www.veramente.org
Informazione e ambiente veronese

Giani Sisòn uselante de Castion

 

Dal suo rocolo sulla colma di Prabestemà il nostro amico uselante osserva perplesso il procedere dei lavori della ciclovia del Garda e annota le sua riflessioni.

Prabestemà è un buon osservatorio sul lago di Garda, situata com'è fra i Lumini e la Prada alta. Si sa che la caccia da postazione lascia molto tempo ai pensieri, alle divagazioni, alle riflessioni filosofiche e ontologiche. Ontos in greco antico non significa unto, ònto in dialetto, ma è il participio presente del verbo essere. Il nostro amico Sisòn osserva appunto la realtà varia e attuale che passa davanti ai suoi occhi e al suo cannocchiale: lo splendido paesaggio, il passaggio di volatili, il movimento delle barche nel lago e anche il procedere dei lavori della ciclovia del Garda. Osserva e annota sul suo blocchetto a quadretti, senza preoccuparsi troppo della forma.

15 (quindese) de luio
I sta tacando na strada in costa a la montagna da la parte de Limon. I ga da essar mati. No le vedeli mia tuti i preoni che piomba zo dal monte nel lago? Se vede che no i ga voia de morir veci.

15 (quindese) de agosto
Varda ti ci gh'è stamatina su la rotabile tacà in costa… no elo mia Danilo, el ministro grilìn, quel che se vede sempre in television, quel tipo là in bicicleta? La deve essar n'inaugurasiòn, gh'è tuti i sindaci e i giornalisti. Robe da mati! Sete milioni e mezo par 2 chilometri, el m'à dito el me amigo Mario, che el lese i giornai. Ma i grilini no i à dito fin a ieri che basta, che no se buta più via schei, che prima de far qualcosa bisogna guardar ben se la spesa la se paga?

25 (vintisinque) de agosto
Casso, i l'à verta l'altro ieri e stamatina l'è zà serà. I ga proprio i milioni da butar via da la parte de là! De sicuro è croà zò qualche pieròn, eh si, varda, gh'è anca la rete sbregà. Speren che qualchedun no g'abia lassà la menega!

5 (sinque) de setembre
Tuto fermo de là, ma ho savùo che i sta andando avanti de qua. El me amigo Mario l'à leto sul giornal che col 1° de otobre parte i laori a Brenzòn, che l'è proprio qua soto. I spende siè milioni par far sinque chilometri, però no i sa ancora da dove far passar la ciclabile, se su la strada o drio al lago. Su la strada no gh'é posto e drio al lago le biciclete le deve passar su le bale de la gente in costume. Quei de Marcesene, che iè sempre stè mati patochi, i l'à segnà diretamente su la gardesana. I dise in piassa che i giorni dispari passa le machine e i giorni pari passa le biciclete. L'è un sistema anca quel!

Sarea curioso de capir da dove salta fora tuta sta passion dei sindaci par le piste ciclabili. Vuto vedar che i s'à nacorti che la ciclovia l'è na galina dai ovi de oro?

A proposito de uselanti, gh'è un proverbio che fra poco el ven bon: Morti e santi, in cul ai uselanti.
El senso l'è intuitivo: con i morti e i santi il passo degli uccelli migratori finisce.


sisòn: germano reale
uselante: cacciatore
rocolo: postazione fissa di caccia con capanno e uccelli da richiamo
tacàr: iniziare
in costa: sul fianco
preoni: pietre
sbregà: strappata
casso: interiezione dialettale veneta derivata dall'espressione tedesca ach so
verta: aperta
serà: chiusa
croàr: cadere
lassarghe la menega: morire

Scrivi un commento

Utente: Attilio

quatro de magio

Numerose associazioni veronesi protocollano una istanza (come da statuto) al comune di Lazise per chiedere conto del progetto ciclopedonale che stava cementando il SIC Basso Garda, senza Valutazione d'Impatto ambientale, e contrariamente alle norme della Variante al PAT appena approvata. La risposta non é mai pervenuta dalla ri-eletta maggioranza che anzi, dela cementada ghe ná fato un vanto http://gognablog.com/la-ciclabile-lungolago-di-lazise/
Utente: Attilio

Es war am lago di Gardaaa...Aber ein Stein ist gefallen!

Belle giornate sulla Riviera dei Limoni
Il profumo seducente di olive, gelsomino e mimosa.
Dolcemente suscitato in lui sentimenti di tenerezza.
A Lazise, ha giurato fedeltà per sempre
Rif. Era sul lago di Garda
Sulla Riviera d'amor? Cupido
Dove è andato a Sofia in Val del Sogno
Il suo cuore era perso
Era sul lago di Garda
Nel porto di Saló
Sulla nave della nostalgia disse sottovoce
Ti amo nell'orecchio
Quando a Punta di San Vigilio il sole sprofonda nel lago
E una canzone di Gardone suona sottovoce
Racconta di poeti e governanti dei tempi passati
Di amore, di felicità ma anche della loro sofferenza.
Rif. Era sul lago di Garda
Sulla Riviera d'amor? Cupido
Lei gli mostrò Maderno, il Monte Baldo
E anche Saló.
Era sul lago di Garda
Su una barca a vela
Sulla nave dei sogni a Bardolino
Al tramonto.
https://m.youtube.com/watch?v=S_CdHl1OUf4