www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

I ghiri del Mandrielo

 
Ghiri mandrielo 412

Tre storie dalla montagna veronese. Sono state raccolte da Michele Dall'O' sulla cima Posta del Carega in occasione della 29ma Stambeccata. Raccontano di ghiri, e sono una metafora della lotta per l'accesso a risorse scarse e abbondanti.

Adesso ve conto ‘na storia vera de pochi ani fa. Ero mi con du bracheti; al baito del Mandrielo femo tapa, magnemo un paneto. Me scapa l'ocio su in te la gronda: g'ò ‘isto na specie de pantegana. Ala France gh'è na ìa la fame e la volèa scapare. Mi g'ò spiega' che coelo l'era un ghiro; na bestiola che te cati su par i monti e no la fa male a nesuno. Adesso ve conto le manovre de ‘sto ghiro par cavàrse la sé. El baito l'era coerto con le ondoline de lamiera. De note s'à formà la bruma ma l'è sparìa al levare del sole in picoli rigagnoli, formando dele gosse de acoa in ponta ale lamiere. El ghiro, che no l'era mìa stupido, cosa alo fato? Tra ondoline, asse e travi, gh'era dele sbaciarole alte cusita: l'è vignùo fora da de lì girando la schena in dò sora le asse e pansa in su. Con le do sate davanti el se tignéa ale lamiere e con la lengoa el ciuciava le gosse. Par tante olte el naséa rento par ‘sti busi da ‘na parte e fora da l'altra sempre ciuciando ste gosse, ma infine l'è sparìo. Semo resté a boca verta, ma no l'è mìa finìa.Vao e torno al baito con acoa ciapà da na fontanela lì visino. Se lavemo le man lassandoghene on poca nel secio e partemo completando el giro e a sera sen tornè a casa.



Dopo du dì son de novo al baito. Gh'è el camìn che fuma . Fora dala porta gh'è un butélo sentà, se saludemo e dopo g'ò contà coelo che g'avéa visto due giorni prima e adesso coando spunta el sole voi filmare el ghiro. Sto butelo el me goarda … El me dise: "De sora gh'è el me amico che dorme … Stanote semo dato el cambio parché anca noantri gh'emo catà on ghiro coasi morto negà in tel secio. Semo stè svei fin ale 4 con el fogo impissà scaldandolo e lassandolo rente ale brase. … Però poco fa coando son levà, el ghiro l'era sparìo. "Bon segno", g'ò dito! Vol dire che l'era vivo. Entremo al baito, verdo el zaino, fao colassion con i butei. El sole l'è indrìo spuntare, vegno fora, goardo sula gronda, speto on bel toco ma el ghiro nol se fa vivo. Lì par lì g'ò pensà che gh'era calcossa che no nasèa. Torno rento, sero el zaino, saludo i butei e via. A medodì altro spuntin. Son sentà sui pré del Malera; sento dei picoli rumori, no ghe fao caso … Ancora rumori … Resto de stuco, vedo rento in tel zaino on picolo ghireto che ròsega i me scartossi. L'ho ciapà in man, l'hò caressà e filmà e con le fregole de pan l'ho sfamà. Dopo son tornà al baito dove l'ho molà parché g'ò capìo che lì gera el so nìo. A so mama, che dala morte l'era scampà, el so ghireto g'ò riportà.

L' autore di questi due racconti è Aldino Anselmi di Colognola ai Colli, noto frequentatore della montagna e del Carega in particolare.

Questa terza storia me l'ha raccontata lo Stambecco del Carega (Sandro Varalta).

Una quidicina di anni fa, lui, Marco, Emilio, Marta e Valeria erano andati a fare la traversata invernale del Carega. Dopo aver dormito al Sinèl, era stata durissima, nel manto di neve, attraversare la Bocchetta delle Grole e arrivare fin al Rifugio Fraccaroli. Poi da qui calare al Pertica, e, dopo, essere giunti quasi al Passo Malera, scendere al Mandrielo per la meritata sosta. Emilio accende il fuoco, ma qualcuno mette i guanti troppo vicino e si … affumicano. Dopo essersi scaldati, è ora di chiudere il buco nella pancia. Ma, il tempo –era quasi imperversata una bufera – aveva fatto si che i rifugi fossero chiusi e quindi niente pane fresco. Sandro vede che c'è del pane raffermo su una mensola. Ma è tutto quanto rosicchiato dai ghiri. Le butele si rifiutano sdegnate e schifate, anche qualche uomo tergiversa. Ma lo Stambecco prende in mano la situazione: gratta via lo strato visitato dai dentini dei roditori e lo scalda sulla greola. Nessuno poi si rifiuterà di mangiare quel pane prezioso. Per una volta sono stati i ghiri, con le loro provviste coscienziosamente salvate durante l'inverno, a salvare gli umani dai morsi della fame!

Scrivi un commento