorietà. Le sue opere in metallo portano con sé le tracce del passato; portano trascritti pensieri, emozioni, desideri, pezzi di vite. Cristini si appropria così di delle storie e immette nelle sue opere un senso d'identità, parlandoci di una rigenerazione da scoprire.

Recentemente Cristini ha lavorato con 80 bambini delle scuole elementari di San Floriano e Corrubbio nell'ambito del progetto "Viaggiatori dell'arte", creando con loro una foresta di alberi natalizi, poi esposta nel chiostro della pieve romanica di San Floriano, servendosi solo di materiale di recupero: vecchi ombrelli, tubi, rondelle, filo di ferro, stoffa e altre cose altrimenti destinate alla discarica. Sia per rendere i più piccoli sempre più consapevoli del problema dei rifiuti e dell'importanza del loro riciclo, sia per avviarli all'uso di diversi materiali nella realizzazione creativa.

La mostra sarà aperta anche sabato e domenica, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 20.00. Il circolo Pink si trova in via Scrimiari 7/a, Verona.

info circolo 045 8065911

www.circolopink.it

Contenuti correlati

Cosa unisce Grillo, Berlusconi e Bossi?
Cosa unisce Grillo, Berlusconi e Bossi? Il personalismo, gli slogan, le invettive, i lazzi e le soluzioni fast-politics.Molti di loro avevano combattuto il fascismo, avevano rischiato la vita, erano s... 877 views Mario Spezia
Un futuro per Verona
Un futuro per Verona Note in calce al libro di L.Viviani, sindacalista storico della CISL con incarichi nella segreteria nazionale ed ex senatore del PD, profondo conoscitore della ... 794 views Mario Spezia
Rimborsi ai proprietari di fondi invasi dai cacciatori
Rimborsi ai proprietari di fondi invasi dai cacciatori Lo sanno in pochi, ma tutti i proprietari di terreni, anche piccoli, nelle campagne italiane vantano un credito con le istituzioni e finalmente, dopo anni di bo... 949 views andrea_zanoni
Pericoli pubblici: Elon Musk
Pericoli pubblici: Elon Musk Genio o pirla? Non importa: il tycoon sudafricano sta per spazzare via l'unica categoria di lavoratori ancora al riparo da globalizzazione e tecnologia. Va ferm... 8878 views Michele Bottari
Verona, la città in fondo a destra
Verona, la città in fondo a destra L'ultimo numero della rivista Venetica è interamente dedicato alla nostra città. Presentazione pubblica martedì 16 marzo a San Zeno."La città in fondo a destra.... 834 views loretta
I bioni
I bioni Con questo nome dialettale si indicano alcune piante selvatiche della famiglia delle Amaranthaceae.Stiamo perdendo i nomi dell'onomastica dialettale e con i nom... 2666 views Mario Spezia
Autumn Lady’s-tresses
Autumn Lady’s-tresses Trovare un tappeto di Spiranthes spiralis (Autumn Lady’s-tresses) su uno scoglio nella baia di Glassillaum mi ha provocato una certa emozione. Non mi aspettavo ... 1222 views Mario Spezia
La degenerazione del capitalismo
La degenerazione del capitalismo Non vi basta guadagnare soldi speculando sui prezzi di titoli e azioni? Diventate piccoli accaparratori con i moderni servizi di engrossing online.In questi tem... 1059 views Michele Bottari