www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Incubo in Valpolicella

 

Sono in viaggio in India, in mezzo a una moltitudine sterminata di poveri, e ho fatto un brutto sogno sull'Italia.

Una Nuova Grande Alluvione, favorita dalla cementificazione e dall'abnorme espansione dei vigneti, ha sommerso Negrar. Tra morti, feriti e dispersi, decine di famiglie si sono messe in salvo su barconi improvvisati cercando salvezza a Fumane.
Ma il sindaco, Matteo Salvetti, eletto nella lista "prima quei de Fumane, i altri i vaga en mona", ha ordinato alla polizia municipale di rimandare i barconi a Negrar, dicendo: "Non possiamo accoglierli tutti noi, devono essere divisi tra tutti i comuni della Valpolicella".
Il capo di Forza Nuova, Adolfo Freda, ha organizzato un comizio contro la sostituzione etnica di quei de Fumane con quei de Negrar. Il Pd si è diviso. Il movimento 5 stelle ha indetto un referendum online a cui hanno partecipato i soli tre iscritti alla piattaforma: ha vinto il comitato no vax, sì Lega, no negri e no Negrar.
I barconi sono ancora fermi nel progno di Negrar: li aiuta solo la Caritas.

Scrivi un commento

Utente anonimo: Mario

Dalla Regione altri 2,4 milioni per i vigneti

L'Arena-sabato 13 ottobre 2018 ECONOMIA, pagina 8

Nuove risorse per la riconversione dei vigneti. Le stanzia la Giunta regionale del Veneto per un ammontare di 2,4 milioni di euro, in modo di dare risposta a tutte le domande pervenute sul bando uscito in primavera. Lo stanziamento andrà ripartito sulle misure di ristrutturazione e riconversione dei vigneti (1 milione), vendemmia verde (670mila euro circa), investimenti del Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo (730mila euro circa). «Avepa, l'agenzia per i pagamenti in agricoltura, a cui era stata affidata la gestione tecnica e amministrativa del programma di sostegno al settore vitivinicolo», spiega l'assessore veneto all'Agricoltura, Giuseppe Pan, «ha ricevuto domande di contributo per un importo complessivo di euro 18,9 milioni di euro». Considerata l'importanza assunta dal sostegno per lo sviluppo delle aziende vitivinicole alle prese con operazioni di ristrutturazione e riconversione vigneti, in un settore caratterizzato da elevata propensione al mercato, «si è ritenuto opportuno integrare la dotazione finanziaria già messa a bando, 16,5 milioni di euro, in modo da accogliere tutte le richieste formulate», conclude Pan.