Oggi pomeriggio è stato presentato nella Sala Civica del Comune di Peschiera il Piano Ambientale del Laghetto del Frassino. L'evento è straordinario perché per la prima volta si avvia una concertazione con la popolazione e con le associazioni prima della stesura del Piano e non a Piano concluso come avviene normalmente.

Sala gremita e pubblico molto attento. La dott. Anna Grazi, dirigente del Comune di Peschiera, ha illustrato il progetto, nato da una richiesta del Comune alla Regione, che ha approvato e finanziato il Piano con € 34.400,00.

La scelta del Parco di Interesse Locale, che si rifà alla legge regionale n.40 del 1984, è in linea di principio discutibile e potrebbe prestarsi ad utilizzi indebiti, oltre che a scambi di favori con i numerosi proprietari dei lotti che circondano il lago. Staremo a vedere con molta attenzione. Il Laghetto del Frassino è già protetto sia come SIC che come ZPS dalla normativa di Natura 2000 ed è già riserva di caccia e di pesca della Provincia di Verona. Perché avviare una nuova procedura di protezione quando era sufficiente rendere effettive le prescrizioni esistenti?

Michele Cassol e Cesare Lasen, incaricati con Paola Modena di stilare il Piano, hanno illustrato il lavoro in programma ed evidenziato le linee guida che fin d'ora si intendono percorrere. Si tratta di professionisti seri e di grandi conoscitori dell'argomento e questo ci fa ben sperare.

Bruno Mastini, che si è occupato per un decennio del Frassino in qualità di tecnico della Provincia, ha raccontato il lavoro fatto fino ad ora ed ha descritto le criticità, le urgenze e l'abbandono degli ultimi anni.

Gli interventi del pubblico sono stati numerosi e molto attinenti. Hanno dipinto una situazione in cui gli scuri prevalgono decisamente sui chiari, ricordando incendi, lottizzazioni, scarichi fognari, danneggiamenti vari e incuria.

Numerose e interessanti le proposte venute dal pubblico e dalle associazioni (WWF, Verona Birdwatching, Il Carpino, Comitato Parco delle Colline Moreniche), dalla proposta di creare una riserva integrale nella zona nord a quella di trasformare tutto il bacino del Lago in zona di coltivazione biologica, fino alla richiesta di classificazione di zona Ramsar per tutto il laghetto.

Qualcuno ha messo in evidenza la responsabilità personale dell'attuale assessore provinciale Venturi,  Vice Presidente della Provincia e Assessore alle Politiche del Settore Faunistico (Caccia-Pesca) e dell' Ambiente (ma non ci crede nessuno), che negli ultimi anni ha fatto mancare al Frassino qualsiasi tipo di sostegno e di finanziamento, concentrando tutte le sue energie sulla promozione della caccia.

Rimangono aperte alcune questioni:

-          Il Frassino è prima di tutto una zona di grande interesse naturalistico e di grande importanza per la sopravvivenza ed il passaggio di specie protette. Questo è nonostante tutti i disastri e questo deve rimanere.

-          Il Lago è in pessime condizioni a causa della fortissima pressione antropica (strade, autostrade, ferrovia, lottizzazioni varie, fabbriche confinanti, coltivazioni intensive della vite e del mais, prelievo di acqua per l'irrigazione). Questa pressione deve essere ridotta e non aumentata, come sta avvenendo tutt'ora.

-          La fruizione del Lago da parte di visitatori, studenti e turisti è un importante presidio anche per la tutela del lago, ma non deve pregiudicare le già precarie condizioni di un sito pesantemente compromesso.

Tenendo ben presenti queste esigenze, ben venga questo nuovo modo di lavorare e complimenti a chi ha avuto il coraggio di intraprendere questa nuova strada.

L'indirizzo a cui spedire il proprio contributo in proposte o critiche è: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Contenuti correlati

Land grabbing e distruzione del territorio collinare
Land grabbing e distruzione del territorio collinare A proposito di corsa alla terra, fa poca differenza che si pianti jatropha in Senegal o vigneti in Valpolicella: si tratta comunque di accaparramenti a scopo di... 1306 views Mario Spezia
Berlino Verona
Berlino Verona Riflessioni e confronti dopo un viaggio nel nord Europa.Sono da poco tornato da un viaggio in centro e nord Europa, e da veronese, osservando la situazione urba... 979 views giorgio_massignan
Carpino nero e Carpino bianco
Carpino nero e Carpino bianco Due alberi molto comuni e molto simili, almeno all'apparenza. Il carpino nero è l'albero più diffuso nella zona collinare e prealpina veneta e quest'anno è faci... 12614 views Mario Spezia
Sabato 25: Concerto al Maso
Sabato 25: Concerto al Maso Sabato 25 agosto, alle ore 20.30, nella corte del Maso di Montecchio, festa popolare con musica jazz, esposizione di quadri, assaggio di vini e degustazione di ... 1054 views Mario Spezia
L'acqua che beviamo
L'acqua che beviamo E' interessante ripercorrere la storia dell'approvvigionamento idrico della nostra città, dai tempi dell'antica Roma, quando l'acqua sorgiva veniva incanalata f... 1444 views Mario Spezia
Cosa mangeremo?
Cosa mangeremo? L'agro-industria, oltre a sterminare insetti, erbe utili e habitat, sta facendo terra bruciata. Letteralmente. Cosa accadrà al nostro sistema alimentare, dopo l... 1132 views antonio_nicolini
Condividere il cambiamento
Condividere il cambiamento Idee e proposte per il programma di attività ed eventi alla Barchessa Rambaldi di Bardolino per l'anno 2012.  ."Progettare significa gettare qualcosa ... 856 views luciano_zinnamosca
Perle di biodiversità
Perle di biodiversità Sulla biodiversità si leggono cose davvero sorprendenti, in bilico fra l'incredibile e il ridicolo.Si va dal Parco Zoo descritto come scrigno di biodiversità ai... 2624 views Mario Spezia