www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Verona, i la sta mandando in mona

 
2015 verona sta mandando mona 15596

Le poesie di Roberto Puliero descrivono efficacemente il saccheggio di una delle più belle città d'Italia

 

     Ma...viènlo istesso?

Se Gesù bambin volesse

nassar qua in de sta cità,

g'ò paura che 'l poarìa

incontrar difficoltà...

Sul musseto San Giuseppe,

e la Madonna col so velo,

par scapàr lontan da Erode

i vien qua col saco a pelo...

Ma qua el Sindaco ha za dito

che i pitochi no 'l le fila,

che qua dentro l'è gradito

sol ci riva con la pila!

Se nel traffico i se perde

par ragiungiar ben la stela,

prima o dopo sèrto i cata

qualche multa che le pela...

Se a un albergo i se rivolge

anunciandoghe al paron:

"Presto arriva el Salvatore..."

"Via, via! No! N'antro teron?!"

E se i vol sponsàr un poco

destirà su na panchina,

gh'è na sbara de traverso

che la schena ghe sassìna...

Se lì arente al Municipio

co un panin serca ristoro,

i le cassa via de bruto

co la scusa del decoro!

Se i se porta un par de bestie

par scaldarse fora un po'...

"No! - i ghe dise - gh'è za pien

qua de aseni e de bo!"

E se po' una mangiatoia

i se prepara da par lori,

i le cata dopo un poco

tuta piena de Assessori...

E pensàr che ogni momento

qua i se vanta con calor,

e i ne conta che Verona...

la cità l'è de l'Amor!

No ghe crede mìa nessun

a sto nome che i g'à messo...

ma te prego, Buteleto:

par piaser... dai, vien istesso!

 

UN ANNO IN RIMA

Roberto Puliero

delmiglio editore

Scrivi un commento

Redatore: Mario Spezia

Usare i beni pubblici per il proprio tornaconto è diventato lecito, anzi viene incentivato per legge, come dimostra l'uso ormai consueto del project financing, oppure l'appalto della Passalacqua, oppure l'uso gratuito di sale pubbliche per iniziative politiche, iniziative private, mostre, sempre a favore di amici degli amici.
Utente: Serghyei

Mi auguro che il tempo del verbo sia giusto: "i la sta", ossia presente/futuro. Ma temo che il tempo più realistico sia il passato: "Verona i la manda in mona".

Perché non accusare pubblicamente di alto tradimento quei figuri che usano la loro città per il proprio miserabile tornaconto?