Iscriviti alla newsletter della Zattera

Inserisci la tua email qui sotto e clicca su "Procedi"

L’archivione per mese

Schei e Salute

Mentre un tempo si considerava la salute il bene primario per qualsiasi essere umano, ricco o povero che fosse, ai nostri giorni siamo disposti a barattare la salute con pochi spiccioli.

Gli effetti indesiderati dei pesticidi sulle api

Lo studio, curato dai professori Stefano Maini, Claudio Porrini, Maria Teresa Renzi, del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’università di Bologna, propone una disamina completa degli effetti dei pesticidi sulla vita delle api. Lo scopo è quello di superare la fase delle vaghe lamentele per arrivare a pretendere dei comportamenti responsabili da parte delle autorità sanitarie, delle associazioni dei coltivatori e dei singoli agricoltori.

Water Views

Una interessante mostra di paesaggisti all’acquerello del XXI secolo proposta dall’Associazione TheArtsBox, in un proprio spazio espositivo nel cuore di Vicenza. Dal 12 aprile al 30 giugno 2014 in Contrà San Paolo 23, all’ombra della Basilica Palladiana.

Valpolicella al bivio

Domenica si vota per rinnovare le amministrazioni comunali della Valpolicella. Abbiamo inviato a tutti i candidati sindaci un appello. Ecco la loro risposta.

Dai frutti si riconosce la bontà di un albero

Il sovrintendente Girondini inanella un successo dopo l'altro. Le sue scelte stanno mettendo in luce tutta la sua preparazione e la sua competenza. Se il sindaco Tosi scapperà a Strasburgo, ora sappiamo chi potrà sostituirlo degnamente alla guida della nostra città.

Le riserve di caccia dei Riello a Ronco all’Adige

Ovvero di come un po’ tutto stia passando di mano dal pubblico al privato, compresi i finanziamenti pubblici già stanziati.

Liberta’ di espressione e democrazia

Giovedì 22 maggio ore 14.30 Convegno promosso dall’Ordine degli Avvocati di Verona presso la sede del Banco Popolare, Viale Delle Nazioni,10 – Verona. Ingresso libero e partecipazione consigliata.

Le Ville Venete della Valpolicella sono con Gabriele Fedrigo

Il sasso sta muovendo una frana. Su numerose ville venete della Valpolicella stanno comparendo le stesse scritte che Fedrigo ha appeso alle finestre della sua casa a San Vito di Negrar. L'intimidazione di Dal Negro sta ottenendo l'effetto opposto a quello desiderato. I proprietari delle ville si schierano con Fedrigo e l'iniziativa di protesta si sta estendendo a macchia d'olio.

Le palle eoliche di Rivoli

Ad uno ad uno vengono snaturati e smantellati tutti i SIC della provincia di Verona con l’avvallo delle associazioni ambientaliste e con il nulla osta di forestali, agronomi, botanici e naturalisti, i quali con le VIA e con le VINCA sui SIC sbarcano più che decorosamente il lunario.

Viuleeenza!

La vera natura dei violenti che infestano i movimenti e le manifestazioni degli ambientalisti: non infiltrati del regime, ma banali ultras calcisitici.

Non dire a Dal Negro BASTA CEMENTO

L’esposizione di due drappi bianchi con le scritte BASTA CEMENTO e ACQUA E ARIA SANE ha scatenato la reazione burocratica della Giunta Dal Negro che, appellandosi all’art. 48 del regolamento comunale, ha intimato all’autore del misfatto la rimozione dei teli “offensivi del decoro”.

Gigaro italiano, Arum italicum, Araceae

Capita spesso di vedere i suoi fiori color bianco-panna sui bordi delle strade, soprattutto nelle zone umide. Assomiglia alla calla (appartengono alla stessa famiglia), ma spunta senza gambo direttamente dal terreno. Possiede un meccanismo riproduttivo micidiale.

Drastica riduzione delle lepri e i cacciatori non sanno darsi una ragione

Un interessante articolo della rivista Il Cacciatore, organo ufficiale della Federazione Ufficiale delle Caccia, affronta il tema scottante del forte calo di popolazione delle lepri, riscontrato, guarda caso, durante i prelievi di rifornimento per la caccia. Il consiglio finale lascia esterrefatti.

Traforo: una trappola per topi

A lasciare interdetti è la soluzione ipotizzata per la messa in sicurezza di questa prima parte dell’opera, soluzione che prevede lo scavo di un budello di 2.30 m per 3.00 m lungo ben 4.3 km, attraverso il quale dovrebbero recuperare l’uscita a piedi coloro che si trovassero imbottigliati nel tunnel in una situazione di emergenza.