Dalla Guiness Brewery e dal carcere Kilmainham in periferia, al Temple Bar e Grafton Street. La città con la percentuale giovanile più alta in Europa, intreccio di corpi e vite, dove l'attrattiva principale sono loro, i dublinesi.

Dublino è un cuore enorme, un apparato meccanico e fisico che produce in continuazione, senza tregua alcuna. non esiste in questa città angolo che non si possa dire in produzione. Ed è meraviglioso. Più difficile è definire cosa si produce. La risposta più diretta è vita.

Questa città ha la percentuale giovanile più alta in Europa e al contempo l'Irlanda è una delle economie con il maggior margine di sviluppo del continente. Nulla di sorprendente, quindi, se la prima impressione è un brulicare di corpi e vite che s'intrecciano di continuo, che si stimolano e progrediscono producendo una scena musicale totalmente a sè stante e innovativa, una scena teatrale che vanta padri illustri come Beckett e Wilde e che si manifesta in strepitose rassegne estive ed invernali di testi "off", alle qual partecipano personalità di calibro internazionale.

 

Dublino, più anime e una sola certezza. Le anime sono la periferia, dalla quale proviene la forza lavoro della città, ciò che olia il motore economico della capitale e la rende un'enorme unità di produzione. L'altra è il centro, il quartiere di Temple Bar e la lussuosa Grafton Street, dove si sviluppa la parte più visibile di quel mescolio a cui prima s'accennava.

 

La periferia avvolge la città come un guanto avvolge la mano; desolata e monotona, a tratti dispersiva, dà però a Dublino il suo carattere più intimo e profondo, è il luogo della classe operaia, delle enormi fabbriche, del monumentale carcere settecentesco di Kilmainham Jail, che ospitò per quasi trecento anni oppositori politici e rivoltosi all'Impero Britannico a fianco di assassini e mendicanti, luogo dove, alla fine degli anni ottanta, il regista Alan Parker ambientò quel capolavoro che fu The Commitmens.

 

In periferia è situata anche la Guinness Brewery, la fantomatica fabbrica della principale certezza dei dublinesi, la birra Guinness. Accalmata, disprezzata, troppo amara o troppo diversa questa bevanda è il perno della vita della popolazione irlandese. L'ora del pub, la pinta di Guinness è un rituale sacro ed intoccabile, inattaccabile.

 

La capitale irlandese è la patria del pub, il luogo di ritrovo tipico per tutto il giorno, dalla colazione a base di uova e salsicce, al pranzo dove a farla da padrona è la zuppa del giorno o, in alternativa, i gustosi sandiwiches, rigorosamente a più strati, e per finire a cena, dove, a partire dalle 17.30, vengono serviti i piatti tipici della cucina irlandese. Si va dal Dublin Cuddle, uno stufato a base di salsicce, cipolla e patate, all'Irish Stew, uno spezzatino a base di carne di montone, cipolle e naturalmente patate.

 

Altra anima di Dublino è il centro, dove il quartiere di Temple Bar è una meta irrinunciabile. Quartiere altamente degradato e popolare, è stato ristrutturato all'inizio degli anni ‘90 del secolo scorso, diventando in poco tempo l'arteria principale della vita dublinese. Qui vi sono infatti concentrati teatri e club, ristoranti multietnici, uno anche di tipica cucina mongola, librerie specializzate in tutti gli autori irlandesi possibili, negozi di attrezzature sportive e d'usato, articoli per funamboli e giocolieri e sale concerto.

Alternativa lussuosa all'istrionica Temple Bar è Grafton Street, da sempre zona della moda e del lusso cittadino, dove ai negozi griffati di Gucci e Calvin Klein si affiancano cantautori d'arpa celtica e caricaturisti. Attrattiva principe di questa città dalle molteplici sembianze, ma dall'indistinguibile carattere, non sono le numerose chiese, come la monumentale cattedrale di S.Patrizio, dove ogni famiglia ha un cuscino con ricamato punto croce il proprio strema araldico, o lo spettacolare Trinity College con le splendide pagine miniate del Book of Kells, uno dei libri più antichi mai rinvenuti.

L'attrattiva principe di questa città di contraddizioni e umiltà, del divertimento sfrenato che decolla nel week end, delle innumerabili pinte di birra, sono i dublinesi stessi. La popolazione di questa città, il suo carattere è un qualcosa di unico ed affascinante, che attrae e fa innamorare. La gioia di vivere dei dublinesi e la loro meravigliosa apertura a qualsiasi tipo di conoscenza,sia personale o culturale. Una serata in un pub di Dublino è un'esperienza di vita da provare. Decisamente.

Contenuti correlati

La salute è di tutti
La salute è di tutti Condividiamo l'appello del Coordinamento Provinciale Veronese Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani contro un emendamento che mira a eliminare il diritto al... 582 views fulvio_paganardi
Ma casa nostra è troppo piccola.
Ma casa nostra è troppo piccola. Ospitiamo un interessante articolo apparso su Tuttolibri - La Stampa, Sabato 9 maggio..Siamo diventati così, piatti, senza profondità, sottili lamine di luce su... 464 views marco_aime
Damnatio loci
Damnatio loci Uno strato di bruttura sta rivestendo in maniera inesorabile ogni metro quadrato del mondo in cui viviamo.Ieri sera navigavo in Internet e ho scoperto quanto fo... 560 views dallo
L'affare di Bolis
L'affare di Bolis Tenendo per buoni comunque i 17 mesi, si ottiene un importo mensile di 16.469,48 euro, e un importo annuale di 197.633,72 euro. Ben più, quindi, di quanto rifer... 465 views redazione
PIAZZA PULITA
PIAZZA PULITA Questi i punti del programma che viene proposto a chi crede che a Verona sia possibile una alternativa. Da nove mesi si sta discutendo, adesso è arrivato il mom... 609 views Mario Spezia
Dai frutti si riconosce la bontà di un albero
Dai frutti si riconosce la bontà di un albero Il sovrintendente Girondini inanella un successo dopo l'altro. Le sue scelte stanno mettendo in luce tutta la sua preparazione e la sua competenza. Se il sindac... 518 views dartagnan
Il cerchio della vita
Il cerchio della vita Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Pensavo alla massima del chimico francese Antoine-Laurent de Lavoisier mentre aravo l'orto di casa mia, s... 734 views attilio_romagnoli
Appello ARI per una PAC dei contadini
Appello ARI per una PAC dei contadini L'ARI chiede alle istituzioni europee e italiane un'equa Politica Agricola Comune (PAC), che torni a perseguire i suoi obiettivi originali, sicurezza, autodeter... 586 views associazione_rurale_italiana