Al Circolo Pink di Verona, dal 6 all'8 febbraio, arriva Elena de Ghantuz Cubbe con il suo fiabesco Mondo Gatto, per riflettere sullo stato di salute della terra. Inaugurazione venerdì 6 febbraio alle 18.30

Il terzo appuntamento con l'arte presso il Circolo Pink di Verona e la terza edizione della rassegna WekEnd in mostra, che propone ogni mese un artista diverso nello spazio-tempo limitato a un fine settimana, porta al Pink, da venerdì 6 (inaugurazione alle 18.30) a domenica 8 febbraio, Elena de Ghantuz Cubbe con il suo Mondo Gatto.

 

Un universo delicato e fiabesco che dà spazio alla parte bambina di quest'artista romana, residente a Verona da oltre quaranta anni, che ha nel sangue un mix abbastanza insolito, con un nonno siriano e una nonna tedesca nel ramo paterno e un'intera generazione di romani doc in quella materna. Quando crea Elena libera quella parte bambina svincolata da pregiudizi ed aperta a recepire senza filtri le cose del mondo, mettendo da parte le mille sovrastrutture con cui la complessa civiltà occidentale costringe a fare i conti.

 

Dopo Piccolo Bang, frammenti, mostra del 2007, Elena de Ghantuz Cubbe torna con nuovi lavori a confrontarsi con l'esigenza profonda di uscire, almeno tramite l'arte, dal nostro mondo e dalle sue storture, colorandolo e dandogli nuova forma, ma anche giocando con le proprie paure, questa volta legate innanzitutto alla drammatica situazione in cui versa l'ecosistema del pianeta terra, gravemente compromesso dalle azioni degli uomini degli ultimi 200 anni. Quello di un "Mondo gatto", se vogliamo contrapposto al "mondo da cani" cui spesso viene da far riferimento pensando alla realtà che ci circonda, spiega l'artista, è un po' "un'illusione di un mondo futuro dove gli equilibri tra natura e umanità possono essere ricomposti". Un'illusione che nasce però dalla presa di coscienza dello stato di grave pericolo in cui versa la Terra oggi, e dalla sensazione che "la natura, maltrattata troppo a lungo, possa riprendersi tutto lo spazio che l'uomo ha malamente occupato".

Se tempo addietro l'artista ha lavorato molto sui "grattacieli", visti con ironia e tenerezza -ad esempio nell'opera Esplosione demografica un grattacielo che presentava delle aperture dall'interno, come se fosse scoppiato per l'incapacità di trattenere il suo contenuto, rappresentava con umorismo il problema della sovrappopolazione mondiale- oggi Elena de Ghantuz Cubbe gioca con questi vecchi grattacieli immaginandoli nel suo utopistico mondo, "dove natura e animali hanno ripreso il loro posto", e dove i gatti, animali allo stesso tempo grandi amici dell'uomo e intrinsecamente indipendenti, trovano uno spazio privilegiato.

 

Le sue composizioni sono un misto di tecniche e materiali diversi, un amalgama di tempere, ceramiche, parole e foto applicate su pannelli. Un universo animato soprattutto da animali e forme naturali. Quando, raramente, l'essere umano fa capolino in questo universo fantastico, viene rappresentato come un bambino, forse "gli unici ancora in grado di vivere in armonia con quanto li circonda".

 

Elena de Ghantuz Cubbe gioca anche con i titoli dei suoi lavori, tra il serio e giocoso, e un sottotitolo per questa mostra potrebbe essere "metamorfosi tra forma e gioco". Un universo, quello della Cubbe, colorato e sensibile, che invita a riflettere attraverso il gioco delle forme e delle storie che queste possono raccontare, dando espressione e vita a un mondo nuovo. Un mondo dove i colori e le forme, gli animali e la natura, possono creare nuovi equilibri e nuove prospettive.

La mostra sarà aperta anche sabato e domenica pomeriggio, dalle ore 16.00 alle ore 20.00. Il circolo Pink si trova in via Scrimiari 7/a, Verona.

info circolo 045 8065911

Contenuti correlati

La Scienza al centro dell'educazione
La Scienza al centro dell'educazione Un seminario, nel bicentenario della nascita di Charles Darwin, indaga il rapporto tra scienza ed educazione, mirando a offrire una più chiara e consapevole vis... 643 views alice_castellani
Uber Economy 4: invarianza
Uber Economy 4: invarianza Continua l'analisi dell'economia web 2.0. I vantaggi delle innovazioni tecnologiche scemano non appena diventano di dominio pubblico. Gli svantaggi, invece grav... 870 views Michele Bottari
Le passeggiate dell'erbecedario
Le passeggiate dell'erbecedario Proseguono le camminate tra le erbe a Sprea, tradizionali immersioni nella cultura erboristica e nella flora della Lessinia orientale.Quest'anno l'Erbecedario, ... 645 views loretta
Salute e Incenerimento dei Rifiuti
Salute e Incenerimento dei Rifiuti 13 ottobre 2011, ore 20.30-22.30 presso l'Ordine dei Medici, in via Locatelli 1, Verona. Convegno di aggiornamento, organizzato dalla Sezione Provinciale di Ver... 468 views redazione
Il pero Trentosso dei Margiuni
Il pero Trentosso dei Margiuni Altri tempi, altri Uomini…e la grandezza dei Piccoli! Qualcuno ha letto Requiem per un albero di Matteo Melchiorre?O L'Uomo che piantava alberi di Jean Gio... 1358 views dallo
Salviamo il referendum dell'acqu
Salviamo il referendum dell'acqu Un appello contro la ri-privatizzazione dell'acqua, provvedimento che subdolamente il governo Monti sta tentando di prendere nel silenzio generale. Alla faccia ... 567 views alex_zanotelli
Moglie e buoi dei paesi tuoi
Moglie e buoi dei paesi tuoi La globalizzazione è un sistema economico contro natura, nel senso che si regge solo con una forzatura sistematica degli equilibri naturali.Questo vale per le m... 2102 views Mario Spezia
Epidemia, pandemia - epidemie, pandemie
Epidemia, pandemia - epidemie, pandemie Il Burionismo, con il suo altisonante coro massmediatico, non ci basta per capire.Da settimane una giostra di numeri riempie di panico ancestrale la nostra uman... 2034 views cristina_cometti